Come le vene vivono del sangue

Vita imperdonabile di Antonia Pozzi

Voto medio di 20
| 17 contributi totali di cui 5 recensioni , 12 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Molto è già stato detto su Antonia Pozzi, ragazza "imperdonabile" che, nonostante la sua breve vita, ha lasciato più di trecento poesie, numerose lettere, pagine di diari e circa tremila fotografie, e la cui figura è oggetto di una straordinaria risc ...Continua
Barbara
Ha scritto il 10/03/18
Amo Antonia Pozzi e mi piace che l'autrice di questa "vita imperdonabile" l'abbia affrontata con estrema semplicità ma con la stessa forza vibrante delle poesie della Pozzi. Riesce a ridare la sensazione delle cose e dei sentimenti la sue fragilità e...Continua
EmmeEmme
Ha scritto il 21/01/17
La tentazione dell'abisso

Bella autobiografia romanzata della poetessa Antonia Pozzi.
http://sonosoloparole-mm.blogspot.co.uk/2017/01/come-le-vene-vivono-del-sangue-di-gaia.html

Federica Lippolis
Ha scritto il 12/06/16

Non conoscevo Antonia Pozzi, prima di imbattermi in questo romanzo. Che dire: emozionante, toccante, efficace per comprendere la profondità di questa poetessa.

Agata e la tempesta
Ha scritto il 13/05/16
Io amo Antonia Pozzi

e ne parlo qui

https://libripensieri.wordpress.com/2016/03/21/come-le-vene-vivono-del-sangue/

zenzerino
Ha scritto il 14/03/16
Viaggio emozionante
Non conoscevo Antonia Pozzi - poetessa morta suicida nel ‘38 a soli 26 anni - prima di leggere questa delicata biografia. Una donna limpida come l’acqua ma, come l’acqua, destinata a prendere la forma che altri le costruirono addosso. Incapace di spi...Continua

Alesya
Ha scritto il Mar 25, 2017, 14:28
ma a Berlino si fece strada una consapevolezza più ampia. Sentii come una fitta improvvisa che non esisteva solo il mio dolore, esisteva anche il dolore. non solo il mio male, anche il male. e provai un profondo senso di pietà per il mondo, e di amor...Continua
Pag. 264
Alesya
Ha scritto il Mar 25, 2017, 14:27
Fu allora che sentii per la prima volta quel qualcosa nel respiro, il singulto sommesso, il suono sordo, e lo interpretai come pianto. Gli presi la mano, che stava lisciando una camicia già piegata. lui mi guardò con gli occhi asciutti, e mi disse: «...Continua
Pag. 233
Alesya
Ha scritto il Mar 25, 2017, 14:16
Parlavamo di letteratura, e di amore, e di come l’unica sacralità sia quella che emerge dalle stonature, da un incepparsi dello spirito, dall’urto di un’anima contro un’altra anima, o di un’anima contro le cose. in una parola: dalla poesia. e per la...Continua
Pag. 159
Alesya
Ha scritto il Mar 22, 2017, 13:22
Gli diedi ragione. Gli dissi che il pazzo desiderio di donarci che ci contraddistingue assorbe in noi qualsiasi energia, e ci rende incapaci di scalare le vette più alte. Gli diedi ragione, anche se aveva torto, perché lo amavo, e il mio amore era pu...Continua
Pag. 126
Alesya
Ha scritto il Mar 22, 2017, 13:21
Poi si era fermato di scatto. aveva appoggiato le spalle al muro di un antico palazzo e aveva guardato in alto, verso quel poco di cielo che osava farsi largo tra i tetti. Quindi aveva guardato me. i suoi occhi si erano fatti lucidi, e non aveva aggi...Continua
Pag. 124

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi