Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Come nascono le idee

Di

Editore: Laterza

3.7
(49)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 154 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8842086614 | Isbn-13: 9788842086611 | Data di pubblicazione:  | Edizione 3

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Education & Teaching , Non-fiction , Philosophy

Ti piace Come nascono le idee?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Come scocca la scintilla della novità, della creatività, della genialità? Cosa succede nel nostro cervello quando sì accende la lampadina dell'Idea, dell'intuizione? Si tratta di un momento magico, di una sorta di illuminazione, o piuttosto lo sbocciare di un'idea è il frutto estemporaneo di una lunga preparazione silenziosa? E come distinguere le buone intuizioni da quelle inutili? Le dinamiche di quel misterioso fenomeno che chiamiamo genericamente creatività sono sempre state, in particolar modo nella cultura occidentale, al centro di un vivo interesse, che si è alimentato di discussioni, ipotesi e ricerche non solo scientifiche. Oggi l'attenzione per questo particolare aspetto della mente e della natura umana ha raggiunto livelli altissimi e la società contemporanea attribuisce un valore senza precedenti al potenziale creativo degli individui, nella sua accezione più estesa: dalla fantasia manifestata in età infantile fino alla ricerca scientifica, dalle innumerevoli forme di espressione artistica alla produzione di beni, tecnologici e non. Tuttavia il termine "creatività" è volatile, ambiguo e troppo spesso usato in modo improprio. Di cosa parliamo veramente quando parliamo di creatività?
Ordina per
  • 4

    Un utile viatico verso le neuroscienze

    Boncinelli è un genio: intendo dire, nel senso semantico del termine, è uno scienziato di vaste conoscenze in grado di fare la differenza nel campo in cui opera. Il principale campo in cui ...continua

    Boncinelli è un genio: intendo dire, nel senso semantico del termine, è uno scienziato di vaste conoscenze in grado di fare la differenza nel campo in cui opera. Il principale campo in cui Boncinelli si manifesta un genio è quello della divulgazione scientifica, e non è un campo da disdegnare, anzi. Boncinelli è un fisico, di formazione, che ha sviluppato i suoi interessi nel campo della biologia, diventando un affermato ricercatore, in particolare nella biologia molecolare. Più recentemente, ha concentrato la sua attenzione di scienziato nell’ambito delle neuro-scienze, che rappresentano forse la frontiera più stimolante e dinamica dell’intero mondo scientifico contemporaneo. Boncinelli ha capito che attualmente le possibilità di effettuare nuove sconvolgenti scoperte nei meccanismi di funzionamento del cervello umano sono altissime, perciò suggerisce a molti giovani di intraprendere studi e ricerche in questo campo. Boncinelli è anche uno dei migliori traduttori di liriche greche, a conferma della vastità della sua cultura, che combina scienza e umanesimo. Boncinelli riesce, anche in questo volume dedicato alla mente e al cervello, ad esprimersi in modo simultaneamente rigoroso e chiaro. La sua abilità nello spiegare i concetti in modo efficace con chiarezza espositiva è ammirevole. La sua capacità di combinare competenze e conoscenze trasversali ne conferma la versatilità intellettuale. Perciò amo definirlo un genio, in senso leonardesco, per l’appunto.

    ha scritto il 

  • 4

    "Ma insomma, sappiamo che cos'è un'idea? No. Sappiamo come può nascere una buona idea? Non direi. Possiamo fare qualcosa per favorire lo sbocciare di nuove buone idee? Ne dubito. Ma allora perché ...continua

    "Ma insomma, sappiamo che cos'è un'idea? No. Sappiamo come può nascere una buona idea? Non direi. Possiamo fare qualcosa per favorire lo sbocciare di nuove buone idee? Ne dubito. Ma allora perché hai scritto questo libro? E' stata un'idea..." Però, grazie ai progressi della scienza e della tecnologia, possiamo dire dove scocca un'idea. Lo sapevate che se potessimo dispiegare la corteccia cerebrale di noi umani, questa occuperebbe lo spazio di una tovaglia di un metro per due? Lo sapevate? sapevatelo!

    ha scritto il 

  • 4

    è una buona idea...

    Una buona idea è quella di prendere Come nascono le Idee e leggerlo tutto di un fiato. Boncinelli, genetista e fisico, racconta con leggerezza come il nostro mondo sia percepito, elaborato e ...continua

    Una buona idea è quella di prendere Come nascono le Idee e leggerlo tutto di un fiato. Boncinelli, genetista e fisico, racconta con leggerezza come il nostro mondo sia percepito, elaborato e raccontato grazie ad un infinito numero di connessioni. In realtà uno scienziato non parlerebbe mai di infi nito di fronte ad un sistema certo complesso, ma circoscritto, analizzabile. Per un normale lettore, a cui è destinato il libro, il mondo della neurobiologia è talmente ampio da risultare infinito. Una scrittura semplice e precisa, come solo gli scienziati sanno fare, racconta fra fi losofi a, psicologia e biologia come l’idea non sia mai un colpo di genio ma sempre frutto di un processo complesso, anche se dura un attimo. La coscienza, la consapevolezza sembrano finalmente acquisire sostanza divenendo il modo con cui l’uomo ha imparato a differenziarsi dal resto del mondo e non più il modo con cui giudica. Infine la creatività, parola il cui solo suono evoca inutili banalità, inizia ad aver un senso compiuto distinguendosi dal raziocinio ma anche dalla follia e dal genio. Insomma scrivere questo libro è stata una buona idea, leggerlo anche.

    ha scritto il 

  • 5

    Ultimamente ho fatto scorpacciata di testi che direttamente o indirettamente trattano di Scienze Cognitive sulla base degli ultimi studi delle Neuroscienze.

    Questo di Boncinelli, che come sempre non ...continua

    Ultimamente ho fatto scorpacciata di testi che direttamente o indirettamente trattano di Scienze Cognitive sulla base degli ultimi studi delle Neuroscienze.

    Questo di Boncinelli, che come sempre non delude per chiarezza e precisione, peraltro senza appesantire più del necessario con nozioni di neurologia, avrebbe dovuto essere il primo della serie perché traccia una panoramica ampia, ma allo steso tempo sufficientemente sintetica dell'argomento. E' un ottimo libro per chi desidera approcciare alle funzioni del Sistema Nervoso; insieme agli argomenti classici c'è una digressione comparativa tra funzionamento del cervello e Intelligenza Artificiale per capire quanto e come i calcolatori assomigliano/non assomigliano a noi. Nel finale, inoltre, è dato ampio spazio alla questione della creatività e le sue implicazioni con l'intelligenza, in particolare come si accendono le "lampadine" delle grandi intuizioni. Ma si parla anche di emozioni e di motricità, sempre in un ottica olistica.

    Come al solito consiglio questo, come gli altri dell'autore, soprattutto a chi svolge un lavoro che debba tener conto della complessità delle funzioni del pensiero, dell'emozione e dell'azione. Ma alla fine non saprei dire quale categoria di persone possa essere esclusa dall'avere queste informazioni così importanti.

    ha scritto il 

  • 3

    Sembra una raccolta di saggi di autori diversi: la prima parte è interessantissima, praticamente una rivelazione (voto 4 stelle); segue un centone di cose generiche e un po' risapute (voto 2 ...continua

    Sembra una raccolta di saggi di autori diversi: la prima parte è interessantissima, praticamente una rivelazione (voto 4 stelle); segue un centone di cose generiche e un po' risapute (voto 2 stelle).

    ha scritto il 

  • 3

    Un piccolo saggio per muovere i primi passi nel mondo complesso e mutevole delle neuroscienze. Boncinelli traccia le coordinate per una storia dello studio del cervello, campo ampissimo e spesso ...continua

    Un piccolo saggio per muovere i primi passi nel mondo complesso e mutevole delle neuroscienze. Boncinelli traccia le coordinate per una storia dello studio del cervello, campo ampissimo e spesso divulgato in modo scorretto (penso ai tanti articoletti che vengono pubblicati sui quotidiani o sulle riviste "generaliste"). Interessante e scorrevole, utile per chi si avvicina con curiosità ai campi di studio della nosta mente.

    ha scritto il 

  • 4

    libretto agile e ben scritto in tono divulgativo sull'argomento del titolo. La prima parte del libretto ha un taglio scientifico illustrando sia il funzionamento biologico del cervello, sia i ...continua

    libretto agile e ben scritto in tono divulgativo sull'argomento del titolo. La prima parte del libretto ha un taglio scientifico illustrando sia il funzionamento biologico del cervello, sia i meccanismi del pensiero, sempre con un taglio divulgativo; le nozoni riportate sono però rigorose e le più aggiornate rispetto agli studi recenti. Analizza successivamente il rapporto tra intelligenza e creatività, segnalendone le affinità e le differenze per poi concludere, con cenni biografici di creativi sia artistici che scientifici, con indicazioni utili alla creatività. L'ho trovato utile, piacevole alla lettura ed interessante. Niente di eclatante, non un capolavoro ma un utile manualetto sul pensiero creativo.

    ha scritto il 

  • 2

    Uno dei miei attuali interessi è lo studio delle neuroscienze, in particolare il problema delle basi neurofisiologiche della conoscenza e dell'apprendimento. Alla ricerca di libri sull'argomento ...continua

    Uno dei miei attuali interessi è lo studio delle neuroscienze, in particolare il problema delle basi neurofisiologiche della conoscenza e dell'apprendimento. Alla ricerca di libri sull'argomento (dopo le ottime scoperte di Zeki e Goldberg) ho raccolto da uno scaffale di libreria questo libretto di Boncinelli. Molto deluso. Sintesi (forse addirittura sbobinatura) di una sua relazione al Festival della mente di Sarzana, il volume è molto introduttivo, molto più che divulgativo, direi semplificante. Consigliato solo a chi non dovesse sapere proprio nulla e avesse la necessità di farsi un paio di idee sulla questione.

    ha scritto il 

  • 3

    Ero incerto se assegnare tre o quattro stelle. Di sicuro è un buon libro di divulgazione, ma spesso si dilunga in modo piuttosto prolisso su temi triti e ritriti, e si ha non di rado l'impressione ...continua

    Ero incerto se assegnare tre o quattro stelle. Di sicuro è un buon libro di divulgazione, ma spesso si dilunga in modo piuttosto prolisso su temi triti e ritriti, e si ha non di rado l'impressione che l'argomento promesso nel titolo, e cioè come nascano le idee, venga continuamente sfiorato, circondato, avvicinato, ma mai davvero affrontato. Comunque una lettura facile e interessante.

    ha scritto il 

  • 5

    E' un'idea

    Utilissimo leggere questo libro, che in modo semplice e piano esplora i meandri del pensiero e i meccanismi che regolano il formarsi delle idee.
    Mistero che l'autore non può sciogliere ma che fa ...continua

    Utilissimo leggere questo libro, che in modo semplice e piano esplora i meandri del pensiero e i meccanismi che regolano il formarsi delle idee.
    Mistero che l'autore non può sciogliere ma che fa capire come sia difficile definire la creatività. Confini labili tra creatività e malattia, creatività e intelligenza, originalità e eccentricità.
    Un libro che fa pensare, ma che, se non scocca la scintilla, idee non ne fa venire.

    ha scritto il