Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Come si sbriciola un biscotto?

Affascinanti storie di chimica del quotidiano

Di

Editore: Longanesi (La lente di Galileo)

3.9
(170)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 311 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8830421138 | Isbn-13: 9788830421134 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Libero Sosio

Genere: Education & Teaching , Non-fiction , Science & Nature

Ti piace Come si sbriciola un biscotto??
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La chimica è la protagonista di questo godibilissimo libro del professorSchwarcz. Il punto di partenza è una nutrita serie di domande che a chiunquepuò essere capitato di porsi, tra cui quella da cui deriva il titolo del libro(perché i biscotti si sbriciolano facilmente?) e molte altre che danno luogo aspiegazioni vivaci e comprensibili, conducendo il lettore a riflettere sunumerosi fatti della vita quotidiana - legati in particolar modo alla nostrasalute - e a comprenderli dal punto di vista scientifico. Joe Schwarcz insegnachimica alla McGill University di Montreal ed è molto conosciuto in Canadagrazie alla sua opera di divulgazione scientifica, per la quale è statopremiato dalla American Chemistry Society.
Ordina per
  • 5

    Come rendere la chimica una materia accessibile (e interessante!) anche per quelli che durante le ore di matematica, fisica e chimica al liceo si annoiavano a morte!

    ha scritto il 

  • 4

    Un ottimo libro divulgativo di chimica, con brevi capitoli che spiegano in virtù di quali principi della chimica succedono alcune cose, ad esempio perché i biscotti di sbriciolano. Scritto in uno stile colloquiale ma senza banalizzare, lo si legge con piacere.

    ha scritto il 

  • 3

    Non tutti sanno che

    Un libro carino, forse da qualcosa di più di tre stelle. Un insieme abbastanza slegato di curiosità, aneddoti e false credenze demistificate che riguardano la chimica. Il difetto che gli ho trovato è che tutti gli argomenti trattati, che sono davvero tanti, non vengono assolutamente approfonditi ...continua

    Un libro carino, forse da qualcosa di più di tre stelle. Un insieme abbastanza slegato di curiosità, aneddoti e false credenze demistificate che riguardano la chimica. Il difetto che gli ho trovato è che tutti gli argomenti trattati, che sono davvero tanti, non vengono assolutamente approfonditi ma vengono semplicemente accennati per tre o quattro pagine; mi viene in mente la rubrica “non tutti sanno che” della Settimana enigmistica. In realtà, tutti questi capitoli, starebbero benissimo come articoli della rubrica scientifica di un quotidiano o di un settimanale di attualità ma per un libro di divulgazione li trovo un po’ troppo superficiali. Segue un po’ quella che secondo me è la moda dei documentari statunitensi (e purtroppo ormai da anni anche di quelli europei) di accennare mille cose diverse senza soffermarcisi altrimenti le persone si annoiano; un mordi e fuggi scientifico. Si potrebbe ribattere che per chi non ne sa niente di chimica, o di argomenti scientifici in generale, l’approfondimento potrebbe essere incomprensibile, ma non sono assolutamente d’accordo su questo: ho provato a far leggere un paio di libri di Dario Bressanini (divulgatore scientifico e demistificatore di mode e leggende metropolitane che riguardano la chimica, vedere il suo interessantissimo blog: http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/ ) ad una mia amica che conosce la chimica, e le materie scientifiche in generale, meno di quanto io conosca il marziano antico. Non speravo nemmeno di ottenere un tale risultato: i libri le sono sembrati comprensibilissimi, molto interessanti ed ha smesso di credere alle mille magie/superstizioni di moda ora (omeopatia, ogm, biodinamica, glutammato, ecc).
    Approfondire si può (e si deve, secondo me).

    ha scritto il 

  • 2

    Praticamente è la rubrica dei consigli della nonna, solo che la nonna è un chimico. In sé sarebbe anche carino ma i vari * consigli * sono raggruppati senza filo logico, esposti senza mordente e tradotti in maniera approssimativa. Alla fine quel che si sbriciola è solo l'interesse.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi aspettavo molto di più. Una chiacchierata con qualche curiosità storica e chimica, ma non mi pare proprio un libro da perderci la testa. Alcune informazioni su prodotti smacchiatori americani sono assolutamente inutili (al limite del: che ce l'avete messe a fare nella versione italiana?). Racc ...continua

    Mi aspettavo molto di più. Una chiacchierata con qualche curiosità storica e chimica, ma non mi pare proprio un libro da perderci la testa. Alcune informazioni su prodotti smacchiatori americani sono assolutamente inutili (al limite del: che ce l'avete messe a fare nella versione italiana?). Racconti "sprecati" pure ce ne sono: bene la triste storia della diossina, ma sapere che ha catene lunghe con molecole di idrogeno (invento) invece che corte con atomi di azoto, a me proprio non interessa: de gustibus....

    ha scritto il 

  • 5

    il miglior divulgativo scientifico che abbia letto

    I pregi di questo libro sono molto numerosi:
    -scorrevolezza
    -interesse
    -piccoli capitoli essenziali ma esaustivi
    -vastità di argomenti trattati (una miriade)

    è senza dubbio il libro di divulgazione perfetto, dice tutto senza annoiare, fa riferimento a dati e a fatti ...continua

    I pregi di questo libro sono molto numerosi:
    -scorrevolezza
    -interesse
    -piccoli capitoli essenziali ma esaustivi
    -vastità di argomenti trattati (una miriade)

    è senza dubbio il libro di divulgazione perfetto, dice tutto senza annoiare, fa riferimento a dati e a fatti e non parla mai per "scienza infusa" (cioè "una cosa è così perchè è così punto e basta"); ottimo se si vuole sia avvicinarsi alla chimica attraverso aneddoti interessanti in ogni componente del quotidiano, altresì consigliato se si vuole far propri una serie di curiosità storiche nonchè chimiche da raccontare in occasion di conversazioni essendo gli aneddoti eruditi senza essere tediosi anzi possono risultare divertenti e ironici.

    Parte uno:
    Ricca di consigli su come migliorare la propria salute con cibi e "prodotti" chimicamente e scientificamente consigliabili, istruttiva, piacevole e senza pregiudizi nei confronti di cibi particolari, ogni affermazione èargomentata con motivazioni scientifiche. Leggere questi capitoli può aiutarvi a omprendere meglio i meccanismi che muove una sana alimentazione, sensibilizzandovi più di qualunque dietologo. Da leggere

    Parte due:
    parte focalizzata sul campo "applicativo" della chimica, sulla nascita e sviluppo di molte invenzioni che diamo per scontate e che invece non dovremmo essendo esse molto più recenti di quanto possiamo immaginare. Capitolo per farsi una bella cultura.

    Parte tre:
    La più storica e romantica, presenta storie di personaggi ricchi a volte di contraddizioni e caratterizzati da storie con destini incrociati con altri personaggi famossissimi della storia (Hitler, Houdini per esempio); il tutto arricchito da atmosfere e curiosità che ricreano perfettamente lo spirito di ogni capitolo (per certi versi "tatrale")

    Parte quattro:
    La più ironica e spassosa parte volta alla demistificazione e allo "sputtanamento" delle pseudo-scienze-farmacologie etc etc.
    Fin troppo breve per i miei gusti, ma forse è proprio questo a renderla così particolare e unica nel libro

    Mi sono innamorato di questo libro, lo consiglio a tutti specialmente a coloro che amano la scienza o che vogliono intraprendere un percorso scientifico.

    Imperdibile

    ha scritto il 

  • 3

    Libro divulgativo sulla chimica che ci circonda ogni giorno. Discorsivo, molto semplice. La troppa semplicità, unita allo scarso rigore scientifico, ne fa un libro carino ma sicuramente non necessario. Un po' di dettagli in più non avrebbero di sicuro fatto male. Molto meglio I bottoni di Nap ...continua

    Libro divulgativo sulla chimica che ci circonda ogni giorno. Discorsivo, molto semplice. La troppa semplicità, unita allo scarso rigore scientifico, ne fa un libro carino ma sicuramente non necessario. Un po' di dettagli in più non avrebbero di sicuro fatto male. Molto meglio I bottoni di Napoleone di Penny Le Couteur e Jay Burreson.

    ha scritto il