Come un angelo

Di

Editore: Arnoldo Mondadori (I Romanzi, 952)

3.6
(90)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 327 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Polacco , Chi tradizionale

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Rosa

Ti piace Come un angelo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
serie Huxtable n.4Senza un penny e vittima dei pettegolezzi che la vogliono coinvolta nella morte dell’ex marito, Cassandra Belmont è disperata. Chi potrebbe mai volerla ancora in moglie? Perciò decide di trovarsi un amante, che naturalmente dovrà essere molto ricco. Per fortuna l’affascinante Stephen Huxtable, conte di Merton, è tra i pochi a non credere alle voci che circolano, e per Cassandra si rivela fin troppo facile farlo innamorare. Quello che non aveva considerato è che Stephen potesse sorprenderla chiedendole ben di più.
Ordina per
  • 5

    Rilettura meravigliosa (allora non tutti i romanzi non resistono alla prova del tempo!). E pensare che un paio d’anni fa gli avevo assegnato tre misere stelle. Cosa mi è piaciuto? Intanto il fatto che ...continua

    Rilettura meravigliosa (allora non tutti i romanzi non resistono alla prova del tempo!). E pensare che un paio d’anni fa gli avevo assegnato tre misere stelle. Cosa mi è piaciuto? Intanto il fatto che lei è più vecchia di lui. Poi – e qui sta l’abilità della Balogh – che nonostante il personaggio di Stephen sembri quello di un lieve e gioioso cherubino, non lo sia affatto. E che lei – novella mantide religiosa pronta a sedurlo con freddezza – si ritrovi in lacrime di fronte a tanto candore. Insomma, bisogna leggerlo.
    Nota tecnica: il titolo del romanzo è “Seducendo un angelo”, che è ciò che accade, ma non solo. La versione italiana storpiata ci può anche stare, sia pur perdendo di incisività.
    La copertina della copia in mio possesso è più atroce delle solite brutture di questo tipo di pubblicazioni, insomma, non si può vedere. Quella originale punta sulla protagonista. Non dice nulla, ma se non altro è guardabile.

    ha scritto il 

  • 5

    Bellissima la prima parte, un po’ meno la seconda. La vedova che cerca un lord senza tanta spina dorsale perché sia più manovrabile è una figura molto intrigante, ma il lord (nientepopodimeno che il c ...continua

    Bellissima la prima parte, un po’ meno la seconda. La vedova che cerca un lord senza tanta spina dorsale perché sia più manovrabile è una figura molto intrigante, ma il lord (nientepopodimeno che il capostipite degli Huxtable in persona) che dovrebbe essere un pupazzo a molla nelle sue mani dimostra di non essere per niente quel ragazzotto sciocco e vanesio che è in apparenza. Quando i misteri crollano e la trama prende una piega diversa tutto si fa più insipido e il finale è davvero tirato via da non dire. Un vero peccato perché si sarebbe meritato di più, ma comunque un buon romanzo.

    ha scritto il 

  • 4

    Temo purtroppo che con la Balogh sono arrivata a un punto molto prossimo alla rottura. Quello che prima mi sembrava una curata introspezione dei personaggi adesso mi sembrano pagine e pagine di pippe ...continua

    Temo purtroppo che con la Balogh sono arrivata a un punto molto prossimo alla rottura. Quello che prima mi sembrava una curata introspezione dei personaggi adesso mi sembrano pagine e pagine di pippe mentali; quello che prima mi sembrava semplicità ma d’effetto adesso mi sembra solo noia mortale. Questo romanzo non sono quasi mai riuscita a leggerlo per più di 50 pagine consecutive, rischiavo di morire dal sonno oppure di sprofondare nella depressione (ma questa autrice è sempre stata così?). Dalla premessa potrebbe sembrare che il libro non mi sia piaciuto, e invece, cosa che neanche io riesco a spiegarmi, questo è stato il miglior Balogh che abbia letto da Prima le nozze! Peccato che il romanzo mi abbia lasciato con una brutta sensazione sui due protagonisti. VOTO 7-

    ha scritto il 

  • 4

    He de decir que el libro me ha decepcionado un poco, ya que el protagonista debería haber sido Stephen pero para mi gusto la gran protagonista es Cassandra, a lo largo del libro tiene muchos momentos ...continua

    He de decir que el libro me ha decepcionado un poco, ya que el protagonista debería haber sido Stephen pero para mi gusto la gran protagonista es Cassandra, a lo largo del libro tiene muchos momentos de una delicadeza y unos sentimientos que te llegan al alma; es un personaje atormentado que a pesar de haber sufrido mucho en la vida no duda en dar todo su cariño a las personas desamparadas que tiene a su cargo.

    ha scritto il