Comeback. Colpo su colpo

Di ,

Editore: Rizzoli (BUR. Scrittori contemporanei)

3.7
(40)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 247 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8817041483 | Isbn-13: 9788817041485 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Andrea Carlo Cappi ; Postfazione: Massimo Carlotto

Genere: Mistero & Gialli

Ti piace Comeback. Colpo su colpo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Un ladro geniale, una squadra di complici non sempre affidabili, poliziotti di rara tenacia, una rapina "perfetta" e un bottino succulento. Ecco gli ingredienti di una brillante partita a scacchi sul filo della tensione. Parker, il guru della truffa, è ormai da anni a riposo nel New Jersey con la sua compagna, Claire. Ma i 300.000 dollari di fondi raccolti da un ricco e disonesto predicatore televisivo nel corso di una serie di incontri negli stadi sono una tentazione sufficiente a farlo tornare in gioco. L'occasione è irripetibile, grazie alla presenza di un informatore dall'interno. E i complici sono tre abili professionisti del crimine: Liss, Mackey e Brenda. Eppure anche un colpo perfetto può nascondere brutte sorprese: qualcuno vuole mettere Parker fuori gioco e tenere quei 300.000 dollari tutti per sé. Braccato da poliziotti, criminali e uomini del predicatore, ora Parker ha un solo obiettivo: rimettere le mani sul bottino perduto. E nessuno potrà fermarlo. Postfazione di Massimo Carlotto.
Ordina per
  • 4

    Rubare ai predicatori porta all'inferno?

    «Tutto quello che Westlake ha scritto celandosi sotto falsa identità è buono, il resto è ancora meglio. Se non avete tutto, andate dal vostro libraio, compulsate i cataloghi, ordinate, leggete. Nient' ...continua

    «Tutto quello che Westlake ha scritto celandosi sotto falsa identità è buono, il resto è ancora meglio. Se non avete tutto, andate dal vostro libraio, compulsate i cataloghi, ordinate, leggete. Nient'altro» E' Jean-Patrick Manchette al termine delle pagine dedicate al creatore del personaggio Parker, nel suo "Le ombre inquiete". Perché Richard Stark è lo pseudonimo di Donald Westlake, usato per raccontare le storie del rapinatore di professione Parker. E dopo questo primo approccio - divertente, avvincente, convincente - credo seguirò i precetti del maestro francese: Westlake - Stark diventerà una delle traiettorie di lettura noir dei prossimi mesi (semmai fregasse a qualcuno oltre a me). Manchette dice anche che gli scritti su Parker giungono quando il «giallo ha smesso di essere la letteratura morale dei nostri tempi». Non so. Mi è piaciuto però il mondo dei predicatori che Parker e soci decidono di assaltare, spinti dai soldi, tanti, che vengono raccolti nelle sedute di religione collettiva negli stadi. Piace il modo in cui lo fanno, da professionisti, come si ingarbuglia e si dipana la vicenda, tra colleghi inaffidabili, ragazzi che si improvvisano rapinatori, poliziotti troppo zelanti e il panorama sociale che ne esce. Westlake - Stark tratteggia mondi diversi ma il meglio non è sempre dalla parte della legge. E a proposito di lettura "sociale": «Non era andata così. Era stata una concatenazione di errori, da ogni parte. Lo sbaglio di Ralph era stato di non credere che i suoi amici avrebbero fatto sul serio del male a sua sorella. Quanto a Woody e Zack, la cui conoscenza del mondo derivava solo dai film e dalla tv, non erano al corrente che, nella vita reale, se a una persona si mette ripetutamente la testa sott'acqua in una vasca da bagno, si finisce per l'ammazzarla». Ripensando a un fatto recente di cronaca nera a Rimini, sono parole che fanno riflettere.

    ha scritto il 

  • 4

    il mio primo Stark, grazie a Jimbose per la dritta

    Questo è veramente un grande scrittore!
    Bei dialoghi, ottimo ritmo.
    Storia interessante con tanti "mini-colpi" di scena.
    Difficilmente si riesce ad immaginare cosa stia per accadere.
    Ottimo maniera di ...continua

    Questo è veramente un grande scrittore!
    Bei dialoghi, ottimo ritmo.
    Storia interessante con tanti "mini-colpi" di scena.
    Difficilmente si riesce ad immaginare cosa stia per accadere.
    Ottimo maniera di esporre i fatti, alternando presente e passato e intrecciando le storie di molti personaggi.
    Descrizioni minimaliste ma molto efficaci.
    A catalizzare il tutto ci sono delle "coincidenze" geniali.
    Parker ha le palle quadrate, però Brenda è una grande!+
    Consigliatone

    ha scritto il