Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Comprami

By Valeria Campana

(49)

| Paperback | 9788895865690

Like Comprami ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Bella, giovane, apparentemente sicura di sé e ben attenta a valorizzare il proprio corpo, Iris spende denaro - che spesso non ha - in vestiti di qualunque marca e prezzo, in stivali cinte e borsette, ma anche in gadget della Roma per il fidanzato e s Continue

Bella, giovane, apparentemente sicura di sé e ben attenta a valorizzare il proprio corpo, Iris spende denaro - che spesso non ha - in vestiti di qualunque marca e prezzo, in stivali cinte e borsette, ma anche in gadget della Roma per il fidanzato e soprammobili per la casa in cui vive con i genitori. Iris acquista qualsiasi oggetto le possa restituire un'immagine migliore di sé, farla sentire qualcuno, rassicurarla e gratificarla. La madre le ha insegnato che la bellezza è una dote che non bisogna sprecare, e che anzi deve essere messa a frutto per farsi strada nella vita. Così per ripianare i debiti e continuare a pagare quello che compra, Iris non trova che una soluzione: prendere l'insegnamento della madre alla lettera, facendo del proprio corpo uno strumento di scambio. In fondo, le sembra giusto valorizzare il dono che la natura le ha fatto. Ma questa spirale di acquisti, debiti e appuntamenti la trascina sempre più verso gli abissi di un mondo ingovernabile. Finché l'incontro con un uomo che sembra sinceramente interessato a lei le fa sperare di poter davvero cambiare vita, di poter anteporre i sentimenti all'interesse economico. Un uomo ricco e generoso, ma molto, forse troppo simile a lei.

20 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Storia tutt'altro che consolatoria, costruita su ottimi personaggi. Per alcuni è inevitabile provare simpatia, altri risultano detestabili - la madre della protagonista Iris e il collega Fabio - ma in nessun caso si ha l’impressione che siano modella ...(continue)

    Storia tutt'altro che consolatoria, costruita su ottimi personaggi. Per alcuni è inevitabile provare simpatia, altri risultano detestabili - la madre della protagonista Iris e il collega Fabio - ma in nessun caso si ha l’impressione che siano modellati su cliché. Insomma, c'è molta verità. In particolare sono interessanti le dinamiche interne alla famiglia della ragazza. Un padre inetto ma tenero, che per qualche motivo immagino con le sembianze del protagonista di un film di Ken Loach, Il mio amico Eric - un altro capofamiglia poco rispettato e deriso anche per la sua onestà - e una madre terribile, devastata dagli Harmony e dalla televisione, che ripete in continuazione alla figlia, come un mantra: “ti meriti di meglio”. Penso che ci siano parecchie Iris in giro, più di quante ne immaginiamo, e che alla base delle loro peggiori rovine ci sia sempre una vocina cattiva consigliera che ripete al loro orecchio: “ti meriti di meglio”. È la voce del nostro tempo, e questo romanzo lo sa raccontare in modo onesto.

    Is this helpful?

    Matteo Ferrario said on Oct 24, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non ho empatizzato con il libro.
    Per essere un'opera prima (credo) mi è sembrato troppo "leccato" nella scrittura, rifinito e smacchiato, nei contenuti. Mi sono riconosciuto nei luoghi descritti - sono cresciuto in una zona tra Tuscolano e Piazza Vit ...(continue)

    Non ho empatizzato con il libro.
    Per essere un'opera prima (credo) mi è sembrato troppo "leccato" nella scrittura, rifinito e smacchiato, nei contenuti. Mi sono riconosciuto nei luoghi descritti - sono cresciuto in una zona tra Tuscolano e Piazza Vittorio - e ciò ha reso più sopportabile la lettura che è andata via liscia ma senza sussulti (solo un paio di bei flash, un po' pochino).
    Potrebbe essere una buona sceneggiatura per una doppia serata sulle reti TV nazionali.

    Is this helpful?

    Cattiverio said on Jul 8, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Roba da donne? Assolutamente no!

    Un esordio importante. È un'opera prima e a tratti si vede nell'attenzione a rendersi comprensibili e quindi a spiegare un po' più di quanto sia necessario.
    Perché la storia (e la malattia) della protagonista sono illustrate benissimo dalla descrizio ...(continue)

    Un esordio importante. È un'opera prima e a tratti si vede nell'attenzione a rendersi comprensibili e quindi a spiegare un po' più di quanto sia necessario.
    Perché la storia (e la malattia) della protagonista sono illustrate benissimo dalla descrizione pulita dei fatti e e dalla messa in parole dei travagli e dei pensieri della protagonista stessa.
    Approcciato con un po' di diffidenza, perché pensavo di trovarmi davanti a "un libro di donne, sulle donne, per le donne", il racconto invece mi ha preso per la sua asciuttezza e per la sua mancanza d'indulgenza. Tutte le giustificazioni che Iris si dà per la sua attività compulsiva sono solo della ragazza e non certo dell'autrice. Per cui il libro diventa l'analisi di una patologia, che non conoscevo se non nell'ambito di qualche presa in giro verso le amiche appassionate di shopping, e che segna il nostro tempo anche a livello sociologico.
    E alla fine, nonostante la lontananza dalla protagonista, un filo di empatia mi è scattato, al punto di dire ... e poi?

    Is this helpful?

    Condor57 said on Mar 3, 2013 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Tre e mezzo

    Non avrei mai scelto di leggere questo libro basandomi solo sulla trama perché detesto lo shopping e pensavo mi avrebbe annoiato anche leggere qualcosa che ne parlasse. Ma conosco l'autrice, le poche volte che l'ho incontrata mi ha dato l'impressione ...(continue)

    Non avrei mai scelto di leggere questo libro basandomi solo sulla trama perché detesto lo shopping e pensavo mi avrebbe annoiato anche leggere qualcosa che ne parlasse. Ma conosco l'autrice, le poche volte che l'ho incontrata mi ha dato l'impressione di essere una persona affidabile e serenamente equilibrata, e ho pensato che se si è cimentata nella scrittura probabilmente ha da dire cose interessanti; i commenti positivi degli altri lettori hanno fatto il resto.
    Comunque, leggendo ci si rende conto che lo shopping in questo caso è una dipendenza come un'altra; poteva essere l'alcool, il sesso compulsivo o un amore malato: qualsiasi tipo di dipendenza ti può portare alla rovina, e quella di Iris è raccontata in modo secondo me davvero sorprendente per un'opera prima, tanto che si riesce a sentirne l'angoscia, il tentativo di minimizzare, di soffocare i sensi di colpa, di arrampicarsi sugli specchi per trovare delle giustificazioni. E' una dipendenza raccontata con grande sensibilità e realismo, e non mi ha annoiata per nulla.
    Un personaggio francamente odioso, ma molto verosimile e pieno di sfumature, che non cadono mai nella banalità o nel luogo comune.

    Is this helpful?

    Simonetta said on Feb 11, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Comprami" gridano gli oggetti dalle vetrine, è un richiamo a cui Iris non può sottrarsi, non può fare a meno dell'ebbrezza e del senso di libertà che ogni oggetto acquistato le regala. Non riesce a fermarsi, poco importa se spende soldi che non ha, ...(continue)

    "Comprami" gridano gli oggetti dalle vetrine, è un richiamo a cui Iris non può sottrarsi, non può fare a meno dell'ebbrezza e del senso di libertà che ogni oggetto acquistato le regala. Non riesce a fermarsi, poco importa se spende soldi che non ha, se si indebita senza via d'uscita, se la banca la insegue, se mente alla famiglia e agli amici, è preda di una fame insaziabile e senza controllo...fino a quando anche lei diventa un oggetto in vetrina che ripete disperatamente "comprami".
    Approccio inconsueto ed originale al tema della dipendenza, trascinante ed avvicente, grazie anche alla scrittura tirata e sobria che stringe nella spirale dell'ossessione e dell'astinenza e trasforma il lettore in spettatore non giudicante ma coinvolto, chiamato ad assistere alla degradazione psicologica e sociale della protagonista. Un ottimo romanzo d'esordio, quindi, che mentre esplora i labirinti emotivi della compulsione getta un occhio impietoso al dio dell'apparenza e dell'immagine che sembra governare i nostri tempi.

    Is this helpful?

    audrey said on Jan 29, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bello-bello-bello!!!
    Mi è piaciuto tantissimo il modo di scrivere di Valeria, e la storia è riuscita a rapirmi. Tanto da trovare quasi impossibile staccarmi dalle vicissitudini di Iris.
    Io, a questo punto, aspetto il prosieguo...

    Is this helpful?

    MoonlightShadow said on Jan 13, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (49)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Paperback 253 Pages
  • ISBN-10: 8895865693
  • ISBN-13: 9788895865690
  • Publisher: Fernandel
  • Publish date: 2012-05-09
  • Also available as: eBook
Improve_data of this book