Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Con gli occhi chiusi

By Federigo Tozzi

(434)

| Others | 9788817202930

Like Con gli occhi chiusi ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il romanzo fu pubblicato nel 1918. E' la storia, largamente autobiografica, diun'adolescenza, dei primi dolorosi incontri con la realtà e con l'amore.Pietro Rosi è un giovane fragile e sognatore, figlio di un oste rude e di unadonna del Continue

Il romanzo fu pubblicato nel 1918. E' la storia, largamente autobiografica, diun'adolescenza, dei primi dolorosi incontri con la realtà e con l'amore.Pietro Rosi è un giovane fragile e sognatore, figlio di un oste rude e di unadonna delicata. Pietro si innamora di una giovane contadina, Ghisola,sentimento che affronta "ad occhi chiusi". Quando a Firenze Ghisola, dopoessere stata l'amante di un uomo maturo, rimasta incinta, decide di sfruttareil sentimento di Pietro e di attribuirgli la paternità del figlio che aspetta,si trova costretta a sfuggirgli, perchè Pietro la "rispetta" e fa sfumare ilsuo piano. Scoperta improvvisamente la verità Pietro "apre" gli occhi etermina così la sua adolescenza. Con una nota critica di Luigi Pirandello.

90 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Non so veramente cosa dire di questo libro, è un caso strano, non mi ha impressionato per nulla. Autobiografico?

    Is this helpful?

    Roberto Rho said on Mar 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    titolo come un bugiardino: chiudere gli occhi durante la lettura

    Is this helpful?

    jonnybegood said on Oct 31, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Con gli occhi chiusi è un Bildungsroman al negativo, ossia un romanzo di formazione che si conclude non con la crescita del protagonista e con il suo inserimento nella società degli adulti, ma con un suo fallimento.
    Scritto nel 1913, si inserisce nel ...(continue)

    Con gli occhi chiusi è un Bildungsroman al negativo, ossia un romanzo di formazione che si conclude non con la crescita del protagonista e con il suo inserimento nella società degli adulti, ma con un suo fallimento.
    Scritto nel 1913, si inserisce nel contesto della letteratura di inizio Novecento in cui a dominare sono gli inetti, gli antieroi: primo tra tutti lo Zeno Cosini di Svevo, Michele de Gli Indifferenti di Moravia, Mattia Pascal di Pirandello e molti altri. La storia, ambientata tra Siena, Firenze e le stupende campagne toscane, racconta la storia di Pietro Rosi, un giovane adolescente privo di passioni, talenti e di un vero sogno, che si lascia trascinare dagli eventi della vita senza mai reagire davvero.

    Continua su
    http://www.lastambergadeilettori.com/2013/09/con-gli-oc…

    Is this helpful?

    La Stamberga dei Lettori said on Sep 14, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Le vie, le mura, le case, il fiume, i prati... è questo il bello di questo romanzo. Impossibile non sentirsi proiettati in quei paesaggi così bene e dettagliatamente descritti.
    Il protagonista del romanzo è Pietro un ragazzo inquieto che vive la vita ...(continue)

    Le vie, le mura, le case, il fiume, i prati... è questo il bello di questo romanzo. Impossibile non sentirsi proiettati in quei paesaggi così bene e dettagliatamente descritti.
    Il protagonista del romanzo è Pietro un ragazzo inquieto che vive la vita, come da titolo, con gli occhi chiusi, senza mai rendersi veramente conto di ciò che gli accade intorno e di come la bella Ghisola si approfitti di lui.
    Pietro è un po' in ognuno di noi.

    Is this helpful?

    aithusa said on Feb 13, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro dei ricordi, una testimonianza di un mondo che non c’è più.

    Questo è solo uno dei modi con cui è possibile catalogare oggi un’opera come Con gli occhi chiusi di Federigo Tozzi, ed è il mio.

    Dico oggi perché, se una volta poteva essere il r ...(continue)

    Un libro dei ricordi, una testimonianza di un mondo che non c’è più.

    Questo è solo uno dei modi con cui è possibile catalogare oggi un’opera come Con gli occhi chiusi di Federigo Tozzi, ed è il mio.

    Dico oggi perché, se una volta poteva essere il racconto di una vicenda che coinvolge classi sociali sostanzialmente diverse a creare sia attenzione che forse anche un qualche scandalo, nei tempi moderni certamente questa riflessione non è più valida.

    La storia della Ghisola e di Pietro oggi passerebbe inosservata, mentre invece quello che non passa per nulla inosservato è tutto un insieme di aspetti che ormai non trovano più riscontro alcuno, come ad esempio il linguaggio e le usanze del tempo.

    Per l’appunto ricordo che il libro venne scritto dall’autore nel lontano 1919 e presenti molti aspetti autobiografici.

    Il linguaggio della scrittura dell’opera è abbastanza particolare e presenta molte differenze con la lingua che siamo stati abituati a parlare negli ultimi 40 anni, basti citare alcune espressioni come a pena (appena), né meno (nemmeno), a posta (apposta), briaco (ubriaco), leticata (litigata), doventare (diventare); molte altre ancora sono presenti nei dialoghi e nelle espressioni dell’autore.

    Le descrizioni degli spazi e degli ambienti sono senza dubbio ben costruite e dettagliate, ma essendo lontano dalle nostre abitudini possono avere effetti opposti a seconda del tipo di lettore: in alcuni casi appaiono curiose e con quel qualcosa che può attirare l’attenzione di chi legge contribuendo ad accendere la fantasia; in altri casi possono risultare leggermente indigeste ed estranee al contesto, specie per chi, come nel mio caso, normalmente si concentra più sulla vicenda che sul contorno.

    Senza dubbio interessante l’aspetto degli usi e costumi, con le difficoltà di comunicazione presenti all’epoca tra le persone, gli infiniti luoghi comuni, le incredibili superstizioni, i timori del pensiero della gente, il modo di fare delle diverse categorie sociali, ecc. ecc.

    Alcuni passaggi meritano, per motivi diversi, di essere qui citati:

    Ghisola astiò il figlio del padrone con quell’astio istintivo e cattivo che hanno quelli che sono costretti ad ubbidire.

    ( per ribadire il rapporto esistente tra il proprietario terriero e gli assalariati al suo servizio )

    Che era bella non glielo doveva dire, per non farle un complimento che sembrasse magari equivoco.

    ( per ricordare i luoghi comuni e le difficoltà di una comunicazione chiara e diretta anche tra persone che credono di amarsi )

    Tutti gli altri poveri erano andati incontro a Rosaura come un branco di polli verso il punto dov’è rimbalzato un chicco di granturco.

    ( per fermare un mondo che non c’è più; quanti giovani oggigiorno hanno avuto occasione di osservare la bramosia con cui un branco di polli si lancia verso quel punto? )

    Ecco dunque la mia personale conclusione: Con gli occhi chiusi può essere un buon libro se affrontato con la curiosità per i tempi andati, diversamente potrebbe facilmente deludere.

    Tempo di lettura: 4h 35m

    http://ferdori.wordpress.com

    Is this helpful?

    Frank said on Jan 11, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book