Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Confession d'un masque

By Yukio Mishima

(14)

| Paperback | 9782070374557

Like Confession d'un masque ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

265 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Tanta delicatezza

    Come ho scritto nel titolo in questo romanzo c'è tanta delicatezza. E' la storia di un ragazzo che non riesce ad ammettere la propria omosessualità nel Giappone che va dagli anni 20 del 900 fino al Dopoguerra. Mai volgarità, sempre delicatezza e non ...(continue)

    Come ho scritto nel titolo in questo romanzo c'è tanta delicatezza. E' la storia di un ragazzo che non riesce ad ammettere la propria omosessualità nel Giappone che va dagli anni 20 del 900 fino al Dopoguerra. Mai volgarità, sempre delicatezza e non ho mai letto prima una descrizione così dettagliata e passionale del dipinto di San Sebastiano.

    Is this helpful?

    Agostino said on Jun 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sicuramente è un libro che è costato molta introspezione e coraggio all'autore, soprattutto tenendo conto del fatto che è nato in Giappone nel 1925, ma l'ho trovato veramente noioso! Ammiro davvero l'aspetto psicologico, la fatica e la capacità di ra ...(continue)

    Sicuramente è un libro che è costato molta introspezione e coraggio all'autore, soprattutto tenendo conto del fatto che è nato in Giappone nel 1925, ma l'ho trovato veramente noioso! Ammiro davvero l'aspetto psicologico, la fatica e la capacità di raccontare un grande disagio, un dolore quasi fisico nel dover vivere indossando una maschera, però... che strazio!

    Is this helpful?

    ladyoscar79 said on Jun 14, 2014 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    Le maschere...

    ...forse ognuno di noi ne porta una. O molte. Chi per un’ora. Chi per tutta la vita…

    Is this helpful?

    M said on Apr 25, 2014 | 2 feedbacks

  • 5 people find this helpful

    Dov’è l’Impero del Sol Levante?

    È vero che niente so dire della letteratura giapponese che continuo a comprare e a non leggere, e Murakami non fa certo testo. O forse sì.
    Sfortunato popolo, mi sono detta chiudendo il libro, il cui passaggio nell’evoluto mondo occidentale non risal ...(continue)

    È vero che niente so dire della letteratura giapponese che continuo a comprare e a non leggere, e Murakami non fa certo testo. O forse sì.
    Sfortunato popolo, mi sono detta chiudendo il libro, il cui passaggio nell’evoluto mondo occidentale non risale certo al bughi-bughi, che ebbe solo la funzione di accelerarne la caduta.

    “Per molti anni continuai a sostenere ch’ero capace di ricordare cose viste all’epoca della mia nascita”: frase ingannevole che fa pensare al solito romanzo di formazione, più o meno osceno, nella sua intenzione poco velata di voyerismo.
    Con l’unico mezzo per interpretare la realtà che noi occidentali abbiamo affinato, il razionalismo sofista, questa è la tormentata odissea della sessualità “invertita” del protagonista Kochan, dalla infanzia alla giovinezza, e della sua lotta per diventare un normale eterosessuale.
    Sono bastate, però, poche pagine per capire quanto il racconto fosse infarcito di segni culturali impossibili a decifrare per un occidentale fatto e finito; un ritmo che è un continuum musicale che fa a pugni con il nostro concetto di musica dal tempo spezzato, solo modo per suscitare emozioni, introiettato dal popolo del sol levante senza aver rimosso l’antico con conseguente irrisolvibile contraddizione.
    Il senso della sua vita è pertanto oscuro allo stesso protagonista, e impenetrabile a una mente razionale che ha contezza della sola geometria euclidea: la comprensione può avvenire esclusivamente per negazione, grazie proprio alla presenza contraddittoria della suggestione culturale occidentale di Kochan, che permea il racconto e ne permette soltanto un’indagine di superficie. Per negazione, appunto.
    La parola “maschera” del titolo non ha nulla a che vedere con il significato occidentale di “copertura”. Non è quella di Pirandello o quella del “Lettore” di Calvino, che sublima la sua indifferenza al corpo femminile nella passione per i libri.
    È piuttosto l’alter-ego capace di mimare perfettamente i suoi sentimenti amorosi, di amore platonico per Sonoko fatta di carne e sangue, maschera che lotta con “l’io onorevole”, condannato a soggiacere “alla brutta abitudine” al solo pensiero del martirio di San Sebastiano di Guido Reni e degli origami di sangue tracciati dai rivoli sul suo dorso mascolino.

    L’Io di Kochan, non è la coscienza cristiana a cui accenna Sonoko, la ragazza; né è quello freudiano, con il suo Es sotto e il super-io sopra, una trinità da avanspettacolo. Forse, dico forse, è quell’unione con la Machera che la cultura occidentale ha incrinato e che è impossibile da comprendere.
    E allora sfortunato popolo quello giapponese, alienazione che si fa carne.
    L’occidente imitato ha spezzato l’armonia tra la maschera e l’io, e Yukio non può risolverlo che con il desiderio di morte. Tutto il romanzo è un colloquio con la morte, un disquisire sul suicidio che Kochan non sa mettere in atto. La morte bella del sogno ad occhi aperti che si trasforma nella “morte liberazione” offerta dalla ragione, chè non sa risolvere il conflitto tra la maschera e il suo io e che bolla, nel senso lettale del termine, come immorale Kochan sia quando ama d’amore sublime la ragazza, sia quando si eccita alla vista di un torso efebico.
    E non si tratta della coppia occidentale Eros/Tanatos, di “manniana” memoria, frutto intellettualistico, per intenderci.

    P.S.
    Il parallelo con “L’avventura di un lettore” di Calvino non è peregrina. Nell’episodio della gita al mare del ragazzino tormentato di Yukio, la descrizione “sensuale” delle onde sugli scogli mi è sembrata un dejà vu. Invece era “simile” a quella di Calvino nel “Lettore” ma “uguali” le immagini che evoca nel lettore. Il racconto mi aveva fatto sospettare che l’ossessione per la lettura fosse la “maschera” dell’inconfessata omosessualità di Calvino stesso. Mi era sembrato un po’ troppo arrischiato e avevo lasciato perdere.
    Ma, ora, rileggendolo...mi sembra proprio che Calvino abbia trascritto all’occidentale, razionalmente e, pertanto, ironicamente, la tragica avventura del ragazzo giapponese che non ammette autoironia.
    Se andiamo alle date... “l’Avventura del Lettore” è stato concepito nel ’58 e pubblicato nel '59; l'anno precedente “Confessioni di una maschera” veniva tradotto in America. Calvino l’ha letto e ne è rimasto suggestionato? Certo quelle onde che accarezzano gli scogli, ammantate di simbolismo esplicito nel giapponese, sono però troppo suggestive!

    Is this helpful?

    Maria Francesca e basta said on Mar 26, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Confessione sofferta e spietata di un giovane omosessuale che prende dolorosamente coscienza della propria diversità nel Giappone ferito della guerra. Ho trovato la prima parte dl libro - il catalogo delle prime esperienze e sensazioni dall'inf ...(continue)

    Confessione sofferta e spietata di un giovane omosessuale che prende dolorosamente coscienza della propria diversità nel Giappone ferito della guerra. Ho trovato la prima parte dl libro - il catalogo delle prime esperienze e sensazioni dall'infanzia all'adolescenza - un po' ripetitiva e morbosa , mentre la seconda parte, con l'analisi della impossibile relazione d'amore con Sonoko, la sorella di un amico , mi è sembrata stupenda, suggestiva e dolente.

    Is this helpful?

    Francescarb210 said on Feb 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Io vorrei, non vorrei, ma se vuoi

    La fama del tormentato autore e la recente pubblicazione di una sua opera mi hanno spinta alla lettura di questo suo più noto romanzo. Non so dire se veramente consiglierei la lettura a qualcuno. A me non è dispiaciuto perché in parte mi ha ricordato ...(continue)

    La fama del tormentato autore e la recente pubblicazione di una sua opera mi hanno spinta alla lettura di questo suo più noto romanzo. Non so dire se veramente consiglierei la lettura a qualcuno. A me non è dispiaciuto perché in parte mi ha ricordato lo stile di Svevo, anche se forse è un'idea molto personale. Credo sia il genere di romanzo che piace tanto o per niente, molto introspettivo, poco interessato al possibile moralismo del lettore. Per quanto mi riguarda è stato tempo speso bene.

    Is this helpful?

    LelaCosini said on Jan 30, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book