Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Confessioni

Di

Editore: Biblioteca Universale Rizzoli

4.1
(182)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 703 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Spagnolo

Isbn-10: A000037229 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Cofanetto , Paperback

Genere: Biography , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace Confessioni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    A) nonostante sia una figura di grandissimo rilievo nell'evoluzione del pensiero occidentale e lo apprezzi molto nelle sue opere maggiori, qua mi sembra che - dietro questa sua pseudo-imbranataggine - faccia un po' il piacione


    B) Non ce l'ho fatta...mi sono fermata all'inizio della II part ...continua

    A) nonostante sia una figura di grandissimo rilievo nell'evoluzione del pensiero occidentale e lo apprezzi molto nelle sue opere maggiori, qua mi sembra che - dietro questa sua pseudo-imbranataggine - faccia un po' il piacione

    B) Non ce l'ho fatta...mi sono fermata all'inizio della II parte

    ha scritto il 

  • 5

    Il ritratto affascinante della giovinezza di JJ

    Riuscire a raccontare le proprie esperienze personali non è semplice. Riuscire a farlo con la sensibilità di un filosofio è straordinario. Una lettura coinvolgente che instaura quasi un rapporto a tu per tu con l'autore.

    ha scritto il 

  • 5

    Altra rilettura estiva...

    Il grande Jean Jacques Rousseau rappresentato in tutte le sue "romantiche" contraddizioni racconta la sua vita come un romanzo e come ogni grande romanzo contiene molte fantasie: non tutte convergenti ad aumentare il suo prestigio di uomo e filosofo, ma lui ne era consapevole e tuttavia le ha ins ...continua

    Il grande Jean Jacques Rousseau rappresentato in tutte le sue "romantiche" contraddizioni racconta la sua vita come un romanzo e come ogni grande romanzo contiene molte fantasie: non tutte convergenti ad aumentare il suo prestigio di uomo e filosofo, ma lui ne era consapevole e tuttavia le ha inserite nel diario della sua vita...

    ha scritto il 

  • 4

    L'uomo delle contraddizioni

    Predicava bene e razzolava male, sosteneva l'indipendenza dell'individuo ma non si guadagnò mai da vivere, si professava apostolo dell'eguaglianza ma fu uno snob, fece finire i suoi figli all'ospizio ma si riteneva un educatore. Fu sempre incapace di farsi degli amici, si comportò molte volte in ...continua

    Predicava bene e razzolava male, sosteneva l'indipendenza dell'individuo ma non si guadagnò mai da vivere, si professava apostolo dell'eguaglianza ma fu uno snob, fece finire i suoi figli all'ospizio ma si riteneva un educatore. Fu sempre incapace di farsi degli amici, si comportò molte volte in maniera infantile, con le donne ebbe un rapporto neurotico. Eppure il suo grande egotismo esercitò una fortissima influenza che durò per oltre due secoli. E' lecito chiedersi cosa resta oggi di lui.

    ha scritto il 

  • 0

    Il lettore selvaggio

    Il più seminale dei monumenti alla sincerità e alla trasparenza cova in sé, già alle fondamenta, il suo peccato originale. Nelle prime pagine troviamo l'incauto elogio dell'analisi psicologica del romanzo: non solo si parla di "facilità estrema alla lettura", acquisita già a a partire dalla preco ...continua

    Il più seminale dei monumenti alla sincerità e alla trasparenza cova in sé, già alle fondamenta, il suo peccato originale. Nelle prime pagine troviamo l'incauto elogio dell'analisi psicologica del romanzo: non solo si parla di "facilità estrema alla lettura", acquisita già a a partire dalla precoce morte della madre, ma si giunge alla paradossale confessione che la cultura arriva prima della (e quindi modella sempre la) natura: "Ancora non avevo idea alcuna delle cose, e già conoscevo tutti i sentimenti". È così che l'icona del buon selvaggio viene minata alla base dal suo stesso creatore...

    ha scritto il 

Ordina per