Confessions d'une accro du shopping

By

Editeur: Pocket

3.7
(2710)

Language: Français | Number of pages: 366 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Chi traditional , Italian , Spanish , Catalan , German , Dutch

Isbn-10: 2266162268 | Isbn-13: 9782266162265 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Humor , Romance

Aimez-vous Confessions d'une accro du shopping ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 2

    Avendo urgente bisogno di leggerezza e di una pausa tra letture più impegnative, ho finalmente colmato questa lacuna, dacché il libro della Kinsella mi incuriosiva assai, anche come fenomeno di culto. ...continuer

    Avendo urgente bisogno di leggerezza e di una pausa tra letture più impegnative, ho finalmente colmato questa lacuna, dacché il libro della Kinsella mi incuriosiva assai, anche come fenomeno di culto. Che dire. La leggerezza l'ho trovata, anche troppa. La lettura strappa qualche sorriso a patto di sospendere l'incredulità riguardo alla protagonista, donna presumibilmente vicina ai trent'anni, ma dalla maturità di una bambina di tre anni e dunque a dir poco incompetente sul lavoro, fiera di un' ignoranza imbarazzante, egoista e bugiarda patologica. Costei strizza continuamente l'occhio al lettore come a chiedere complicità e immedesimazione ma , ovviamente, procura spesso irritazione. Irritazione provocata anche dal fatto che, immeritatamente, costei realizza, nel prevedibile lieto fine, successi professionali e amorosi. Vabbè, è una favoletta e come tale va letta. Il risultato è che si finisce per tifare per l'antagonista, il povero impiegato del recupero crediti, a cui fa onore una flemma ed un'educazione veramente brithish. Il disturbo patologico della compulsione allo shopping sfrenato è osservato nei suoi risvolti divertenti, ma non indagato nelle sue cause profonde ed al lettore si chiede, ancora una volta, indulgenza e sospensione del giudizio. Letto da giovani menti può anche risultare diseducativo. Se ci si pensa troppo, più che ridere fa un po' soffrire. Ma non vale la pena di pensarci troppo. Piuttosto ci sarebbe da riflettere sui misteri del mercato editoriale.

    dit le 

  • 4

    Commedia divertente

    Sapevo a cosa andavo incontro con questa lettura, e infatti nonostante la curiosità per il best-seller avevo pensato di rinunciarvi (preso in prestito da amici). Ma poi il periodo natalizio mi ha mess ...continuer

    Sapevo a cosa andavo incontro con questa lettura, e infatti nonostante la curiosità per il best-seller avevo pensato di rinunciarvi (preso in prestito da amici). Ma poi il periodo natalizio mi ha messo voglia di staccare la testa e leggere qualcosa di leggero e divertente... et voilà, in effetti è ben scritto, nel genere, e fa passare un po' di tempo con simpatia.

    dit le 

  • 1

    A leggerlo ti accorgi subito che è una storia campata in aria.
    Ma la penna ironica e lo stile fluido di Sophie Kinsella compensano. Ci sono scene che sembrano rubate ad una commediola di canale cinque ...continuer

    A leggerlo ti accorgi subito che è una storia campata in aria.
    Ma la penna ironica e lo stile fluido di Sophie Kinsella compensano. Ci sono scene che sembrano rubate ad una commediola di canale cinque, anche se qualcuna (poche) un sorriso lo strappa.
    Da leggere sotto l'ombrellone (o quando non avete idea di che negozi girare).

    dit le 

  • 3

    Un libretto divertente e scorrevole che non lascia proprio nulla. Ho letto due libri di questa autrice e sono così simili che faccio ancora confusione... Era carino per passare un paio d'ore. Però non ...continuer

    Un libretto divertente e scorrevole che non lascia proprio nulla. Ho letto due libri di questa autrice e sono così simili che faccio ancora confusione... Era carino per passare un paio d'ore. Però non da appassionare! né è il caso di accumulare tutta la serie, perché secondo me alla lunga stanca e poi visto uno, visti tutti

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    3

    Prevedibile, troppo.

    D'accordo che vuole essere leggero e non ha alcuna pretesa se non quella di essere una lettura frivola. Ma l'essere prevedibile no, non lo riesco ad accettare. Ad ogni pagina era una conferma di quell ...continuer

    D'accordo che vuole essere leggero e non ha alcuna pretesa se non quella di essere una lettura frivola. Ma l'essere prevedibile no, non lo riesco ad accettare. Ad ogni pagina era una conferma di quello che ci si immagina dai primi capitoli. Se poi aggiungiamo quelle situazioni irreali in cui Rebecca incontra ovunque ed ogni volta proprio l'ultima persona che vorrebbe. E non stiamo parlando di un paesino sperduto ma di una grande metropoli come Londra.. Dai, su..

    dit le 

  • 3

    Serie di I love shopping......

    Questo è il primo libro della serie ma ho già letto anche gli altri, tolto quello uscito l'anno scorso (2014). Quando il cervello proprio non riesce ad impegnarsi ricorro alla Kinsella per cercare di ...continuer

    Questo è il primo libro della serie ma ho già letto anche gli altri, tolto quello uscito l'anno scorso (2014). Quando il cervello proprio non riesce ad impegnarsi ricorro alla Kinsella per cercare di farlo svagare un po'. I libri sono scritti in modo scorrevole, immediato e brillante, le vicende semplici, divertenti, un po' irreali .Anche se a lungo andare diventano un po' ripetitive....in fondo il tema di base è sempre quello: una donna-moglie-madre che non sa trattenersi da spendere un sacco di soldi in shopping, si mette inevitabilmente nei guai, il conto va in rosso e il marito super innamorato dai guai la tira fuori. Come dicevo, giusto per rilassarsi e ...sognare un po', visto che le vicende sono comunque sempre contornate da un frizzante tocco di romanticismo!

    dit le 

Sorting by