Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Confessions of a Jane Austen Addict

By

Publisher: Plume

3.2
(451)

Language:English | Number of Pages: 304 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0452289726 | Isbn-13: 9780452289727 | Publish date:  | Edition Reprint

Also available as: Hardcover , eBook

Category: Fiction & Literature , Humor , Romance

Do you like Confessions of a Jane Austen Addict ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    All these Jane Austen modern re-telling have something in common: a Bridget Jones lookalike heroine foulmouthed and long-winded, slightly overweight, not particularly clever or pretty and with a disastrous love life, who has nothing to do with a Elizabeth Bennet or a Elinor Dashwood.
    Courtn ...continue

    All these Jane Austen modern re-telling have something in common: a Bridget Jones lookalike heroine foulmouthed and long-winded, slightly overweight, not particularly clever or pretty and with a disastrous love life, who has nothing to do with a Elizabeth Bennet or a Elinor Dashwood.
    Courtney, the protagonist of this Confessions of a Jane Austen Addict, is no exception.
    After dumping her cheating fiancee, our heroine falls asleep while reading Pride and Prejudice for the umpteenth time and wakes up in the body of a regency young lady with a mother obsessed with marrying her to the next available bachelor and a father who loves her but never emerges from his studio.
    Being totally dim-witted, Courtney keeps telling everyone that she's not who they think she is but that she is a 21st century girl, even when it is more than evident that her new situation is not "just a dream", risking several times to be committed in a madhouse.
    But the most irritating trait of the book is that, despite claiming of knowing all J.A. works by heart, Courtney keeps talking like a modern girl, a very smutty modern girl who scandalizes everyone by using "fuck" every other word and making explicit sexual references. Besides, this self-appointed "Jane Austen expert" is shocked to discover that respectable young ladies don't wander the city by themselves, don't contemplate casual sexual encounters with strangers, aren't supposed to be seen at the park chatting with a young male servant and happen to receive marriage proposals by men with whom they've only have polite conversations. Yes, of course this is very old-fashioned but if you have read Pride and Prejudice as many times as you claim you have no reason to keep acting as if you have no idea of what's going on.And unless you are completely dumb, you don't just approach the real Jane Austen and encourage her to keep writing her books (she, who always published using a pseudonym) because in the future they will become successful movies and tv dramas. Imagine explaining a 18th century spinster about tv and cinema...
    The plot in itself is nothing special but better than other books of this kind and I'll admit that the author made a good job of reproducing everyday life of regency England, lingering on unpleasant details like the awful personal hygiene and the discomfort of carriage transportation, which are often forgotten.
    It would have deserved a better rating if not for the insufferable protagonist and the rushed ending which didn't explained anything

    said on 

  • 2

    Cominciamo con il dire che nessuno in questo libro fa shopping con Jane Austen ma che abbiamo a che fare con l'ennesimo titolo italiano, inventato per ragioni di marketing, che nulla ha a che fare né con il titolo originale né con il contenuto del romanzo e che riesce magistralmente a rendere an ...continue

    Cominciamo con il dire che nessuno in questo libro fa shopping con Jane Austen ma che abbiamo a che fare con l'ennesimo titolo italiano, inventato per ragioni di marketing, che nulla ha a che fare né con il titolo originale né con il contenuto del romanzo e che riesce magistralmente a rendere ancora più insulso un libro che già di suo non manca di difetti.
    In lingua originale si parla infatti di "confessioni di una Jane Austen-dipendente" e allude alla mania della protagonista, Courtney, di rileggere ciclicamente l'opera omnia della romanziera inglese; un abitudine condivisa dalla maggioranza delle fan della Austen, quelle che, come me, divorano montagne di questi spin-off e riletture modernizzate nonostante la conclamata qualità medio-bassa e che, sempre come la sottoscritta, si sono immediatamente rispecchiate nel titolo dell'opera.

    Ciò che accomuna questo genere di romanzi è la presenza di un'eroina alla Bridget Jones: pasticciona, sboccata e volgarotta, incline alle gaffes, leggermente sovrappeso, non particolarmente intelligente o particolarmente bella e ovviamente dalla vita sentimentale disastrata e popolata da mascalzoni egoisti. La protagonista di questo Shopping con Jane Austen non fa eccezione.

    Continua su:
    http://www.lastambergadeilettori.com/2014/09/shopping-con-jane-austen-laurie-viera.html

    said on 

  • 3

    3.5 stelline

    Mi è piaciuto molto (anche se è molto prevedibile), ora corro a divorare il seguito-barra-versione di Jane, In viaggio con Jane Austen.
    Courtney è un po' psicopatica, ma chi non lo sarebbe in una situazione simile? Comunque, fossi stata in lei, non mi sarei ridotta al 30esimo e passa capito ...continue

    Mi è piaciuto molto (anche se è molto prevedibile), ora corro a divorare il seguito-barra-versione di Jane, In viaggio con Jane Austen.
    Courtney è un po' psicopatica, ma chi non lo sarebbe in una situazione simile? Comunque, fossi stata in lei, non mi sarei ridotta al 30esimo e passa capitolo per incontrare una certa persona... :)

    said on 

  • 2

    Proprio perchè voglio essere buona. Inizio zoppicante, la parte centrale si lascia leggere tipo libro da ombrellone, finale imbarazzante.
    Il seguito (In viaggio con Jane Austen)non mi avrà mai: ho avuto occasione di leggere qualche pagina e si può dire che non c'è limite al peggio =/.

    said on 

  • 2

    ......

    Come ha fatto Courtney a diventare Jane? Non ho capito quale magia abbia trasformato l'una nell'altra.
    Nel complesso carino, una di quelle letture soft per quando fuori piove.

    said on 

Sorting by