Confessions of a Shopaholic

By

Publisher: Dell

3.8
(2728)

Language: English | Number of Pages: 384 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , French , Italian , Spanish , Catalan , Finnish , German , Dutch , Polish , Swedish

Isbn-10: 0440241413 | Isbn-13: 9780440241416 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback , Audio CD , Others

Category: Fiction & Literature , Humor , Romance

Do you like Confessions of a Shopaholic ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Rebecca Bloomwood just hit rock bottom. But she's never looked better....

Becky Bloomwood has a fabulous flat in London's trendiest neighborhood, a troupe of glamorous socialite friends, and a closet brimming with the season's must-haves. The only trouble is that she can't actually afford it -- not any of it.

Her job writing at Successful Savings not only bores her to tears, it doesn't pay much at all. And lately Becky's been chased by dismal letters from Visa and the Endwich Bank -- letters with large red sums she can't bear to read -- and they're getting ever harder to ignore.

She tries cutting back; she even tries making more money. But none of her efforts succeeds. Becky's only consolation is to buy herself something ... just a little something....

Finally a story arises that Becky actually cares about, and her front-page article catalyzes a chain of events that will transform her life -- and the lives of those around her -- forever.

Sophie Kinsella has brilliantly tapped into our collective consumer conscience to deliver a novel of our times -- and a heroine who grows stronger every time she weakens. Becky Bloomwood's hilarious schemes to pay back her debts are as endearing as they are desperate. Her "confessions" are the perfect pick-me-up when life is hanging in the (bank) balance.

From the Trade Paperback edition.

Sorting by
  • 3

    Leggero, ironico, a tratti esilarante. Un libro da spiaggia, o da leggere la sera dopo una giornata pesante. Si legge tutto d'un fiato, la storia scorre bene e i personaggi sono ben delineati (la pro ...continue

    Leggero, ironico, a tratti esilarante. Un libro da spiaggia, o da leggere la sera dopo una giornata pesante. Si legge tutto d'un fiato, la storia scorre bene e i personaggi sono ben delineati (la protagonista è esilarante)

    said on 

  • 4

    divertente

    lettura leggera (ovvio che chi lo inizia non deve aspettarsi Guerra e Pace, per dire), ma ben scritta, scorrevole e ironica. non si può non trovare simpatica Rebecca, completamente squinternata, che a ...continue

    lettura leggera (ovvio che chi lo inizia non deve aspettarsi Guerra e Pace, per dire), ma ben scritta, scorrevole e ironica. non si può non trovare simpatica Rebecca, completamente squinternata, che alterna momenti di pura follia ad attimi (ma proprio attimi!) di saggezza.
    Cmq il mio animo genovese ha realmente sofferto leggendo gli scoperti delle diverse carte di credito.

    said on 

  • 5

    Un cult

    Si è ovviamente una lettura leggera, ma nella vita non si puo sempre leggere i mattoni. A mio avviso è l'inizio di una bellissima e spensierata serie di romanzi che ti fa passare un paio d'ore col sor ...continue

    Si è ovviamente una lettura leggera, ma nella vita non si puo sempre leggere i mattoni. A mio avviso è l'inizio di una bellissima e spensierata serie di romanzi che ti fa passare un paio d'ore col sorriso.

    said on 

  • 3

    Lettura leggera, davvero molto leggera. Preferisco i libri più recenti di Kinsella; mi aspettavo qualcosa in più. Lo consiglio a chi cerca lettura spensierate e simpatiche.

    said on 

  • 3

    La Kinsella crea un personaggio ironico, a volte folle e, per certi versi, anche saggio.
    L'idea delle lettere inviate dalle banche a Rebecca è originale, ed è forse una delle parti più ironiche del li ...continue

    La Kinsella crea un personaggio ironico, a volte folle e, per certi versi, anche saggio.
    L'idea delle lettere inviate dalle banche a Rebecca è originale, ed è forse una delle parti più ironiche del libro che, però, alla fine, tende a diventare un po' ripetitivo e perde verve.
    Nel complesso, diverte e fa sorridere, ma nulla più.
    Per lo meno, ha il vantaggio di essere scritto bene.

    said on 

  • 3

    È una lettura decisamente leggera, simpatica e scorrevole. Sicuramente non impegnativa, ma passare il tempo con piacere

    said on 

  • 2

    Avendo urgente bisogno di leggerezza e di una pausa tra letture più impegnative, ho finalmente colmato questa lacuna, dacché il libro della Kinsella mi incuriosiva assai, anche come fenomeno di culto. ...continue

    Avendo urgente bisogno di leggerezza e di una pausa tra letture più impegnative, ho finalmente colmato questa lacuna, dacché il libro della Kinsella mi incuriosiva assai, anche come fenomeno di culto. Che dire. La leggerezza l'ho trovata, anche troppa. La lettura strappa qualche sorriso a patto di sospendere l'incredulità riguardo alla protagonista, donna presumibilmente vicina ai trent'anni, ma dalla maturità di una bambina di tre anni e dunque a dir poco incompetente sul lavoro, fiera di un' ignoranza imbarazzante, egoista e bugiarda patologica. Costei strizza continuamente l'occhio al lettore come a chiedere complicità e immedesimazione ma , ovviamente, procura spesso irritazione. Irritazione provocata anche dal fatto che, immeritatamente, costei realizza, nel prevedibile lieto fine, successi professionali e amorosi. Vabbè, è una favoletta e come tale va letta. Il risultato è che si finisce per tifare per l'antagonista, il povero impiegato del recupero crediti, a cui fa onore una flemma ed un'educazione veramente brithish. Il disturbo patologico della compulsione allo shopping sfrenato è osservato nei suoi risvolti divertenti, ma non indagato nelle sue cause profonde ed al lettore si chiede, ancora una volta, indulgenza e sospensione del giudizio. Letto da giovani menti può anche risultare diseducativo. Se ci si pensa troppo, più che ridere fa un po' soffrire. Ma non vale la pena di pensarci troppo. Piuttosto ci sarebbe da riflettere sui misteri del mercato editoriale.

    said on 

  • 4

    Commedia divertente

    Sapevo a cosa andavo incontro con questa lettura, e infatti nonostante la curiosità per il best-seller avevo pensato di rinunciarvi (preso in prestito da amici). Ma poi il periodo natalizio mi ha mess ...continue

    Sapevo a cosa andavo incontro con questa lettura, e infatti nonostante la curiosità per il best-seller avevo pensato di rinunciarvi (preso in prestito da amici). Ma poi il periodo natalizio mi ha messo voglia di staccare la testa e leggere qualcosa di leggero e divertente... et voilà, in effetti è ben scritto, nel genere, e fa passare un po' di tempo con simpatia.

    said on 

Sorting by