Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Conoscerete la nostra velocità

Di

Editore: Mondadori (Ebook)

3.6
(860)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 302 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8852017062 | Isbn-13: 9788852017063 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Humor , Travel

Ti piace Conoscerete la nostra velocità?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    http://antoniodileta.wordpress.com/2014/07/18/conoscerete-la-nostra-velocita-dave-eggers/

    “L’anno appena passato era stato il più strano della mia vita, il più brutale e bizzarro. Avevo perduto ...continua

    http://antoniodileta.wordpress.com/2014/07/18/conoscerete-la-nostra-velocita-dave-eggers/

    “L’anno appena passato era stato il più strano della mia vita, il più brutale e bizzarro. Avevo perduto Jack e mi era capitato tra le mani più denaro di quanto avessi mai visto in una volta. Mi capitava sempre più spesso di svenire e inciampare. Sentivo troppo e troppo intensamente. Ogni cosa mi si gettava davanti agli occhi. Passavo ore a galleggiare in questa o quella piscina, o seduto per interi pomeriggi in terrazza a osservare mediocri panorami. Mi sentivo invadere da una gioia subitanea, sin eccessiva, di fronte a una coppia felice. Vedevo o sentivo parlare di gente, di solito gente che conoscevo appena o che magari neppure mi piaceva più di tanto, mi dicevano che si erano messi insieme, si erano trovati dopo tante tribolazioni, e mi sentivo invadere da una sorta di incanto. Ero preso in contropiede dalle cose più familiari.” (Dave Eggers, “Conoscerete la nostra velocità”, ed. Piccola Biblioteca Oscar Mondadori)

    Se qualcuno mi avesse proposto di leggere un romanzo che narra le vicende di due amici che decidono di viaggiare per il mondo con lo scopo di spendere quanto più denaro possibile, credo che mi sarei rifiutato, perché poche cose possono essere più lontani dalla mia attuale condizione. Non viaggio granché, per motivi che qui non è il caso di analizzare, e soprattutto non ho somme di denaro da elargire in maniera più o meno casuale. Detto ciò, è evidente che per apprezzare un romanzo non serve condividere le esperienze dei protagonisti, né sentirle vicine a sé sotto tutti gli aspetti. C’erano altre due condizioni per rendermi inappetibile “Conoscerete la nostra velocità” di Dave Eggers. Il titolo “furbo”, anche se non “furbo” quanto “L’opera struggente di un formidabile genio” e il fatto che l’autore fosse (anzi, sia) un contemporaneo, un vivente (almeno nel momento in cui scrivo, sono ammessi inutili gesti scaramantici). Premesso ciò, se sono qui a scriverne, significa che il romanzo di Eggers mi è piaciuto, sebbene non abbia i requisiti per entrare nel mio personale Olimpo dei romanzi preferiti. A dirla tutta, forse (ma non ne sono sicuro, in questo entra sempre un effetto suggestivo dato dalla distanza temporale) apprezzai di più l’altro. Finora sembra che io voglia quasi stroncare Eggers, cosa che, invece, mi guardo bene dal fare, perché non ne vedo i motivi. La trama, di per sé, ripeto, non aveva nulla per cui potessi restare avvinto, ma è bene accennarne: Will, un giovane, si trova tra le mani una somma di denaro che ritiene di dover sperperare, per un motivo che qui non anticipo; propone a Hand, un suo amico, di fare un mini-giro del mondo in sette giorni. Lo scopo è all’apparenza semplice: viaggiare, viaggiare, viaggiare e spendere tutto il denaro. I due faranno tappa in diverse zone del mondo, ma si accorgeranno che il loro piano non è così semplice da attuare, e che lo stesso scopo provoca domande che non hanno risposte sicure, per esempio: a chi dare il denaro, con quali criteri scegliere? Nel ripetere che, messa così, questo romanzo non avrebbe potuto interessarmi, eccomi finalmente a elencare qualche motivo che me l’ha reso appetibile. Innanzitutto, la scrittura (la traduzione, è sempre bene tenere presente che leggo in lingua non originale) di Eggers, che già avevo conosciuto nell’altro romanzo e che si è confermata di livello. Non scopro certo chissà che, ma, così come mi è capitato con altri autori, si può scrivere bene e rendere attraente per il lettore, anche su qualcosa che il lettore sente come molto lontano da lui. Sotto questo profilo, il libro ha ritmo e, nonostante lo sfondo tragico che aleggia sui due protagonisti, è molto divertente. Lo “sfondo tragico” è Jack, un terzo amico, morto (non sto svelando nulla d’irreparabile, lo si scopre al primo rigo del romanzo); la sua assenza-presenza è ciò che fa fare al romanzo quel salto che me lo ha fatto apprezzare. Con l’utilizzo dei flashback e di un altro accorgimento “tecnico”, Eggers ci introduce nella testa di Will, il protagonista-narratore, negli improvvisi e devastanti ricordi che, nel bel mezzo del traffico o di qualsiasi altra attività, lo portano lontano, a una velocità che fa male. Will sente di avere, dentro di sé, un archivio di ricordi dai quali deve tenersi distante, perché il dolore che destano in lui è troppo forte; il principale è proprio il ricordo di Jack, l’amico morto. È qui che il romanzo acquista, almeno ai miei occhi. Le scorribande di Will e dell’entusiasta e più disinvolto Hand possono divertirmi, ma sono i pensieri che Will fa “tra sé e sé” a rendermelo gradito. Chiudo con la sensazione di aver scritto tutt’altro rispetto a quello che avevo progettato di scrivere (ma questo conta poco ai fini del romanzo). Peraltro, il motivo che mi ha fatto veramente apprezzare il libro non posso scriverlo qui, perché, di fatto, dovrei scrivere a mia volta un romanzo, e non è il momento, né forse lo sarà mai. “Non puoi tirare a indovinare sulla vita, sul dolore. Tutto il dolore è reale e personale. Ed è la cosa più intimamente nostra. Divora ognuno di noi in modo differente. Tu non puoi sapere... - E invece posso! Sì che posso!”

    ha scritto il 

  • 3

    Scusi, per andare dove dobbiamo andare dove dobbiamo andare?

    E in effetti questo libro, come i suoi protagonisti, non sa benissimo dove andare. Non solo perchè oscilla nella direzione che fa prendere ai suoi protagonisti, ma perchè non ha deciso fino in ...continua

    E in effetti questo libro, come i suoi protagonisti, non sa benissimo dove andare. Non solo perchè oscilla nella direzione che fa prendere ai suoi protagonisti, ma perchè non ha deciso fino in fondo cosa vuole essere: esistenzialismo adolescenziale? Kerouac alla griglia? chick-lit per maschi trentenni nerd? manuale di filosofia new-age applicata? Guida di viaggio à-la-page per paesi sfigati?

    E' successo (o non è successo, vedi poi) un dramma che strazia una coppia di amici e li spara in giro per il mondo, in attesa della fine di uno dei due annunciata, va detto, nelle prime righe del romanzo che l'autore vuole stampate in copertina (e dunque, no, questo non è uno spoiler). Momenti di vero dolore nel vedo-non vedo che il protagonista lascia intravedere sul suo squarciato passato (condito dalla solita famiglia di mer... USA).

    Ma, attenzione, in un'altra versione (SPOILER) del libro Hand ci rivela che tutto questo dramma è paranoia allo stato puro.

    Il che ancor più mi convince del fatto che l'autore è partito senza saper bene dove andare e ha solidamente mantenuto questa non direzione in attesa di un attimo di serendipity che non è mai arrivato.

    Salvano il libro squarci di bellezza. Che non basta.

    ha scritto il 

  • 4

    Citazione preferita:

    "...dobbiamo cercare di dare un taglio alle nostre speranze di continuità. Slancio. Dobbiamo vedere ogni situazione e istante come un'unità. Differente, indipendente. Un lavoro ...continua

    Citazione preferita:

    "...dobbiamo cercare di dare un taglio alle nostre speranze di continuità. Slancio. Dobbiamo vedere ogni situazione e istante come un'unità. Differente, indipendente. Un lavoro in corso."

    ha scritto il 

  • 2

    Sulla strada... Sopravvalutata!

    Will e Hand si mettono in viaggio per elaborare il lutto dell'amico Jack; hanno con loro una grossa somma di denaro e se ne vogliono liberare, cercando di trovare persone meritevoli di ricevere ...continua

    Will e Hand si mettono in viaggio per elaborare il lutto dell'amico Jack; hanno con loro una grossa somma di denaro e se ne vogliono liberare, cercando di trovare persone meritevoli di ricevere soldi. Li seguiremo così fra Senegal, Marocco, Paesi Baltici... E le loro elucubrazioni.

    Dopo 160 pagine avevo abbandonato la lettura, innervosita dalla storia e dai protagonisti. Ogni pagina mi sapeva di Kerouac, del suo "on the road", che al confronto ho letto molto agilmente. Ho deciso di finirlo, non aspettandomi di rivalutarlo, ma semplicemente perchè in fin dei conti (ma con molto impegno) la lettura scorreva. In conclusione, il mio parere non è cambiato, ed è molto negativo: in sintesi, ho trovato questo libro senza alcun senso. Fuggire alla morte, al dolore, al senso di inquietudine e di incertezza, mettendosi a correre... Meglio le droghe di Kerouac.

    Sconsigliato.

    ha scritto il 

  • 3

    Comincio col dire che non mi è piaciuto quanto "L'opera struggente", anche se si tratta un romanzo un po' più maturo. Questo suo essere "maturo" me lo fa risultare un po' troppo costruito ad arte, ...continua

    Comincio col dire che non mi è piaciuto quanto "L'opera struggente", anche se si tratta un romanzo un po' più maturo. Questo suo essere "maturo" me lo fa risultare un po' troppo costruito ad arte, mentre nell'altro romanzo avevo apprezzato molto la spontaneità, la scrittura quasi straripante, inarrestabile e coinvolgente.

    Certi elementi non mancano nemmeno qui, ma si alternano a troppi altri punti morti che Eggers forse si poteva risparmiare.

    Ad ogni modo, il libro riesce benissimo a mostrare l'inadeguatezza dei protagonisti americani nei confronti del resto del mondo, attraverso una narrazione che ha in sé anche i flashback e i "dialoghi con se stesso del protagonista.

    Il loro è un viaggio che vorrebbe essere purificatore, una fuga che riporta alla mente diversa letteratura del secolo passato, ma che non raggiunge del tutto il suo scopo. Ed è questa disillusione, questa confusione mentale e personale di fondo una delle cose più belle di "Conoscerete la nostra velocità".

    ha scritto il 

  • 3

    Non so come, ma sono finalmente riuscita a finirlo! E' il secondo libro di Dave Eggers in cui mi cimento nella lettura, dopo "Erano solo ragazzi in cammino", abbandonato prima della metà, ho deciso ...continua

    Non so come, ma sono finalmente riuscita a finirlo! E' il secondo libro di Dave Eggers in cui mi cimento nella lettura, dopo "Erano solo ragazzi in cammino", abbandonato prima della metà, ho deciso di dare un'altra possibilità a questo scrittore, abbindolata dalla bell'idea di stampare la prima pagina del romanzo direttamente sul cartone della copertina, ma a parte le poche stranezze alla Mark Z Danielewski (si veda la sua "Casa di foglie" XD) il romanzo era noioso...ma veramene noioso. Sarà perchè il protagonista ha cominciato a starmi sulle palle dopo le prime venti pagine, sarà che, nonostane i due personaggi principali vogliano correre, andare veloci, non pensare, il libro è andato lento... Peccato, la storia in sè non era per niente male, ma sviluppata troppo lentamente a mio avviso, troppe pagine inutili, troppo, semplicemente, noioso. Ovviamente questa è solo la mia opinione

    ha scritto il 

  • 3

    Evitabile

    Una specie di "on the road" in chiave moderna che non mi ha entusiasmata più di tanto. I due protagonisti a volte sono insopportabilmente infantili e lo stile non è sempre lineare. Insomma, come ...continua

    Una specie di "on the road" in chiave moderna che non mi ha entusiasmata più di tanto. I due protagonisti a volte sono insopportabilmente infantili e lo stile non è sempre lineare. Insomma, come voto gli do la sufficienza ma non lo regalerei ad un amico.

    ha scritto il 

  • 2

    L'unica definizione che mi viene in mente per questo romanzo è "furbetto". L'autore sembra averlo sritto con il manuale del paraculo sotto mano. C'è un lutto da assimilare per il ...continua

    L'unica definizione che mi viene in mente per questo romanzo è "furbetto". L'autore sembra averlo sritto con il manuale del paraculo sotto mano. C'è un lutto da assimilare per il protagonista. C'è una storia di amicizia con dei risvolti drammatici. C'è un viaggio, che ovviamente permette di metterci tutti i panorami e le comparse necessari a riempire un pó di pagine. E, purtroppo, c'è anche un pretesto per tutta la storia: l'assurda e inconcepibile necessitá del protagonista di disfarsi a ogni costo di un mucchio di soldi. A volte mi chiedo in che modo i maniscritti di alcuni autori riescano a emergere dalla imponente e inesauribile massa degli inediti accatastati nei meandri delle case editrici per assurgere all'olimpo dei pubblicati da grossi editori. Domanda che resta puntualmente senza risposta.

    ha scritto il 

  • 3

    Una delle rare volte in cui il risvolto di copertina è assolutamente fedele al contenuto reale del libro. Un racconto esilarante e commovente, appunto, e una vigorosa allegoria morale sulle ...continua

    Una delle rare volte in cui il risvolto di copertina è assolutamente fedele al contenuto reale del libro. Un racconto esilarante e commovente, appunto, e una vigorosa allegoria morale sulle difficoltà degli americani a confrontarsi con il mondo. Scritto bene, divertente ma anche struggente e disperato, un po' matto; un racconto che dice molte cose e che vale la pena di leggere. Di sicuro chi ha avuto difficoltà nell'elaborazione di un lutto lo comprenderà meglio di altri.

    ha scritto il 

Ordina per