Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Consider the Lobster

Essays and Arguments

By David Foster Wallace

(16)

| Softcover | 9780349119519

Like Consider the Lobster ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Do lobsters feel pain? Did Franz Kafka have a sick sense of humour? What is John Updike's deal anyway? And who won the Adult Video News' Female Performer of the Year Award the same year Gwyneth Paltrow won her Oscar? David Foster Wallace answers thes Continue

Do lobsters feel pain? Did Franz Kafka have a sick sense of humour? What is John Updike's deal anyway? And who won the Adult Video News' Female Performer of the Year Award the same year Gwyneth Paltrow won her Oscar? David Foster Wallace answers these questions and more in his new book of hilarious non-fiction. For this collection, David Foster Wallace immerses himself in the three- ring circus that is the presidential race in order to document one of the most vicious campaigns in recent history. Later he strolls from booth to booth at a lobster festival in Maine and risks life and limb to get to the bottom of the lobster question. Then he wheedles his way into an L.A. radio studio, armed with tubs of chicken, to get the behind-the-scenes view of a conservative talk show featuring a host with an unnatural penchant for clothing that only looks good on the radio. In what is sure to be a much-talked-about exploration of distinctly modern subjects, one of the sharpest minds of our time delves into some of life's most delicious topics.

258 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    4 stelle - -

    Mah.

    Dieci mini-saggi sugli argomenti più disparati.
    Alcuni carini, altri meno.

    Solito DFW che abbonda di note fino a scadermi quasi nel ridicolo (Commentatore).

    4 stelle però (stiracchiate) perché "Autorità e uso della lingua" mi è piaciuto da mo ...(continue)

    Mah.

    Dieci mini-saggi sugli argomenti più disparati.
    Alcuni carini, altri meno.

    Solito DFW che abbonda di note fino a scadermi quasi nel ridicolo (Commentatore).

    4 stelle però (stiracchiate) perché "Autorità e uso della lingua" mi è piaciuto da morire.

    Is this helpful?

    Andrea Mercatelli said on Jul 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Gli oscar del porno (Il figlio grosso e rosso), l'11 settembre 2001 a Bloomington (La vista da casa della sig.ra Thompson), la recensione a un nuovo dizionario (Autorità e uso della lingua), un'analisi sulle talk-radio americane (Il commentatore), ...(continue)

    Gli oscar del porno (Il figlio grosso e rosso), l'11 settembre 2001 a Bloomington (La vista da casa della sig.ra Thompson), la recensione a un nuovo dizionario (Autorità e uso della lingua), un'analisi sulle talk-radio americane (Il commentatore), seguire la campagna di McCain alle primarie repubblicane (Forza, Simba) o ancora la fiera dell'aragosta del Maine (Considera l'aragosta), è sempre un piacere, nel vero e più ampio senso del termine, leggere David Foster Wallace (cimentarsi a volte); vuoi per le indubbie qualità letterarie, ma anche e soprattutto per le sue capacità di analisi e immedesimazione per nulla comuni.

    http://www.subliminalpop.com/?p=8788

    Is this helpful?

    subliminalpop said on May 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un peccato leggerlo in traduzione e non in originale. Ma è colpa mia :)

    Is this helpful?

    Silvestro said on May 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Noi siamo i Pochi, i Fieri, i Più o meno sempre disgustati da tutti gli altri."

    "Una perenne espressione di preoccupata perplessità, come se la vita fosse un'unica richiesta di chiarimenti."

    "Di fatto è probabile che se tanti di noi sono così poco ...(continue)

    "Noi siamo i Pochi, i Fieri, i Più o meno sempre disgustati da tutti gli altri."

    "Una perenne espressione di preoccupata perplessità, come se la vita fosse un'unica richiesta di chiarimenti."

    "Di fatto è probabile che se tanti di noi sono così poco interessati alla politica, è proprio perchè i politici moderni ci intristiscono, ci feriscono profondamente in modi di cui è difficile persino trovare il nome, figuriamoci parlarne. E' assai più facile alzare gli occhi al cielo e fregarsene".

    "Non è un giornalista, è un uomo di spettacolo. O forse sarebbe meglio dire che fa parte di un'industria delle notizie peculiare, che riesce a godere dell'autorità e influenza del giornalismo, senza però le barbose limitazioni di correttezza, obiettività e responsabilità che rendono il tentativo di dire la verità una tale scocciatura per tutti i coinvolti."

    "Se è così lo si deve almeno in parte al fatto che abbiamo abbandonato il campo. Che l'abbiamo abbandonato in mano ai fondamentalisti, la cui inflessibile rigidità e la cui smania di giudicare ci dimostrano che non hanno la più vaga idea di quali siano i "valori cristiani" che vorrebbero imporre agli altri."

    Is this helpful?

    Mitilene said on Apr 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Con lui anche l'elenco del telefono diventa letteratura

    Voi immaginate di leggere saggi sulla premiazione dei film porno alla notte degli awards a Las Vegas, una corrispondenza sul tour elettorale di Mc Cain alle presidenziali del 2000, qualche commento o nota letteraria sull'insegnamento dell'inglese sta ...(continue)

    Voi immaginate di leggere saggi sulla premiazione dei film porno alla notte degli awards a Las Vegas, una corrispondenza sul tour elettorale di Mc Cain alle presidenziali del 2000, qualche commento o nota letteraria sull'insegnamento dell'inglese standard o su Memorie del Sottosuolo, sul talk shaw radiofonico, ecc.
    Temi oggettivamente di scarso interesse, soprattutto per lettori italiani.
    Invece....Beh, il nostro DFW si fa leggere, e assai volentieri perchè riesce a essere empatico, amichevole,, coinvolgente anche quando tratta argomenti di per sè non entusiasmanti o comunque tali da non interessare nessuno se fossero svolti da altri. Ironia, impegno, coraggio nel bandire l'ipocrisia del "politicamente corretto", DFW è grande anche qui, Quando lo leggo, mi sento sollevato e insieme rattristato: ho sempre l'impressione di parlare con un amico che non c'è più.

    Is this helpful?

    Umberto Stradella said on Mar 16, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book