Contro il '68

La generazione infinita

Di

Editore: Agenzia X

3.5
(33)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 94 | Formato: Altri

Isbn-10: 8895029054 | Isbn-13: 9788895029054 | Data di pubblicazione: 

Genere: Storia , Non-narrativa , Politica

Ti piace Contro il '68?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Alessandro Bertante"Contro il 68 - La generazione infinita"Agenzia x, 2007, pp. 94, euro 10,00

La spinta propulsiva ed eversiva delle nuove generazioni rappresenta da sempre la linfa delle società evolute, la possibilità di un ricambio vitale ed emozionale. Un ricambio che in Italia manca da più di vent'anni, da quando i sessantottini sono diventati classe dirigente tenendo ben strette le redini del potere politico e mediatico. Figli del boom economico, borghesi pasciuti e scolarizzati, sono stati la prima generazione moderna di un'Italia che da rurale diventava urbana e ha avuto accesso a beni di consumo, cultura, viaggi e tempo libero. Onnivora e vorace, ansiosa di scoperte e nuove esperienze, la generazione contestataria ha tentato l'assalto al cielo simulando una fantomatica contrapposizione di classe. In realtà il Sessantotto non ha aperto alcuna stagione politica e culturale nuova (troppo superficiali, conformisti e intolleranti ideologicamente per una vera rivoluzione), ma può essere considerato come l'ultima fiammata spontaneista di un grande cambiamento iniziato negli anni Cinquanta. Bertante scardina da sinistra la mitopoiesi postuma del Sessantotto, evidenziando le ambiguità della parabola esistenziale dei suoi protagonisti che, una volta adulti, hanno inaugurato la stagione edonistica e liberistica degli anni Ottanta, all'origine dell'attuale decadenza etica e culturale del Paese. Facendo propria la voce dei "figli" dei sessantottini, l'autore sottolinea la tutela alla quale è ancora sottoposta la sua generazione.

Ordina per
  • 3

    Molto interessante il contenuto, un po' confusionaria la forma. Comunque consigliabilissimo per capire un po' di più dell'attuale situazione dell'Italia e del clima da caccia alle streghe contro i "ba ...continua

    Molto interessante il contenuto, un po' confusionaria la forma. Comunque consigliabilissimo per capire un po' di più dell'attuale situazione dell'Italia e del clima da caccia alle streghe contro i "bamboccioni".

    ha scritto il 

  • 0

    Il testo di Bertante è un testo interessantissimo, che permette un'analisi del mito sessantottino, un mito che, ad oggi, continua a schiacciare le nuove generazioni su un peso storico di una rivoluzio ...continua

    Il testo di Bertante è un testo interessantissimo, che permette un'analisi del mito sessantottino, un mito che, ad oggi, continua a schiacciare le nuove generazioni su un peso storico di una rivoluzione molto più narrata che avvenuta.
    Consigliabilissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    con la speranza che la nostra generazione (quasi trentenni, trentenni e oltre) possa essere finalmente presa in considerazione, vi consiglio questo libro, scritto in maniera coincisa e lucida, contro ...continua

    con la speranza che la nostra generazione (quasi trentenni, trentenni e oltre) possa essere finalmente presa in considerazione, vi consiglio questo libro, scritto in maniera coincisa e lucida, contro un periodo fin troppo mitizzato!

    ha scritto il 

  • 0

    Arrabbiatissimo pamphlet di A. Bertante (giornalista Repubblica), contro il '68, o meglio il mito 68ino e la sua creazione [l'idea di gioventù e rivolta irripetibile, il ritorno nei ranghi, la spinta ...continua

    Arrabbiatissimo pamphlet di A. Bertante (giornalista Repubblica), contro il '68, o meglio il mito 68ino e la sua creazione [l'idea di gioventù e rivolta irripetibile, il ritorno nei ranghi, la spinta operaia messa da parte, il blocco per le generazioni successive].

    ha scritto il