Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Contro le lusinghe del mondo

Di

Editore: Rizzoli (BUR 60)

4.2
(6)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 97 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8817033251 | Isbn-13: 9788817033251 | Data di pubblicazione: 

Curatore: E. Turolla ; Prefazione: Franco Cordelli

Ti piace Contro le lusinghe del mondo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Le riflessioni e le confessioni di un filosofo che, seduto sul trono del più grande impero dell'antichità, guarda al mondo come a un incessante fluire di tutte le cose: le attività e le passioni umane, e perfino la gloria stessa, sono solo oblio e illusione. Ma se la vita scorre così rapida, se il passato è lontano e il futuro incerto, Marco Aurelio invita ad approfittare del presente e delle circostanze, della possibilità di contribuire, per la propria parte, all'ordine del cosmo.
Ordina per
  • 4

    Sarà pur vero che, come diceva il mio ex professore di filosofia, il mondo romano non ha mai prodotto delle speculazioni filosofiche originali e la vera filosofia antica è e rimarrà quella della Grecia (escludendo la patristica cristiana tardo-antica) ma Marc'Aurelio, pur non possedendo un partic ...continua

    Sarà pur vero che, come diceva il mio ex professore di filosofia, il mondo romano non ha mai prodotto delle speculazioni filosofiche originali e la vera filosofia antica è e rimarrà quella della Grecia (escludendo la patristica cristiana tardo-antica) ma Marc'Aurelio, pur non possedendo un particolare genio dialettico, merita di essere letto. Attraverso i suoi scritti si percepisce l'autentica adorazione e l'intimità raggiunta con il pensiero stoico, e l'abilità del suo occhio nello scrutare le profondità dell'animo; un introspezione molto intensa che rende la lettura di "Contro le lusinghe del mondo" un'esperienza assai proustiana e una possibile fonte di ispirazione per riflessioni personali.

    ha scritto il