Controcorrente

La Biblioteca di Repubblica. Ottocento, 37

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso

3.7
(1674)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 304 | Formato: Cofanetto | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Spagnolo , Indiano (Hindi) , Catalano

Isbn-10: 8889145374 | Isbn-13: 9788889145371 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giovanna Coccetti ; Prefazione: Agnese Silvestri

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico , Copertina rigida , eBook

Genere: Arte, Architettura & Fotografia , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace Controcorrente?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Un misticismo inquieto misto a un simbolismo intriso di sinistre visioni, diede vita a quel “romanzo senza trama” che fu riconosciuto come il manifesto del Decadentismo: nell’eccentrico isolamento del protagonista, disposto a raggiungere e oltrepassare i confini della ragione, vi è, infatti, tutta l’esigenza della fuga dalla realtà che fu propria di un’intera epoca. Con “Controcorrente” il nuovo modo di fare letteratura inaugurato da Baudelaire trovò piena espressione, per affermare una volta per tutte che “l’inverosimile non è sempre, nel mondo, un’eccezione".
Ordina per
  • 2

    Difficile approcciare un’opera così palesemente fuori dal tempo come A rebours , già aliena al momento del suo comparire. E non solo per la prostrante e polverosa decrepitezza della traduzione di Sbar ...continua

    Difficile approcciare un’opera così palesemente fuori dal tempo come A rebours , già aliena al momento del suo comparire. E non solo per la prostrante e polverosa decrepitezza della traduzione di Sbarbaro che, se possibile, ne opacizza ancor di più la filigrana. In pieno naturalismo, allo sboccio del verismo, ecco un romanzo apparentemente del tutto estetico che pone al centro della lente di ingrandimento i capricci di un estenuato dandy nauseato dal mondo ed intento nei più futili esperimenti di egocentrismo applicato. E giù un diluvio di esasperata pedantezza nel catalogare ogni aspetto di ogni arte ed ogni vizio con studiati sproloqui e prolusioni da cui emerge soprattutto un sovrano disprezzo per la “mediocrità” scritta tra virgolette quale sinonimo di gusto comune.
    L’introduzione scritta vent’anni dopo è chiarificatrice del fatto che Huysmans quando iniziò quest'opera si poneva veramente nel mood di Des Esseintes, ma che in un certo senso lo sviluppo della trama, e probabilmente il suo esito, furono influenzati dal germe attivo di una conversione che anni dopo lo indirizzò da Schopenauer verso i Vangeli.
    Sia come sia si tratta oggi di un romanzo estremamente faticoso da leggere e da gustare, anche per l’erudizione dell’autore che ogni momento mette il lettore nella necessità di approfondire nomi e concetti sciorinati senza tregua pagina per pagina. Ma usciti dalla stigea palude linguistica che appesta di collosa verbosità il testo, come non paragonare questa escursione all’interno della follia di un uomo ai più arditi esperimenti di “inner fantasy” di Ballard? I personaggi di Ballard sono insoddisfatti, privati di qualcosa che non sanno se definire indispensabile o meno, alienati, partecipi di un mondo distorto rispetto al reale. E lo scopo ultimo di Ballard è cavalcare negli spazi della psiche: proprio come Huysmans con Des Esseintes. Ed ecco che inaspettatamente il decrepito Controcorrente manifesta una sua (distorta) modernità.

    ha scritto il 

  • 4

    "Modificare la vita fino al punto da annullarla, sostituendo un ideale di poesia alla squallida prosa del quotidiano"

    Des Esseintes è un ricco francese che, stanco del mondo e nauseato dalla società, si ritira in un luogo appartato, circondato unicamente dei propri domestici. E' nell'isolamento che cerca di riscattar ...continua

    Des Esseintes è un ricco francese che, stanco del mondo e nauseato dalla società, si ritira in un luogo appartato, circondato unicamente dei propri domestici. E' nell'isolamento che cerca di riscattare una vita dalla quale ormai non ha più aspettative.
    Ripudiato il mondo esterno, coi suoi vizi e falsità, Des Esseintes ricerca nell'arte l'appagamento dei propri "bisogni", dedicandosi alle letture più ricercate, all'arredamento, alla pittura, a pseudo viaggi, alla religione... senza però riuscire a ricavarne altro che una profonda amarezza.
    La ricerca ossessionata e spasmodica volta a colmare quel grande vuoto e bisogno interiore porterà in lui solo tanta insoddisfazione, gettandolo in un baratro di insofferenza, al punto da somatizzare fisicamente i propri mali interiori.
    Da questo stato di profonda frustrazione, solo una decisione potrà riportarlo in superficie...

    Controcorrente è un libro particolarissimo, di cui colpiscono senza dubbio la prosa, davvero ricercata e le tante descrizioni, fatte con minuzia di particolari e una ricercatezza che non possono non stupire il lettore.
    Probabilmente non è difficile identificarsi in Des Esseintes, soprattutto per chi, come noi, vive la realtà frenetica e quasi priva di valori e certezze dei nostri giorni...

    ha scritto il 

  • 5

    Penso sia il mio libro preferito: rarefatto nella trama, preciso nel lessico, ricco come tessuti ricamati o come il colore in eccesso sulle tele nelle descrizioni, protagonista diviso fra spleen e dan ...continua

    Penso sia il mio libro preferito: rarefatto nella trama, preciso nel lessico, ricco come tessuti ricamati o come il colore in eccesso sulle tele nelle descrizioni, protagonista diviso fra spleen e dandysmo che D'annunzio lèvate, architetture ed arredamenti plastici ed artificiali, studiati e realizzati unicamente per il piacere estetico e intellettuale di chi li osserva, elenco raffinato della libreria che mi fa crepare d'invidia ad ogni lettura. Sì insomma, il mio libro preferito per qualche motivo!

    ha scritto il 

  • 4

    Una vera enciclopedia del decandentismo, ci sono pagine e pagine fatte di cataloghi di ricercatezze in grado di restituire l'ebbrezza del protagonista, oppure le complesse sfumature di sensazioni da l ...continua

    Una vera enciclopedia del decandentismo, ci sono pagine e pagine fatte di cataloghi di ricercatezze in grado di restituire l'ebbrezza del protagonista, oppure le complesse sfumature di sensazioni da lui ricercate, o ancora la sua lucida follia.
    Letto nell'edizione BUR. La traduzione di Sbarbaro (Garzanti) ho provato a leggerla, ed è elegante, ma ho optato per qualcosa di più scorrevole, e con un titolo (A ritroso) e una copertina (una Wunderkammer) più affascinanti.

    ha scritto il 

  • 4

    Le radici della Ricerca proustiana sono tutte qui, in questo volumetto che racconta la vita decadente e artificiosa vita di un nobilotto nauseato dalla vanità di tutto. L'unicità di questo romanzo che ...continua

    Le radici della Ricerca proustiana sono tutte qui, in questo volumetto che racconta la vita decadente e artificiosa vita di un nobilotto nauseato dalla vanità di tutto. L'unicità di questo romanzo che si ribella contro i dettami del naturalismo francese non è tanto la trama quanto la preziosità delle descrizioni, simbolo letterario e punto di fuga della decadenza. Splendido, crudele, nauseante, artificioso: un libro da affiancare a Dorian Gray.

    ha scritto il 

  • 0

    Incompreso

    Decadentismo, estetismo, dandysmo. Parole che pronuncia solo chi non ha letto questo libro o chi non lo ha capito! Pochi anche all'epoca in cui fu pubblicato per la prima volta questo libro lo compres ...continua

    Decadentismo, estetismo, dandysmo. Parole che pronuncia solo chi non ha letto questo libro o chi non lo ha capito! Pochi anche all'epoca in cui fu pubblicato per la prima volta questo libro lo compresero a fondo.

    Quando nel 1884 pubblicò à rebours (Controcorrente) lo scrittore Barbey d’Aurevilly riferì a Huysmans quanto aveva detto a Baudelaire a proposito dei suoi Les fleurs du mal: “Dopo Les fleurs du mal non le resta logicamente che la bocca di una pistola o i piedi della croce. Baudelaire ha scelto i piedi della croce”. Li sceglierà anche l’autore di à rebours?” Lo stesso Huysmans ammise che d'Aurevilly fu uno dei pochi ad aver compreso il suo libro.

    ha scritto il 

Ordina per