Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Conversaciones con Woody Allen

By Eric Lax

(23)

| Mass Market Paperback | 9788499080000

Like Conversaciones con Woody Allen ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Durante más de tres décadas, Eric Lax ha mantenido largas y distendidas conversaciones con el gran cineasta neoyorquino, además de haber tenido acceso privilegiado a sus rodajes y al proceso de elaboración de sus películas. El resultado de todo ello Continue

Durante más de tres décadas, Eric Lax ha mantenido largas y distendidas conversaciones con el gran cineasta neoyorquino, además de haber tenido acceso privilegiado a sus rodajes y al proceso de elaboración de sus películas. El resultado de todo ello ha sido este libro, una verdadera autobiografía artística en directo.

38 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • qui a parlare è il signor Konisberg, l’autore, il riflessivo regista. Ne viene fuori un’immagine paradossale di un artista “intrappolato” nella sua fisicità comica e nel suo genio comico, quando invece preferirebbe il dramma. I film che preferisce ( ...(continue)

    qui a parlare è il signor Konisberg, l’autore, il riflessivo regista. Ne viene fuori un’immagine paradossale di un artista “intrappolato” nella sua fisicità comica e nel suo genio comico, quando invece preferirebbe il dramma. I film che preferisce (tra i suoi), sono spesso quelli che il pubblico ama meno, e certe volte, mi spiace dirlo, temo che il pubblico abbia ragione. Con questa solfa del dramma, Woody si incarta da solo. Per me è inutile cincischiarci su: i primi drammi di Woody sono affetti da quel bergmanismo di ritorno che trovo stucchevole, per non so quale motivo è convinto che nei drammi bisogna parlare in modo sostenuto, letterario. Parliamoci chiaro: nessuno dei suoi drammi può essere paragonato a una delle sue grandi commedie agrodolci. Eccezion fatta per i due londinesi, dove Woody, tramite il thriller ha trovato una strada per rendere il suo cinema nero anche nella forma ma senza verbosismi di troppo.
    Un libro che vi consiglio di acquistare subito, splendidamente ricco, completo su ogni film. Se poi ogni tanto ci viene voglia di spaccargli la testa, a Woody, perché ti fa rabbia che sia così ingiusto con se stesso, che rifiuta l’appellativo di Genio, mentre il sottoscritto gliene conferirebbe uno al giorno… be’, pazienza, in fondo forse è più difficile riconoscere la propria grandezza dall’interno. Woody è soddisfatto di ben poche cose, tra cui Match point.

    Is this helpful?

    Noodles said on Jul 27, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Decisamente interessante...

    ...ed anche bello corposo. Consiglio di recuperarlo nella pratica edizione economica. E' molto lungo (sul modello dell'Io, Orson Welles di Peter Bogdanovich...per intenderci) quindi occorre un tempo superiore a quello di un semplice prestito mensile ...(continue)

    ...ed anche bello corposo. Consiglio di recuperarlo nella pratica edizione economica. E' molto lungo (sul modello dell'Io, Orson Welles di Peter Bogdanovich...per intenderci) quindi occorre un tempo superiore a quello di un semplice prestito mensile tipico di molte biblioteche.
    Sicuramente, con più tempo e più interesse, vi tornerò per sorbirmelo tutto in un luuuuungo sorso ;-)

    Is this helpful?

    Poirot77 said on Jul 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Libro di interviste a Woody Allen che copre gli anni dal 1971 al 2007.
    C'è in pratica tutto Allen: il suo modo di lavorare, il suo cinema, la sua filosofia di vita, il suo rapporto con gli attori e i collaboratori.

    Scorre via che è una bellezza; o ...(continue)

    Libro di interviste a Woody Allen che copre gli anni dal 1971 al 2007.
    C'è in pratica tutto Allen: il suo modo di lavorare, il suo cinema, la sua filosofia di vita, il suo rapporto con gli attori e i collaboratori.

    Scorre via che è una bellezza; o quanto meno: per me avrebbe potuto essere anche mille pagine e non m'avrebbe pesato. L'unica pecca sono forse le domande che a un certo punto tendono a ripetersi, ma nulla di che.

    Direi imprescindibile per i fan di Woody e una buona lettura anche per chi non lo conosce o apprezza appieno.

    Is this helpful?

    Marco Renzi [costello89] said on Nov 11, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "...la maggior parte di noi ha bisogno di uova."

    Is this helpful?

    Paveita said on Mar 22, 2013 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    sentimento del contrario

    l’umorismo è una legge che si regge sul pensiero ed sulla sua contraddizione.
    woody allen riesce a scorgere nel tragico qualunque i frammenti della risata, incita ad una riflessione che si identifica con lo spirito critico, presente in ognuno di ...(continue)

    l’umorismo è una legge che si regge sul pensiero ed sulla sua contraddizione.
    woody allen riesce a scorgere nel tragico qualunque i frammenti della risata, incita ad una riflessione che si identifica con lo spirito critico, presente in ognuno di noi. le immagini che crea con le sue battute sono la radiografia della sua fisionomia psichica, e riesce a far trasparire le inquietudini come fossero bersagli da abbattere con un sorriso.
    un libro di interviste sul cinema e quello che stimola il suo cinema, un divertente viaggio dentro la storia della nostra risata.
    quel ridere di sé che sorregge la vetta della conoscenza lasciandola capovolgere come fosse un bel imbuto dove far entrare ed uscire il cammin di nostra vita.

    Is this helpful?

    giovanni milone said on Aug 28, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    divertente e curioso. interviste sparse negli anni che mostrano la maturazione e la concentrazione con cui allen prepara i suoi film e costruisce il suo percorso artistico. ripete un po' troppo spesso alcuni concetti, con variazioni troppo sottili an ...(continue)

    divertente e curioso. interviste sparse negli anni che mostrano la maturazione e la concentrazione con cui allen prepara i suoi film e costruisce il suo percorso artistico. ripete un po' troppo spesso alcuni concetti, con variazioni troppo sottili anche a distanza di vent'anni. se avessero però tagliato tutte le volte in cui dice che un attore è stato meraviglioso, e lo dice sempre, il libro sarebbe più fluido e più corto di un terzo.

    Is this helpful?

    Matteo said on Jul 8, 2012 | 1 feedback

Book Details

Improve_data of this book