Conversazione in Sicilia

Voto medio di 2112
| 203 contributi totali di cui 164 recensioni , 38 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Ha scritto il 30/10/17
Vittorini ha uno stile unico. Riesce sempre a farmi isolare dal mio contesto esistenziale e a trasportarmi in una dimensione parallela, quasi onirica.Il libro è molto tetro, non solo per gli ambienti descritti, ma per anche per l'atmosfera che si ...Continua
Ha scritto il 25/09/17
Un libro strano, tra l'onirico e il visionario, con un linguaggio davvero piacevole che ti trasporta di colpo in un'Italia d'altri tempi!
  • 1 mi piace
Ha scritto il 09/08/17
Bella questa edizione impreziosita dai disegni di Guttuso che materializzano i personaggi ed i paesaggi magistralmente descritti da Vittorini. Quanta miseria in questa nostra Italia del principio del secolo scorso, quanto buio anche se in alcuni ...Continua
Ha scritto il 08/01/17
Lento e noioso
Libro lento e fastidioso l'utilizzo del ripetuto dialogo diretto con "io dissi"; prima parte più accettabile. Non lo consiglierei
Ha scritto il 04/12/16
Una grande opera, travestita da linguaggio semplice ma di grande profondità, un libro di terra di vino di uomini e donne, un libro che anticipa il cinema e che dà luce alla fotografia, un libro difficile da disegnare e facile da leggere, un libro ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Dec 22, 2015, 17:08
Ero quieto; ero come se non avessi mai avuto un giorno di vita, né mai saputo che cosa significa esser felici, come se non avessi nulla da dire, da affermare, negare, nulla di mio da mettere in gioco, e nulla da ascoltare, da dare e nessuna ...Continua
Ha scritto il Dec 22, 2015, 16:59
E io vidi più intensamente, quei tetti coi comignoli senza fumo, e il torrente, i boschi di carrubi, le macchie di neve, più intensamente, ossia due volte reale...
Ha scritto il Dec 05, 2014, 21:31
La casa era sull'orlo della china di tetti verso il vallone. Salii la scaletta esterna, fui sul pianerottolo. Sapevo che mi sarebbe piaciuto non aver da entrare, non aver da cercare cibo e letto, essere piuttosto in treno, e mi fermai.Il freddo era ...Continua
Pag. 153
Ha scritto il Dec 05, 2014, 21:30
Avevo viaggiato, dalla mia quiete nella non speranza, ed ero in viaggio ancora, e il viaggio era anche conversazione, era presente, passato, memoria e fantasia, non vita per me, eppur movimento, e mi appoggiai al muricciolo, pensai a mio padre ...Continua
Pag. 105
Ha scritto il Mar 09, 2014, 14:51
- Perché piangete? - chiedevano. Ma io non avevo nessuna risposta da dar loro. Non piangevo per qualche ragione. In fondo non piangevo nemmeno; ricordavo; e il ricordo aveva quest'apparenza di pianto agli occhi altrui.
Pag. 331
  • 1 mi piace

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Dec 03, 2015, 13:51
Collocazione : NR 184 ( 11 copie )

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi