Nei grandi romanzi della Ortese si coglie in filigrana un pensiero, un monologo assorto e vasto, che tocca la realtà in tutti i suoi livelli: anzi, come primo gesto, la distacca dalla sua cornice usuale e vi getta un’altra luce, fino a trasformarla i ...Continua
Ida
Ha scritto il 29/03/18
Una splendida analisi della natura umana e del suo rapporto con l'universo. A tratti filosofico a tratti poetico, di sicuro un testo prezioso con una scrittura che ti rapisce. La Ortese è una scrittrice con una grande sensibilità unita ad una lucidit...Continua
...
Ha scritto il 10/02/18
"Dovunque siano occhi che vi guardano con pace o paura, là vi è qualcosa di celeste, e bisogna onorarlo e difenderlo. So questo. Che la Terra è un corpo celeste, che la vita che vi si espande da tempi immemorabili è prima dell'uomo, prima ancora dell...Continua
Mariusghencea95
Ha scritto il 11/09/17
Capolavoro

Meraviglioso.

soulAdmitted
Ha scritto il 01/05/16
Non vediamo la tirannia del Nulla. Il denaro oggi ha mutuato ogni lavoro, ogni opera [...] Chi fa qualcosa non lo fa più per sé, o in onore del Dio nascosto - fa quella cosa o un'altra ( e se sia la peggiore, non importa) nella sola speranza di otten...Continua
Siren
Ha scritto il 17/12/15

A tratti vertiginoso, a tratti semplicissimo fino a sfiorare l'ingenuità. La Ortese resta una delle scrittrici italiane più interessanti di sempre.


Alessandro Pelicioli
Ha scritto il Jan 01, 2018, 00:16
Una lettura confortante, nella quale consolarsi ma anche trarre coraggio, per tutti coloro, che al pari della Ortese - credono in tutto ciò che non vedono, e credono poco in quello che vedono... La cultura può essere curata dalla intelligenza - non...Continua
alice
Ha scritto il Aug 15, 2013, 21:24
Il mondo è pieno di immagini, ma gli spettri - che pure vivono al nostro fianco, e la notte piegano il viso accanto alla nostra lampada - non si vedono mai.
Pag. 111
alice
Ha scritto il Aug 15, 2013, 21:22
Creare è una forma di maternità; educa, rende felici e adulti in senso buono. Non creare è morire e, prima, irrimediabilmente invecchiare.
Pag. 60
alice
Ha scritto il Aug 15, 2013, 21:21
Sono lieta, in mezzo alle mie tristezze mediterranee, di essere qui. E dirvi com'è bello pensare strutture di luce, e gettarle come reti aeree sulla terra, perché essa non sia più quel luogo buio e perduto che a molti appare, o quel luogo di schiavi...Continua
Pag. 51
alice
Ha scritto il Aug 15, 2013, 21:18
Oggi si dà alla parola diverso una dimensione fisica o psichica limitata alla sfera affettiva, personale. I veri diversi, per mia esperienza, sono altri, e sono di sempre: sono i cercatori d'identità, proprio e collettiva, e nazionale, e d'anima. Col...Continua
Pag. 30

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi