Corsa verso il baratro

Di

Editore: Longanesi

3.6
(528)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 484 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8830420360 | Isbn-13: 9788830420366 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Grazia Maria Griffini

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Corsa verso il baratro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Chi ha ucciso Elena Weaver, bella e sensuale studentessa sordomuta a Cambridge? Un nuovo caso per l’ispettore Linley e la sua assistente Barbara Havers. Il nuovo romanzo di Elizabeth Gorge. Nessuno sembra in grado di spiegare l’omicidio della giovane Elena Weaver, studentessa del St. Stephen College di Cambridge. E anche l’ispettore Thomas Lynley e il sergente Barbara Havers di Scotland Yard stavolta hanno serie difficoltà a ricostruire un ritratto della vittima che tutti sembrano aver amato: Elena era così piena di vitalità, di sensualità e di innocenza che sembra impossibile che qualcuno abbia voluto porre termine in modo così brutale alla sua vita. Forse la verità va ricercata altrove, nel rarefatto ambiente universitario di Cambridge, o nella sua cerchia familiare: il padre, professore di grande prestigio e di ambizioni accademiche; la madre, una donna amareggiata e inasprita che vive a Londra; o la seconda moglie del padre. O forse c’è ancora qualche dettaglio che sfugge e il quadro è ancora lungi dall’essere completo...
Ordina per
  • 2

    Peccato...l'idea era molto buona.

    Inizia bene, storia coinvolgente per chi ama i gialli classici...poi però qualcosa va storto, tutto diventa troppo lungo, noioso e con poco senso. Non metto una stella solo perchè l'idea da cui tutto ...continua

    Inizia bene, storia coinvolgente per chi ama i gialli classici...poi però qualcosa va storto, tutto diventa troppo lungo, noioso e con poco senso. Non metto una stella solo perchè l'idea da cui tutto ha inizio era interessante. Peccato...

    ha scritto il 

  • 3

    Un bel giallo per l'ispettore Lynley ed il sergente Barbara.
    Una ragazza assassinata mentre si allena la mattina intorno a Cambridge dove studia .
    Non sarà semplice indagare in questo sofisticato ambi ...continua

    Un bel giallo per l'ispettore Lynley ed il sergente Barbara.
    Una ragazza assassinata mentre si allena la mattina intorno a Cambridge dove studia .
    Non sarà semplice indagare in questo sofisticato ambiente dove il padre della vittima è un importante professore.
    Un pochino lento nella parte centrale, ma si legge con interesse sopratutto nel finale.
    Ben descritti i personaggi e i loro oscuri segreti e piano piano emerge la vera personalità della giovane vittima, Elena una ragazza sorda dalla nascita che cerca di fare di tutto per colpire il padre e farlo stare male, forse per vendicarsi di averla abbandonata da piccola.
    Le colpe dei genitori si riflettono sui figli e sicuramente Elena paga con la sua vita gli errori del padre.

    ha scritto il 

  • 2

    Corsa verso il baratro

    L'ho iniziato con una certa aspettativa e alla fine mi ci è voluto quasi un mese per finirlo. L' ho trovato lento e troppo descrittivo tanto che ero tentata di saltare le pagine. Un intero capitolo su ...continua

    L'ho iniziato con una certa aspettativa e alla fine mi ci è voluto quasi un mese per finirlo. L' ho trovato lento e troppo descrittivo tanto che ero tentata di saltare le pagine. Un intero capitolo sui problemi famigliari della sorella di Lady Helen secondo me non era così necessario. E il movente? Al limite della follia.

    ha scritto il 

  • 3

    Non c'è mai niente di razionale nei rapporti umani

    "Aveva meno di un quarto d'ora da vivere." Frase di pagina 12: che inizio promettente, mi sono detta.
    E invece questa volta la George mi ha davvero sfinita con tutte le sue descrizioni in stile navig ...continua

    "Aveva meno di un quarto d'ora da vivere." Frase di pagina 12: che inizio promettente, mi sono detta.
    E invece questa volta la George mi ha davvero sfinita con tutte le sue descrizioni in stile navigatore satellitare (pensate che all'inizio del libro c'è pure una mappa). Ma come al solito sono arrivata alla fine, e in effetti è una buona storia, in cui a mio parere l'aspetto più interessante è l'analisi dell'animo umano.
    «Dunque hanno perso tutti, ispettore?»
    «È sempre così quando c'è di mezzo un omicidio.»

    ha scritto il 

  • 3

    Non credere mai che la tua vita dipenda da qualsiasi cosa. Perchè è così che bisogna vivere.

    Direi che le tre stelline sono anche troppo, ma due sarebbero state poche e la mezza stellina non c'è, quindi.....
    Noioso in maniera imbarazzante e lungo da togliere davvero la pazienza. La componente ...continua

    Direi che le tre stelline sono anche troppo, ma due sarebbero state poche e la mezza stellina non c'è, quindi.....
    Noioso in maniera imbarazzante e lungo da togliere davvero la pazienza. La componente gialla non racconta niente di nuovo in quanto a movente, i personaggi sono come la solito ben tratteggiati questo è vero e le descrizioni molto particolareggiate ma nell'insieme c'è stato un troppo di tutto che ha reso la lettura faticosa e pesante. La dedica di chi melo ha regalato è la parte più bella del libro. Grazie Chiara White :*

    ha scritto il 

  • 3

    Mi spiace Elizabeth ma questa volta hai toppato...
    Lo stile è meraviglioso come sempre, ma dedicare un intero capitolo alla scelta della bara mi sembra esagerato. Troppe le scene inutili ai fini della ...continua

    Mi spiace Elizabeth ma questa volta hai toppato...
    Lo stile è meraviglioso come sempre, ma dedicare un intero capitolo alla scelta della bara mi sembra esagerato. Troppe le scene inutili ai fini della trama e, nonostante i depistaggi (qualcuno neanche troppo onesto), il colpevole si capisce subito...
    3 stelle regalate!

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per