Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Così ci uccidono

Storie, affari e segreti dell'Italia dei veleni

Di

Editore: Mondolibri su licenza R.C.S.

4.2
(33)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 280 | Formato: Copertina rigida

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Political , Science & Nature

Ti piace Così ci uccidono?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Se sapessimo davvero di cosa é fatto quello che mangiamo..

    Il problema é che non lo sappiamo, perché l'ambiente é talmente inquinato e gli interessi per non far e
    O sapere sono talmente tanti che continuiamo a mangiare cose che non solo sono di scarsa qualità ma sono anche dannose per il nostro organismo. Per non parlare poi del l'inquinamento! Dove andr ...continua

    Il problema é che non lo sappiamo, perché l'ambiente é talmente inquinato e gli interessi per non far e O sapere sono talmente tanti che continuiamo a mangiare cose che non solo sono di scarsa qualità ma sono anche dannose per il nostro organismo. Per non parlare poi del l'inquinamento! Dove andremo a finire... Attenzione alla mozzarella e il pesci, ai ristoranti non autoctoni e alle radio!

    ha scritto il 

  • 5

    l'ho preso in biblioteca, ma ora me lo compro. Finalmente trovo riscontro in quello che ho sempre pensato: attenzione alle mozzarelle, ai prodotti venduti sui camioncini ai bordi delle strade, come frutta, pane e mozzarelle, meglio non fidarsi del contadino improvvisato che, oltre a far crescere ...continua

    l'ho preso in biblioteca, ma ora me lo compro. Finalmente trovo riscontro in quello che ho sempre pensato: attenzione alle mozzarelle, ai prodotti venduti sui camioncini ai bordi delle strade, come frutta, pane e mozzarelle, meglio non fidarsi del contadino improvvisato che, oltre a far crescere le sue piantine ai bordi di una discarica, le innaffia con l'acqua di falda e percolato, e magari alle galline e ai coniglietti dà da mangiare gli scarti ammuffiti di casa sua, facendoli vivere in gabbie zellose. La cosa più sconvolgente è nelle prime pagine del libro, la nostra ministra dell'ambiente è la ex proprietaria della fabbrica più inquinante della Sicilia, alla nomina ha regalato le sue quote....alla mamma. Oltre a spiegare bene le cose, fa tutti i nomi e cognomi, da fargli il monumento.

    ha scritto il 

  • 3

    Forse un po' troppo allarmistico (dopo averlo letto viene voglia di suicidarsi, tanto tra quello che mangiamo e quello che respiriamo non abbiamo comunque scampo).
    Cupezza e catastrofismo a parte, il libro ha il merito di farci riflettere su come ci alimentiamo e sulle conseguenze dei nostri com ...continua

    Forse un po' troppo allarmistico (dopo averlo letto viene voglia di suicidarsi, tanto tra quello che mangiamo e quello che respiriamo non abbiamo comunque scampo). Cupezza e catastrofismo a parte, il libro ha il merito di farci riflettere su come ci alimentiamo e sulle conseguenze dei nostri comportamenti non solo su un generico e impersonale ambiente, ma sorattutto sulla nostra salute personale.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro sulle verità nascoste e taciute dell'Italia.

    Lo consiglio a tutti: l'analisi dell'autore sul Belpaese è dura come un pugno nello stomaco e gela il sangue nelle vene come una doccia fredda. Ogni politico dovrebbe leggerlo per comprendere le vere priorità del nostro magnifico e martoriato Paese.

    ha scritto il 

  • 0

    Da leggere per capire qualcosa in più sul nostro Paese e possibilmente da approfondire con altri reportage sull'argomento inquinamento (dell'aria, dell'acqua, del nostro cibo, ecc ecc).

    ha scritto il 

  • 4

    Meraviglioso e agghiacciante

    L'Italia è un paese meraviglioso (a parte la devastazione del paesaggio) e agghiacciante, come dimostra questo saggio. A tratti un po' superficiale, discorsivo e poco analitico, un po' "televisivo" (alla Report, per intenderci) anche nel linguaggio e soprattutto senza una bibliografia o un appara ...continua

    L'Italia è un paese meraviglioso (a parte la devastazione del paesaggio) e agghiacciante, come dimostra questo saggio. A tratti un po' superficiale, discorsivo e poco analitico, un po' "televisivo" (alla Report, per intenderci) anche nel linguaggio e soprattutto senza una bibliografia o un apparato di note di supporto: sarebbe stato molto più "pesante". Ma assolutamente agghiacciante. Le statistiche che indicano che abbiamo picchi statistici di malattie tumorali e ambientali (soprattutto i nostri bambini) e che nelle top ten dei siti inquinati MONDIALI siamo sempre ai primi posti sono allarmanti, definitive, oggettive. Siamo fottuti, e abbiamo lasciato che tutto questo succedesse sotto ai nostri occhi.

    ha scritto il 

  • 4

    Il libro traccia lo scenario di una Italia con una rilevante parte di territorio devastata ed avvelenata dal pluriennale concorso di interessi tra amministrazioni locali, magistratura, politica(a prescindere dal colore), camorre varie ed interessi privati. Anche se alcune delle situazioni espo ...continua

    Il libro traccia lo scenario di una Italia con una rilevante parte di territorio devastata ed avvelenata dal pluriennale concorso di interessi tra amministrazioni locali, magistratura, politica(a prescindere dal colore), camorre varie ed interessi privati. Anche se alcune delle situazioni esposte mi sembrano un po' forzate e tutte da dimostrare, resta il fatto la lettura lascia profondamente sconfortati e contribuisce ad aumentare quel senso di impotenza che ormai pervade gran parte dei cittadini italiani. Che dire? A costo di apparire politicamente scorretto (e chissenefrega!!) mi trovo ad invidiare la Cina che, in presenza di reati di questo tipo che,colpiscono indiscriminatamente la popolazione ed in particolare i bambini (vedi recenti casi del latte alla melamina) non esita ad applicare la pena di morte.... ed anche in tempi brevi. E chissà!!.......forse anche Beccaria sarebbe d'accordo. Lettura interessante ( non può mancare nella libreria dei masochisti).

    ha scritto il