Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cosa fa vivere gli uomini

I racconti di Repubblica, 4

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso

3.9
(116)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 44 | Formato: Altri

Isbn-10: A000035649 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Cosa fa vivere gli uomini?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
fascicolo spillato al centro
Ordina per
  • 4

    Evangelico. Toccante - e a tratti ridondante - come potrebbe esserlo un passo di sacra scrittura (quindi da evitare se non siete di quelli che definirebbero profondo un brano di Marco o Luca).

    ha scritto il 

  • 3

    uno potrebbe dire la F...

    invece si tratta della fiducia e della solidarietà, della compassione e della comune appartenenza al genere sub-umano! Naaa, razza da sopprimere in toto, vi siete sentiti amorevoli per le feste natali ...continua

    invece si tratta della fiducia e della solidarietà, della compassione e della comune appartenenza al genere sub-umano! Naaa, razza da sopprimere in toto, vi siete sentiti amorevoli per le feste natalizie?

    ha scritto il 

  • 2

    Un'elegia sull'amore e sulla sua forza come motore dell'esistenza umana. E' questo che fa vivere gli uomini secondo Tolstoj, naturalmente per Tolstoj è Dio che dona e dispensa questo amore agli uomini ...continua

    Un'elegia sull'amore e sulla sua forza come motore dell'esistenza umana. E' questo che fa vivere gli uomini secondo Tolstoj, naturalmente per Tolstoj è Dio che dona e dispensa questo amore agli uomini, così come l'angelo, protagonista di questo racconto, scopre lui stesso. Bella la narrazione e l'atmosfera quasi da favola, per contro troppo didascalico e "piegato" agli intenti che si prefiggeva Tolstoj di esaltare la superiore e imperscrutabile volontà di Dio, rispetto a cui la la volontà degli uomini non può nulla.

    ha scritto il 

  • 5

    "rielaborato da Lev Tolstoj sulla base di una leggenda che aveva udito da un contadinoe gli diede quel tecco leggero di verità che incanta il lettore e non gli consente di abbandonared la pagina" così ...continua

    "rielaborato da Lev Tolstoj sulla base di una leggenda che aveva udito da un contadinoe gli diede quel tecco leggero di verità che incanta il lettore e non gli consente di abbandonared la pagina" così recita dietro la copertina e così è.

    veramente bello

    ha scritto il 

  • 3

    Favoletta

    storia di un povero ciabattino che aiuta un misterioso giovane.
    E' lesa maestà nei confronti del grande Tolstoj dire che lo trovo melenso? Forse devo rileggerlo senza pensare che il messaggio cristian ...continua

    storia di un povero ciabattino che aiuta un misterioso giovane.
    E' lesa maestà nei confronti del grande Tolstoj dire che lo trovo melenso? Forse devo rileggerlo senza pensare che il messaggio cristiano contenuto nella storia è stato logorato da troppi episodi discutibili.

    ha scritto il 

  • 5

    Se potessi, darei a questo racconto sei stelle. Mi ha emozionata e...credo che domenica prossima andrò in chiesa!!! consiglio a tutti di leggerlo, perchè contiene una morale, oltre che una storia bel ...continua

    Se potessi, darei a questo racconto sei stelle. Mi ha emozionata e...credo che domenica prossima andrò in chiesa!!! consiglio a tutti di leggerlo, perchè contiene una morale, oltre che una storia bellissima. La traduzione dal russo all'italiano lascia un po' desiderare...Ma si può perdonare, visto la spettacolarità e la perfezione del resto del libro.

    ha scritto il 

  • 4

    Riporto dall'ultima pagina:
    "Ho capito che Dio non ha voluto che gli uomini vivessero ciascuno per conto proprio, e perciò non ha insegnato loro a capire ciò di cui ognuno ha bisogno, ma ha voluto che ...continua

    Riporto dall'ultima pagina:
    "Ho capito che Dio non ha voluto che gli uomini vivessero ciascuno per conto proprio, e perciò non ha insegnato loro a capire ciò di cui ognuno ha bisogno, ma ha voluto che vivano tutti insieme, in concordia, e perciò ha rivelato loro di cosa abbiano bisogno tutti quanti, loro stessi come anche tutti gli altri."

    Mi permetto solo di aggiungere che se tutti ci soffermassimo a riflettere su queste parole e ad agire di conseguenza il nostro futuro ci apparirebbe un pò più luminoso e sereno.

    ha scritto il