Cose preziose

Di

Editore: Sperling Paperback

3.9
(4125)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 784 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Svedese , Olandese , Chi tradizionale , Greco , Russo , Ceco , Chi semplificata

Isbn-10: 8878247448 | Isbn-13: 9788878247444 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Tullio Dobner

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Cose preziose?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Quale evento turba questa volta la pace della tranquilla cittadina americana di Castle Rock? E' l'arrivo di Leland Gaunt, un forestiero strano e sfuggente. Quest'individuo ambiguo apre un negozio, Cose Preziose, dove è possibile acquistare pezzi rari, curiosità, autentiche gioie per piccoli collezionisti. Gaunt sembra catturare i desideri più nascosti di ogni cliente, riuscendo a trovare per chiunque ciò che cercava o segretamente sognava da anni...
Ordina per
  • 4

    Needful Things was the place where everything had started; Needful Things was - where it all must end.

    Brian Rusk had bought a baseball card in Needful Things, and Brian was dead. Nettle Cobb had bought a lampshade in Needful Things, and she was dead, too. How many others in Castle Rock had gone to the ...continua

    Brian Rusk had bought a baseball card in Needful Things, and Brian was dead. Nettle Cobb had bought a lampshade in Needful Things, and she was dead, too. How many others in Castle Rock had gone to the well and bought poisoned water from the poison man? Norris had a fishing rod. Polly had a magic charm. Brian Rusk's mother had a pair of cheap sunglasses that had something to do with Elvis Presley. Even Ace Merrill had an old book. Alan was willing to bet that Hugh Priest had also made a purchase ... and Danforth Keeton ...
    How many others? How many?
    What really happened in that goddam town?
    Everything went along peaceful for awhile, and then a squabble broke out.

    See that building across Main Street? The one three doors up from the vacant lot where the Emporium Galorium used to stand?
    The windows are all soaped over because it's not quite open yet. NEEDFUL THINGS.
    You had been here before, but things were about to change.There was a storm on the way.
    It said OPENING SOON on top, and under that, ANSWERED PRAYERS, A NEW KIND OF STORE. Interesting name for a store.
    Answered Prayers. Makes you wonder what's for sale inside. Why, with a name like that it could be anything. Anything at all.
    In a small town, the opening of a new store is big news. there was no other shop in Castle Rock which looked like this.
    Needful Things was a curios shop.
    All the items, whether trash or treasure, had one thing in common: there were no price-tags on any of them.
    Leland Gaunt was proprietor of Needful Things. A tall figure with dark blue- black Indian eyes. The tall man's grip was strong and sure, but not painful.
    All the same, there was something unpleasant about it. Something ... smooth. Too hard, somehow.
    His teeth were crooked, and they looked rather yellow in the dim light, but Brian found the smile entirely charming just the same.
    But when Gaunt's smile grew, it became unpleasantly predatory.
    The first and second fingers of his hand were exactly the same length and he usually wore a long red-velvet jacket.
    His voice seemed far away. His voice seemed to be coming from the bottom of a deep, dark cave and he looked like the sort of man who might already know.
    "I believe in free trade," Mr. Gaunt said. "It's what made this country great.
    Sometimes his customers came in little groups, but far more often they seemed to be on their own .
    Brian Rusk met the proprietor of Needful Things before anyone else in Castle Rock.
    Brian was eleven, and a healthy eleven-year-old boy interested in anything new.
    Brian felt a momentary and quite monstrous cramp of fear. The guy was quite old, and his face was very kind. He looked at Brian with interest and pleasure.
    "You are my very first customer. Come in, my friend. Enter freely, and leave some of the happiness you bring!"
    He smiled and stuck out his hand. The smile was infectious.
    Brian felt an instant liking for the proprietor of Needful Things.
    "Very good, Mr. Rusk. And since you are my first customer, I think I can offer you a very special price on any item that catches your fancy."
    'Brian Rusk, what do you want more than anything else in the world at this moment?' what is your response? Quick!"
    "Sandy Koufax," Brian responded promptly.
    "Well, not Sandy Koufax himself," Brian said, "but his baseball card. "
    "That's the rarest baseball card in the universe!" It was Sandy Koufax. It was a '56 Topps card. And it was signed.
    "To my good friend Brian, with best wishes, Sandy Koufax," Brian read in a hoarse whisper.
    And then found he could say nothing at all.
    "I didn't plan it or plan it, Brian. It's just a coincidence ... but a nice sort of coincidence, don't you think?"
    The card wasn't really his yet. This was just sort of a trial run. There was something he had to do before it would really be his.
    He had wanted to show it to his father. Coming home from Needful Things, he had imagined just how it would be when he showed it to him.
    He sold you a 1956 autographed Sandy Koufax baseball card, in uncirculated condition, for eighty-five cents?
    Yeah, that's where the real trouble would start, all right.
    What kind of trouble? He didn't know, exactly, but there would be a stink, he was sure of that.
    "Brian said Needful Things is a poison place and he's a poison man and I should never go there."
    "I've met this man before. Where?
    It was diji vu, Polly said."
    Alan, the Sheriff, of the town, remembered the day he had come to Needful Things with the specific intention of meeting and talking to Mr. Gaunt, and he remembered the odd sensation that had crept over him as he peered in through the window with his hands cupped at the sides of his face to reduce the glare. He had felt he was being watched, although the shop was clearly empty.
    And not only that; he'd felt the watcher was malign, hateful. The feeling had been so strong that for a moment he had actually mistaken his own reflection for the unpleasant (and half-transparent) face of someone else.
    Alan found himself remembering something else-something his grandmother used to tell him when he was small: The devil's voice is sweet to hear.
    Brian said How had Mr. Gaunt come by his knowledge? And why in God's name would he bother with a wide place in the road like Castle Rock?
    -Mr. Gaunt wasn't really a man at all.
    Needful Things was the place where everything had started; Needful Things was - where it all must end.

    ha scritto il 

  • 4

    Me ha encantado como no podría ser de otra manera de este gran autor, quizás a mitad libro te aburre un poco porque quieres que la trama avance, pero acaba haciéndose ameno y tanto el principio como e ...continua

    Me ha encantado como no podría ser de otra manera de este gran autor, quizás a mitad libro te aburre un poco porque quieres que la trama avance, pero acaba haciéndose ameno y tanto el principio como el final enganchan.

    Quizás los capítulos pecan de algo largos, en medida necesarios y como tiene "subcapítulos" pues se puede llevar bastante bien.

    ha scritto il 

  • 2

    mi spiace dare un voto così basso .
    Bella l'idea ma la parte centrale è troppo ripetitiva , noiosa e troppo prolissa cosa che poteva essere ridotta molto e concentrarsi su alcuni personaggi tipo Gaun ...continua

    mi spiace dare un voto così basso .
    Bella l'idea ma la parte centrale è troppo ripetitiva , noiosa e troppo prolissa cosa che poteva essere ridotta molto e concentrarsi su alcuni personaggi tipo Gaunt che è leggermente messo da parte o comunque non si capiscono a pieno alcune cose e anche sulla parte finale che è davvero molto deludente ; nella sua incredulità è poco credibile.

    ha scritto il 

  • 3

    Non il tuo migliore, Stephen

    Lo devo ammettere, è stato faticoso finirlo. Se l'ultimo di King che ho letto, 22.11.63 l'ho bevuto, questo mi ha tenuto impegnato quasi un mese. Carina l'idea devo ammetterlo, ma alla fine anche abba ...continua

    Lo devo ammettere, è stato faticoso finirlo. Se l'ultimo di King che ho letto, 22.11.63 l'ho bevuto, questo mi ha tenuto impegnato quasi un mese. Carina l'idea devo ammetterlo, ma alla fine anche abbastanza ripetitiva e prevedibile. Buona la prima parte, non male la parte finale, molto pesante la parte centrale. Ci sono tanti personaggi, forse troppi, alcuni non li vedo così necessari. Intendiamoci, non è un brutto libro, ma il Re mi ha abituato al meglio e questo non è il meglio. Consiglio il libro solo ai patiti dello scrittore statunitense, in caso contrario passate oltre.

    ha scritto il 

  • 1

    Madre di Dio, che fatica!
    Questo libro mi è sembrato lunghissimo (in realtà lo è a tutti gli effetti con le sue quasi ottocento pagine), lentissimo, pieno di dettagli inutili e di descrizioni spesso r ...continua

    Madre di Dio, che fatica!
    Questo libro mi è sembrato lunghissimo (in realtà lo è a tutti gli effetti con le sue quasi ottocento pagine), lentissimo, pieno di dettagli inutili e di descrizioni spesso ripetitive (la repulsione che tutti provavano al tocco del Signor Gaunt, i suoi occhi che parevano di diverso colore a seconda di chi li guardava, le dita stranamente lunghe, la dentatura imperfetta, ecc...), in cui la genialità di King è comparsa solo a tratti. E totalmente, irrimediabilmente senza fine.
    In certi momenti mi è parsa così lontana che, pur cercando sempre di non abbandonare le mie letture a metà, ho considerato la possibilità di mollarlo perché non generava in me alcun interesse, nonostante le premesse della trama fossero più che buone – il Diavolo seduttore a caccia di anime che getta scompiglio in una piccola cittadina. Trama che sarebbe stata molto più efficace se il tomo fosse stato cinquecento pagine più corto e non condito di milioni di informazioni sulla vita personale, e spesso anche sessuale, dei personaggi. Approfondimenti che ho trovato pesanti e noiosi il più delle volte, e che si estendevano per pagine e pagine.
    Il finale è stato il colpo di grazia: frettoloso, deludente ma, soprattutto, assurdo e forzato con quei trucchi di magia che, guarda il caso delle volte!, diventano reali giusto in tempo per salvare le chiappe agli eroi rimasti in piedi.
    Carino invece l'epilogo che riprende l'inizio della storia, forse l'unica parte che ho davvero apprezzato.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Che gli volete dire?

    Va letto. A piccoli sorsi o tutto d'un fiato ma va letto.

    Io l'ho messo in pausa, il tempo di leggere altri due libri per me prioritari, ma l'ho ripreso senza dover riagganciarmi, già mi aveva coinvo ...continua

    Va letto. A piccoli sorsi o tutto d'un fiato ma va letto.

    Io l'ho messo in pausa, il tempo di leggere altri due libri per me prioritari, ma l'ho ripreso senza dover riagganciarmi, già mi aveva coinvolta.

    Dover attendere per poter godermi il boom finale causa incombenze quotidiane mi ha innervosita.

    Poi boom, ora boom, come in tutte le storie che si rispettino. Stiamo parlando del Maestro, zitti e BOOM.

    ha scritto il 

  • 2

    Tanto fumo e poco arrosto

    Ricorro a King quando mi sommerge e prostra il "blocco del lettore". Così è stato anche in questa occasione, ma con questo romanzo non ho trovato requie né appagamento, anzi: ho trascinato stancamente ...continua

    Ricorro a King quando mi sommerge e prostra il "blocco del lettore". Così è stato anche in questa occasione, ma con questo romanzo non ho trovato requie né appagamento, anzi: ho trascinato stancamente questa lettura fino all'ultima, sospirata pagina.
    Materia di partenza affabilissima, imponenti descrizioni di paure, vizi, debolezze, malattie varie e poi, puff, un finale fantasy puerile, frettoloso ed accomodante.
    Va là, va là, va là.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    A mio parere "Cose Preziose" non è uno dei migliori romanzi di King. Adoro lo stile di King, come si sofferma sui personaggi e paesaggi, e li descrive in maniera dettagliata e profonda, tuttavia quest ...continua

    A mio parere "Cose Preziose" non è uno dei migliori romanzi di King. Adoro lo stile di King, come si sofferma sui personaggi e paesaggi, e li descrive in maniera dettagliata e profonda, tuttavia questo libro mi ha lasciato l'amaro in bocca per la pesantezza di alcuni pezzi e la lentezza dello svilupparsi della storia. Peccato perché l'idea di un negozio dove chiunque trova un qualcosa di prezioso era potenzialmente bella.

    ha scritto il 

Ordina per