Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cosmétique de l'ennemi

By

Editeur: Albin Michel

3.9
(1529)

Language:Français | Number of pages: 140 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) Spanish , Italian , German

Isbn-10: 2226126570 | Isbn-13: 9782226126573 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Aimez-vous Cosmétique de l'ennemi ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 1

    Nello scaffale, se serve spazio, Cosmetica del nemico, può tranquillamente cedere il suo posto

    Cosmetica del nemico, è uno di quei libri che si può a fare a meno di leggere, lo si tira giù dagli scaffali della libreria perché in copertina c’è scritto “Amelie Nothomb”. Se uno ha letto “Igiene de ...continuer

    Cosmetica del nemico, è uno di quei libri che si può a fare a meno di leggere, lo si tira giù dagli scaffali della libreria perché in copertina c’è scritto “Amelie Nothomb”. Se uno ha letto “Igiene dell’assasino” concede sempre una chance a questa scrittrice, anche se a volte produce spunti interessanti (“Le catilinarie”, “Uccidere il padre”) altre volte profonde delusioni (“diario di rondine”). Sono stato fregato dalle prime pagine che catturano l’attenzione del lettore con uno spunto interessante, a poco a poco il discorso si articola e il dialogo tra i due protagonisti comincia a puzzare di fregatura. Il finale è a dir poco banale, utilizza uno dei trucchi della letteratura più abusati di sempre. Tolta la trama insulsa, rimangono i soliti artifici letterari di sempre: per un libro è decisamente poco.

    dit le 

  • 3

    Una Nothomb che a metà libro, secondo me, molla la presa. Perché? Avevamo tutti gli ingredienti per creare un altro gioiellino come "Diario di rondine", un passatempo brillante e crudele. E invece a m ...continuer

    Una Nothomb che a metà libro, secondo me, molla la presa. Perché? Avevamo tutti gli ingredienti per creare un altro gioiellino come "Diario di rondine", un passatempo brillante e crudele. E invece a metà lettura si sciolgono tutti i nodi, si risolve tutto un po' banalmente. Non saprei, è pur sempre un piacere leggere questa scrittrice, ma continuo a pensare che le opere migliori siano a questo punto quelli semi autobiografiche.

    dit le 

  • 5

    incredibile

    mi sono sempre chiesta quali possano essere state le recensioni della stampa su questo libro. oltraggioso, e quindi dannatamente seducente. non c'è niente di simile lì fuori, e non si può chiedere di ...continuer

    mi sono sempre chiesta quali possano essere state le recensioni della stampa su questo libro. oltraggioso, e quindi dannatamente seducente. non c'è niente di simile lì fuori, e non si può chiedere di meglio.

    dit le 

  • 5

    A bocca aperta!

    Solo un genio può scrivere un libro/dialogo di questo livello.
    Al di là della storia, della quale non voglio dire nulla, perché questo libro è tutto una sorpresa....ritengo che l'autrice abbia una cul ...continuer

    Solo un genio può scrivere un libro/dialogo di questo livello.
    Al di là della storia, della quale non voglio dire nulla, perché questo libro è tutto una sorpresa....ritengo che l'autrice abbia una cultura smisurata nonché quel seme di follia che hanno tutti i geni...
    Leggerò sicuramente altro ma questo è un libro consigliatissimo...per chi non si scandalizza e non legge tutto attraverso una rigida morale!

    dit le 

  • 5

    Brillante. Hasta ahora, es el libro que más me ha gustado de esta autora. Es una historia que hay que leer de una sentada, que con 47 páginas se puede hacer perfectamente, para no perder el ambiente y ...continuer

    Brillante. Hasta ahora, es el libro que más me ha gustado de esta autora. Es una historia que hay que leer de una sentada, que con 47 páginas se puede hacer perfectamente, para no perder el ambiente y suspense creado.

    dit le 

  • 5

    L'ennemi est celui qui, de l'intérieur, détruit ce qui en vaut la peine. Il est celui qui nous montre la décrépitude contenue en chaque réalité. Il est celui qui nous met en lumière votre bassesse e ...continuer

    L'ennemi est celui qui, de l'intérieur, détruit ce qui en vaut la peine. Il est celui qui nous montre la décrépitude contenue en chaque réalité. Il est celui qui nous met en lumière votre bassesse et celle de vos amis. Il est celui qui, en un jour parfait, nous trouvera une excellente raison d'être torturé. Il est celui qui nous dégoûtera de vous-même. Il est celui qui, quand nous entreverrez le visage céleste d'une inconnue, nous révélera la mort contenue en tant de beauté.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    4

    Primo romanzo che leggo della Nothomb.
    Non ho fatto in tempo a pensare che non era poi così disturbante come me l'ero immaginato che mi ha rifilato un calcione all'altezza dello stomaco. E poi altri, ...continuer

    Primo romanzo che leggo della Nothomb.
    Non ho fatto in tempo a pensare che non era poi così disturbante come me l'ero immaginato che mi ha rifilato un calcione all'altezza dello stomaco. E poi altri, fino al finale spiazzante.
    Il tutto nella forma di un dialogo incalzante e davvero bello tra due sconosciuti che si incontrano per caso (o forse no) nella sala d'attesa di un aeroporto.
    4 stelline perché mi sa un po' di esercizio di stile. Scritto benissimo, efficace, doloroso, ma pur sempre esercizio di stile.

    PS: dopo aver letto le ultime righe non riesco a non pensare a un certo signor Leland Palmer.

    dit le 

  • 5

    Sia che si tratti di un pezzo di vita da lei vissuta sia che si tratti di una storia romanzata, Ameliè Nothomb conserva sempre quella dote di saper coinvolgere il lettore nella storia in modo magnetic ...continuer

    Sia che si tratti di un pezzo di vita da lei vissuta sia che si tratti di una storia romanzata, Ameliè Nothomb conserva sempre quella dote di saper coinvolgere il lettore nella storia in modo magnetico, attraverso una scrittura semplice e cristallina ma non per questo meno potente. In fondo a questo libro ci si rende conto di quanto ognuno di noi può essere nemico di se stesso e del suo vissuto.

    dit le 

Sorting by