Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cosmico!

Una valida alternativa all'intrattenimento intelligente

Di

Editore: Mondadori (I Miti)

3.6
(436)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 140 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804467975 | Isbn-13: 9788804467977 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Humor , Political , Social Science

Ti piace Cosmico!?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Feroce con insolita grazia, elegante con impassibile ferocia, Daniele Luttazzi governa con assoluta maestria il gioco della battuta. Chi si addentra in queste pagine può godere dell'esecuzione spesso perfetta di un vertiginoso gioco comico, per di più mai banale. Perché la comicità di Luttazzi nasce scritta e, restituita alla pagina dallo schermo televisivo o dai palcoscenici dei teatri calcati con successo, distilla ancora un numero infinito di fragorose risate. Presentando moltissimi inediti rispetto al materiale televisivo e teatrale, questo libro mette in scena tre irresistibili personaggi delle ultime stagioni di Luttazzi: l'inappuntabile professor Dervis Fontecedro, il raccomandatissimo giornalista Panfilo Maria Lippi, la conturbante critica televisiva Luisella Gori. Tre personaggi di "attualità", tre volti di una comicità implacabile, lucida irriverente: capace di far ridere di gusto di tutto quel che ci viene, ogni giorno, propinato.
Ordina per
  • 2

    Putroppo le battute di questa raccolta sono scadute come uno yogurt del 1810.
    La prima parte, poi, quella dove il professor Fontecedro spiega con dovizia di particolari perché il non-insegnamento dell ...continua

    Putroppo le battute di questa raccolta sono scadute come uno yogurt del 1810.
    La prima parte, poi, quella dove il professor Fontecedro spiega con dovizia di particolari perché il non-insegnamento della sua lisergica e fantomatica università di Palo Alto sia migliore della scuola italiana, è il classico cumulo di sterco che non fa neanche ridere.

    Insomma, io da Luttazzi pretenderei qualcosa di nuovo.

    ha scritto il 

  • 4

    Dal risvolto di copertina: "Questo nuovo libro ci restituisce, regolandoci moltissimi inediti rispetto al materiale usato in TV, i tre personaggi messi in scena da Luttazzi nelle ultime due edizioni d ...continua

    Dal risvolto di copertina: "Questo nuovo libro ci restituisce, regolandoci moltissimi inediti rispetto al materiale usato in TV, i tre personaggi messi in scena da Luttazzi nelle ultime due edizioni di un programma di punta come Mai dire gol. Il professor Dervis Fontecedro, dedicato alla gioia di tutti gli abitanti di quel luogo inverosimile che è la scuola italiana, Panfilo Maria Lippi, il raccomandatissimo giornalista dalla chioma rossa come quella di papà Claudio, conduttore del TG che va in onda in forma ridotta per venire incontro alle nostre capacità mentali e la conturbante Luisella Gori, implacabile critica televisiva di quei programmi che ogni giorno ci guardiamo". Le tre sezioni del libro, dunque, vanno immaginate come recitate dai tre diversi personaggi, possibilmente fingendo di vedere le smorfie e udire la cadenza di Luttazzi. In realtà, i testi sono validissimi e reggono anche alla semplice lettura. Fontecedro, cattedratico davvero alternativo di una fantomatica università di Palo Alto, smonta sistematicamente i fondamenti del sapere e contesta l'utilità delle tradizionali materie scolastiche. Imparare la geometria, la geografia, la matematica è perfettamente inutile. I metodi di insegnamento del tutto superati. I titoli di studio, pezzi di carta privi di significato. Le ditte assumono chiedendo quale sia il segno zodiacale del candidato, piuttosto che il suo diploma. Il punto è che viene il sospetto che abbia ragione. Il pezzo forte è comunque il TG di Panfilo Maria Lippi, "Tabloid", davvero esilarante. Meno brillante la parte con gli annunci di Luisella. Dal risvolto: "La comicità di Luttazzi nasce scritta e, restituita alla pagina dallo schermo televisivo o dai palcoscenici dei teatri praticati con travolgente successo, distilla ancora un numero infinito di fragorose risate. Si ride per effetto dell'accumulo, per l'intelligenza tagliente, per le sorprendenti continue invenzioni, per il contropiede nell'uso surreale del linguaggio, per lo squadernarsi della morale comune e dell'immaginario collettivo sotto il bisturi dei suoi testi". Le uniche battute scontate sono quelle contro Berlusconi. Per il resto, valga la premessa evidenziata sotto il titolo: "Questo libro è fatto di materia al 100%. Nel caso improbabile che venga in contatto con antimateria di qualunque tipo ne risulterà un'esplosione".

    ha scritto il 

  • 4

    Rivoglio Luttazzi!

    Mi capita per caso tra le mani questo libretto di per sè nulla di che. Mi fa sentire, però, quanto mi manca Luttazzi. Ero rimasto, dopo la valanga di merda che subì per aver osato intervistare Travagl ...continua

    Mi capita per caso tra le mani questo libretto di per sè nulla di che. Mi fa sentire, però, quanto mi manca Luttazzi. Ero rimasto, dopo la valanga di merda che subì per aver osato intervistare Travaglio che diceva la sua su Silvio & Co, che fu accusato di aver copiato alcuni comici americani utilizzandone le battute senza permesso e spacciandole per sue. Naturalmente gli schifosi di Striscia strisciarono agli ordini del padrone e lo tormentarono per un po' di puntate con la potenza delle bocche di fuoco dei loro servi travestiti da inviati. Lo triturarono. Allora diciamocelo: Luttazzi è un genio corrosivo, uno che faceva bene all'aria stantia della TV, uno che fa pensare, un umorista raffinato e sboccato. Se ha copiato alcune battute di attori americani, lo ritengo un peccato veniale per tutte le cose che ha portato, fresche e nuove. Anzi, lo ringrazio per avermele tradotte e fatte conoscere. In più, e soprattutto, lo ringrazio per non aver taciuto durante il regime, per aver pagato personalmente senza tirarsi indietro, per non aver compiaciuto il potere. In sostanza, Daniele: torna, per favore!!!!

    ha scritto il 

  • 3

    immaginario acido

    una camicia di capelli. Un lassativo fosforescente. Cerume delle orecchie dolce...

    il progresso mi fa ridere. L'ambiente è ormai così degradato che gli animali si estinguono da soli prima che abbiamo ...continua

    una camicia di capelli. Un lassativo fosforescente. Cerume delle orecchie dolce...

    il progresso mi fa ridere. L'ambiente è ormai così degradato che gli animali si estinguono da soli prima che abbiamo l'opportunità di farlo noi...

    (ki sa se avrà copiate anche queste!?)

    ha scritto il 

  • 4

    "Ciao, ragazzi: come va? Io COSMICO! Non ho mai creduto che lo scopo dell'educazione sia quello di preparare gli studenti ad affrontare le difficoltà della vita. Se così fosse, tanto varrebbe insegnar ...continua

    "Ciao, ragazzi: come va? Io COSMICO! Non ho mai creduto che lo scopo dell'educazione sia quello di preparare gli studenti ad affrontare le difficoltà della vita. Se così fosse, tanto varrebbe insegnargli a buttarsi da un elicottero privo di elica stabilizzatrice dentro il vagoncino in corsa di montagne russe ripidissime e sbullonate.
    È il motivo per cui insegno a Palo Alto. A differenza di certe piaghe didattiche di mia conoscenza, l'Universo di Palo Alto è più di una semplice serie di palazzoni tristi racchiusi da una cancellata vanesia in un'area pedagogica che alberi perennemente autunnali deprimono. Palo Alto è spiaggia! Sole! Quaalude! Bikini! Ma questo non deve farvi pensare che manchi il divertimento."

    A D O R O !

    ha scritto il