Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Crónica do passáro de corda

Por

Editor: Casa das Letras

4.1
(4229)

Language:Português | Number of Páginas: 632 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Chi simplified , Japanese , Spanish , German , French , Italian , Russian , Dutch , Swedish , Catalan , Polish

Isbn-10: 9724616924 | Isbn-13: 9789724616926 | Data de publicação:  | Edition 3

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Crónica do passáro de corda ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Sorting by
  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    5

    un "viaggio"...come vedere un film di David Lynch

    Leggere questo romanzo è stato un vero e proprio viaggio, un viaggio simbolico dentro la coscienza del protagonista, attraverso la comprensione di se stesso e degli altri personaggi che lo circondano, ...continuar

    Leggere questo romanzo è stato un vero e proprio viaggio, un viaggio simbolico dentro la coscienza del protagonista, attraverso la comprensione di se stesso e degli altri personaggi che lo circondano, dove continuamente si valica il confine tra irrazionalità e razionalità mediante una storia onirica e visionaria. Addentrandomi tra le pagine del libro, la piccola analogia con il mio amato regista statunitense mi sembra d’obbligo: nel libro nulla è lasciato al caso, proprio come nei film di Lynch. Ci sono sin dalle prime pagine tutti gli elementi e i simbolismi necessari per capirlo fino in fondo, ed ho provato la stessa sensazione di angoscia e smarrimento che ricollego alla visione di INLAND EMPIRE o Mulholland Drive. I ricchi, strambi, onirici e densi avvenimenti che si susseguono, così come i personaggi che via via il protagonista Toru Okada incontra, lo guidano nella comprensione di sé, delle sue paure, e dell’incomunicabilità che in parte lo separa dalla moglie Kumiko, con la quale è sposato e convive da qualche anno. E’ come se, nel fondo della loro relazione, ci fosse sempre stato un meccanismo inceppato, qualcosa di non detto, di non indagato, che la coppia non riusciva a comunicarsi, e che ha segnato irrimediabilmente e profondamente Kumiko, influenzando così tutte le sue scelte e la sua vita, fino alla sua scomparsa inizialmente inspiegabile, e poi alla risoluzione di tutti gli enigmi tra le ultime pagine del romanzo. Parallelamente sono narrate le vicende storiche del conflitto nippo-sovietico (la battaglia di Nomonhan), non con l’intento del “purismo storico” ma con l’introduzione del lato umano di altri personaggi che entreranno a far parte della storia, e influenzeranno le scelte di Toru: il tenente Mamiya, abbandonato in un pozzo durante la guerra, esperienza che gli ha permesso di entrare in contatto con il suo “io”; Nutmeg, suo figlio Cinnamon e la vicenda storica della Manciuria, legata al passato della donna ancora bambina. Toru scenderà in un pozzo abbandonato presente nel giardino antistante alla sua casa, sarà inghiottito dal buio opprimente e sopraffatto dall’odore penetrante di muffa, entrerà in contatto con la sua coscienza e fluirà dentro di essa, e attraverso quest’ambientazione surreale e soffocante varcherà il confine tra realtà e sogno, portandone un marchio sulla pelle (la voglia blu sulla guancia). Più volte cercherà di accedere a questo mondo parallelo per capire le cause che hanno spinto Kumiko a scappare via, e spesso ne sarà respinto e cacciato perché non ancora pronto. Tutto il percorso che seguirà e le persone che incontrerà (le bizzarre sorelle Kano Malta e Kano Creta), lo aiuteranno a capire meglio sé stesso e riconoscere che era la voce di Kumiko, quella della misteriosa donna che lo tormentava al telefono già dalle prime pagine del libro, della quale lui aveva ignorato inconsapevolmente la richiesta disperata di aiuto. Tra i vari personaggi spicca senz’altro quello di Wataya Noboru, fratello di Kumiko, probabilmente il cardine di tutta la storia, uomo spregevole e malvagio, che ha causato del male alla sorella della moglie (portandola al suicidio per cause non chiare) e che ha marchiato profondamente anche l’animo di Kumiko, la quale si sente ormai sporca e infettata, e ha paura di mettere al mondo un figlio che abbia il suo stesso sangue. Noboru è il “demone” contro il quale dovrà combattere anche Toru per riuscire a riprendersi Kumiko e riportarla a casa. E infine “l’uccello che gira le viti del mondo”, il punto fisso presente in tutta la storia, lo scorrere del tempo che scandisce la vita in ogni dove: nel presente, nel passato, nella realtà e nel sogno. Bellissimo

    dito em 

  • 4

    Un libro che mixa storia, vicenda sentimentale e ambientazioni surreali.
    Il protagonista è lasciato dalla moglie, incontra una giovane e nella sua quotidianità fatta di cucina e passeggiate incontra l ...continuar

    Un libro che mixa storia, vicenda sentimentale e ambientazioni surreali.
    Il protagonista è lasciato dalla moglie, incontra una giovane e nella sua quotidianità fatta di cucina e passeggiate incontra la vicenda di un inquietante uomo politico senza scrupoli, pericolosamente in ascesa.
    L’uccello che girava le Viti del Mondo ([1994] Baldini&Castoldi -maggio- 1999)
    anche qui come Yuki in Dance dance dance la ragazzina di tredici anni, seduta da sola nel barcon le cuffie del walkman e gli occhi chiusi, una ragazzina fa compagnia alla solitudine del protagonista. Ma mentre Yuki è capace di percepire il futuro e il passato, quello che gli altri non vedono. Ed e’ una ragazzina “strana”, che non esita, in quella che e’ sicuramente la piu’ bella scena del libro chiude il coperchio del pozzo lascinadolo nel buio totalee gli fa capire che la vita di lui sprofondato in quel pozzo, con lei che gli ha tolto la scala dipende dalla di lei volonta’.
    “Potevo vedere soltanto il nulla, ne ero diventato parte. Chiusi gli occhi e ascoltai il battito del mio cuore, il rumore del mio sangue che circolava nelle mie vene”
    Si intrecciano una lezione storica sui crimini di guerra con la storia di Boris lo Scorticatore, una detective story, pozzi misteriosi. La figura inquietante di Wataya Noboru.

    dito em 

  • 5

    L'uomo comune NON è comune

    Murakami raggiunge forse uno dei picchi più alti della sua bravura. Alterna almeno quattro piani diversi, legati tra loro da fili invisibili, che una seconda lettura dovrebbe ricollegare. Spero di pot ...continuar

    Murakami raggiunge forse uno dei picchi più alti della sua bravura. Alterna almeno quattro piani diversi, legati tra loro da fili invisibili, che una seconda lettura dovrebbe ricollegare. Spero di poterlo fare più in là, perchè le 800 e passa pagine di questo libro non sono certo indifferenti.
    La storia è quella del comunissimo Toru, disoccupato mite e placido che si trova invischiato in una serie di situazioni apparentemente inspiegabili. Ma l'uomo comune si rivelerà essere molto speciale, e troverà in sè la forza di sciogliere tutti i nodi e risolvere ogni mistero, sulla falsariga del Flauto Magico di Mozart.

    dito em 

  • 5

    L'ennesimo capolavoro di Murakami. Fatto di particolari, di trame nelle trame, di personaggi insoliti e di eventi inspiegabili. Più volte mi ha lasciato una certa amarezza per il corso delle vicende d ...continuar

    L'ennesimo capolavoro di Murakami. Fatto di particolari, di trame nelle trame, di personaggi insoliti e di eventi inspiegabili. Più volte mi ha lasciato una certa amarezza per il corso delle vicende descritte. Non è una lettura facilissima e probabilmente non è nemmeno il suo libro migliore. Eppure ha il suo fascino, il suo perché.

    dito em 

  • 3

    Murakami alla ricerca di sé

    http://www.roarmagazine.it/libri/uccello-che-girava-le-viti-del-mondo-murakami-recensione.html

    La scrittura permette di leggere quest'opera da oltre 800 pagine con la voracità degna di un succulento p ...continuar

    http://www.roarmagazine.it/libri/uccello-che-girava-le-viti-del-mondo-murakami-recensione.html

    La scrittura permette di leggere quest'opera da oltre 800 pagine con la voracità degna di un succulento pranzo di Natale, lasciando il lettore con quel senso di bella stanchezza che risulta dopo un lungo viaggio e con tante domande che si chiariranno solo con il tempo, ma già con la mente al viaggio successivo.

    dito em 

  • 5

    Visionario!

    Probabilmente una delle migliore prove di Murakami. 800 pagine che si leggono senza fatica, nonostante la complessità della storia. Tanti personaggi si incontrano e si scontrano con il protagonista, i ...continuar

    Probabilmente una delle migliore prove di Murakami. 800 pagine che si leggono senza fatica, nonostante la complessità della storia. Tanti personaggi si incontrano e si scontrano con il protagonista, impossibile non immedesimarsi con lui. il surreale lascia spazio ad alcune scene di cruda realtà, narrate con una precisione tale da far venire i brividi. Realtà e non realtà si incrociano in maniera così naturale da portare a credere che davvero tutto sia possibile.

    dito em 

Sorting by