Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Crônica de Uma Morte Anunciada

Por

Editor: Record

4.0
(8152)

Language:Português | Number of Páginas: 177 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Spanish , German , Italian , French , Dutch

Isbn-10: 8501019437 | Isbn-13: 9788501019431 | Data de publicação:  | Edition 22

Translator: Remy Gorga Filho

Também disponível como: Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Crônica de Uma Morte Anunciada ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Neste livro, no sonho que Santiago Nasar acaba de ter, Plácida Linero - sua mãe, especialista em interpretar sonhos alheios - não pressentiu nada macabro. No entanto, de madrugada, Santiago vai ao encontro de uma morte certa. Passou uma noite de vinho e mulheres, rindo e compartilhando da devassidão com aqueles que serão seus carrascos. Assistiu às bodas de Angela Vicario, a noiva devolvida por não ter se mantido virgem até o casamento, e que mencionou o nome de Santiago quando quiseram saber, dela, a verdade.
Sorting by
  • 4

    Antologia di Spoon River in prosa sudamericana

    Romanzo (o meglio racconto lungo) originale ed accattivante, mi ha ricordato il capolavoro di E.L. Masters. Un collage di voci che messe insieme raccontano non solo una storia ma soprattutto una atmosfera.

    dito em 

  • 5

    Santiago Nasar, un giovane di buona famiglia araba, ha un tragico destino. Tutto il paese, tranne lui, sa che quella mattina sarebbe stato ucciso dai fratelli Vicario, eppure nessuno ha fatto niente per impedirlo o chi ci ha provato è stato ostacolato dalla terribile fatalità del destino. Bayardo ...continuar

    Santiago Nasar, un giovane di buona famiglia araba, ha un tragico destino. Tutto il paese, tranne lui, sa che quella mattina sarebbe stato ucciso dai fratelli Vicario, eppure nessuno ha fatto niente per impedirlo o chi ci ha provato è stato ostacolato dalla terribile fatalità del destino. Bayardo San Romàn, un uomo elegante e affascinante, è giunto in paese l’anno precedente, nessuno sapeva cosa fosse venuto a fare in paese ma erano tutti abbagliati dalla sua ricchezza, lo servivano e adulavano.

    dito em 

  • 4

    Scritto nel destino

    Splendido affresco di una morte inevitabile, tragica ma allo stesso tempo necessaria sulla base del contesto culturale e territoriale in cui è ambientata la vicenda narrata. Da brividi la cronaca accurata delle ultime ore del "condannato" prima di essere giustiziato.

    dito em 

  • 4

    Incitamento all'agire

    Il titolo esprime già tutto ciò che si trova in questo romanzo: è la cronaca di un omicidio che chiunque avrebbe potuto cercare di evitare, perché tutti ne erano a conoscenza prima che fosse commesso.
    Spesso il destino, il fato o la volontà divina vengono evocati per giustificare omertà e indiff ...continuar

    Il titolo esprime già tutto ciò che si trova in questo romanzo: è la cronaca di un omicidio che chiunque avrebbe potuto cercare di evitare, perché tutti ne erano a conoscenza prima che fosse commesso. Spesso il destino, il fato o la volontà divina vengono evocati per giustificare omertà e indifferenza. Alla fine del romanzo, invece, si prova una gran voglia di ribellarsi, agire senza indugi e non stare mai più - semplicemente - ad osservare passivamente gli eventi che ci passano davanti.

    dito em 

  • 4

    La bravura di un autore si misura anche nel sapere usare stili diversi mantenendo immutata la propria voce, e Marquez in questo libro usa uno stile asciutto e cronachistico che ha ben poco in comune con gli altri suoi grandi capolavori, ma riesce a mantenere inalterata la sua grandezza. Protagon ...continuar

    La bravura di un autore si misura anche nel sapere usare stili diversi mantenendo immutata la propria voce, e Marquez in questo libro usa uno stile asciutto e cronachistico che ha ben poco in comune con gli altri suoi grandi capolavori, ma riesce a mantenere inalterata la sua grandezza. Protagonista è la fatalità, il caso, che domina gli eventi della vita e li conduce dove vuole, soprattutto quando gli uomini sono troppo distratti o pigri per impedire la morte di Santiago Nasar. Una morte che anche i suoi carnefici non vogliono compiere, e fanno in modo che qualcuno glielo impedisca, ma che per una incredibile concatenazione di eventi dovrà essere portata a termine perchè la fatalità, quando vuole, "ci rende invisibili".

    dito em 

  • 5

    Con Marquez ci son voluti due libri ma è scoppiato l'amore. Scrittura rapida, senza fronzoli e diretta. Personaggi realistici in ogni loro aspetto. Marquez ha qualcosa in più. Il secondo di tanti libri!

    dito em 

  • 4

    non c'è ubriaco che....

    ... sia capace di mangiarsi la propria cacca

    e a proposito: aveva senza dubbio letto i classici spagnoli... e conosceva benissimo nietzsche, che era l'autore di moda tra i magistrati del suo tempo

    dito em 

  • 4

    Cronaca di un'assurda e tremenda tragedia che un paese intero avrebbe potuto evitare, ma tutti sono convinti che ad agire per scansare il massacro sarebbe stato qualcun altro.
    Si può parlare di fatalità, si può credere che sia destino, si può ricorrere alla sfortuna.
    Io credo si tratti di paura ...continuar

    Cronaca di un'assurda e tremenda tragedia che un paese intero avrebbe potuto evitare, ma tutti sono convinti che ad agire per scansare il massacro sarebbe stato qualcun altro. Si può parlare di fatalità, si può credere che sia destino, si può ricorrere alla sfortuna. Io credo si tratti di paura della morte. Paura d'agire davvero in prima persona, di prendere decisioni e andare fino in fondo quando si tratta di fare qualcosa che si ritiene giusto. Ecco l'unica cosa che manca in questa tragedia: la giustizia. Il mondo creato da Marquez non è mai giusto, solo molto vero.

    dito em 

Sorting by