Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Creatività e pensiero laterale

Di

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

3.5
(103)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 297 | Formato: Altri

Isbn-10: 8817126861 | Isbn-13: 9788817126861 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: F. Brunelli

Genere: Education & Teaching , Health, Mind & Body , Non-fiction

Ti piace Creatività e pensiero laterale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Se si affronta un problema con il metodo razionale del pensiero si ottengonodei risultati logicamente corretti ma che, proprio per questo, sono giàimplicitamente compresi nell'esposizione del problema stesso. Quando sirichiede invece una soluzione veramente diversa e innovativa si devestravolgere il problema, partire dal punto più lontano possibile, ribaltare idati, mescolare le ipotesi, negare certe sicurezze e addirittura affidarsi adassociazioni di idee del tutto casuali. Il libro è un vero e proprio manualedi pratica dell'invenzione e della fantasia.
Ordina per
  • 3

    Non è un libro! E' un manuale che suggerisce agli insegnanti gli esercizi da far fare in classe per sviluppare la tecnica del pensiero laterale. Rimane fastidiosa la ripetizione ossessiva di certi concetti, di perifrasi quali "il cervello è un sistema mnesico automassimizzante" e la difesa quasi ...continua

    Non è un libro! E' un manuale che suggerisce agli insegnanti gli esercizi da far fare in classe per sviluppare la tecnica del pensiero laterale. Rimane fastidiosa la ripetizione ossessiva di certi concetti, di perifrasi quali "il cervello è un sistema mnesico automassimizzante" e la difesa quasi settaria del pensiero laterale. A tratti si ha oggettivamente l'idea di accostarsi ad un'antica filosofia i cui adepti sono perseguitati tanta è la verve difensiva ed il numero di volte in cui viene ripetuta. Comunque l'argomento è molto interessante ed in campo ingegneristico andrebbe effettivamente preso in dovuta considerazione ed applicato.

    ha scritto il 

  • 3

    Interessante, comprato pensando che fosse un altro testo.
    E un libro principalmente per insegnanto e per chi sa gia cosa sia il pensiero laterale.
    Quindi se non appartenete a questa categoria, potrebbe risultare un pò ostico, perchè presuppone che conosciate la materia.

    ha scritto il 

  • 3

    Non ho obbedito all'intimazione dell'autore che ordinava di leggere il libro centellinando le pagine. Mi interessa parecchio il pensiero laterale, ma in alcune perorazioni un po' troppo teoriche fatico a digerirle. Così sono partito a buona velocità e in quattro giorni, un po' approfittando dell' ...continua

    Non ho obbedito all'intimazione dell'autore che ordinava di leggere il libro centellinando le pagine. Mi interessa parecchio il pensiero laterale, ma in alcune perorazioni un po' troppo teoriche fatico a digerirle. Così sono partito a buona velocità e in quattro giorni, un po' approfittando dell'accanimento delle precipitazioni in quel di Grindelwald, ho raggiunto le ultime parole del manuale. In ogni caso, una mezza dozzina di sollecitazioni le ho tenute in considerazione per i miei ragionamenti e per i pensieri che si potrebbero esercitare con gli allievi.

    ha scritto il 

  • 4

    Voto: 3 stelle e 3/4. Facciamo 4

    Ottimi i contenuti, molti esempi e piccoli esercizi sono utilissimi. Meno entusiasmante è il come sono stati presentati, approccio troppo impersonale con (a mio avviso troppe)ripetizioni. Non per questo non deve essere letto, anzi, offre molte tecniche e spunti interessanti.

    ha scritto il 

  • 3

    ebbene si speravo nel miracolo ...e invece non è aumentata nè la mia creatività nè il mio pensiero laterale, come tutti i libri di questa categoria rimani affascinato dal concetto, speri di diventare improvvisamente un genio e poi tutto rimane uguale

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    La natura fondamentale del pensiero laterale

    Mai letto nessun'altro in grado di dare una rappresentazione così semplice e tuttavia così potente e feconda del funzionamento della nostra mente...


    [...] "Con modello si intende l'elaborazione dell'informazione sulla superficie mnesica che è la mente. Un modello è una sequenza iterabi ...continua

    Mai letto nessun'altro in grado di dare una rappresentazione così semplice e tuttavia così potente e feconda del funzionamento della nostra mente...

    [...] "Con modello si intende l'elaborazione dell'informazione sulla superficie mnesica che è la mente. Un modello è una sequenza iterabile di attività neurali. Non c'è bisogno di definirlo ancora più rigidamente. In pratica, un modello è costituito da qualsiasi concetto, idea, pensiero, immagine, ripetibili. Un modello può anche riferirsi ad una successione ripetibile nel tempo di tali concetti o idee. Un modello può anche riferirsi a un ordinamento di altri modelli che insieme compongono un approccio a un problema, un punto di vista, un modo di veder le cose. Non esiste alcun limite alla dimensione di un modello. Gli unici requisiti di un modello dovrebbero essere l'iterabilità, la riconoscibilità e l'utilizzabilità.
    Il pensiero laterale si occupa di modelli in trasformazione. Anzichè prendere un modello e poi svilupparlo come avviene nel pensiero verticale, il pensiero laterale cerca di ristrutturare il modello mettendo insieme gli elementi in modo diverso. Poichè la sequenza in cui è arrivata l'informazione in un sistema automassimizzante ha un influsso così potente sul modo in cui viene ordinata, è necessaria una sorta di ristrutturazione dei modelli allo scopo di fare il miglior uso dell'informazione in essi imprigionata.
    [...]
    La rielaborazione dell'informazione in un altro modello costituisce la ristrutturazione intuitiva. Lo scopo del riordinamento è quello di trovare un modello migliore e più efficace.

    [...] Il pensiero laterale è come la retromarcia in un'automobile. Non si cercherebbe mai di guidare in retromarcia. D'altro canto, occorre disporne e saperla usare per poter fare manovra e uscire da un vicolo cieco."

    Quando si dice semplice e geniale...?

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    La mente è utile per stabilire modelli strutturali ma non per ristrutturarli al fine di aggiornarli. E' da questi limiti che sorge la necessità del pensiero laterale. Lo scopo del pensiero laterale è quello di superare questi limiti fornendo un mezzo per ristrutturare i modelli, per sfuggire ai c ...continua

    La mente è utile per stabilire modelli strutturali ma non per ristrutturarli al fine di aggiornarli. E' da questi limiti che sorge la necessità del pensiero laterale. Lo scopo del pensiero laterale è quello di superare questi limiti fornendo un mezzo per ristrutturare i modelli, per sfuggire ai cliché, per mettere insieme le informazioni in modi nuovi al fine di fornire nuove idee.
    Il libro, promettente all'inizio, ad un certo punto si perde. Ripete i concetti, diventa tedioso.
    Probabilmente occorre una seconda lettura per essere meno critici.

    ha scritto il