In un paese senza età, che è anche il Marocco di oggi, nasce dopo sette sorelle Mohamed Ahmed. Nasce femmina, ma per volere del padre, che non vuole disperdere il patrimonio accumulato, crescerà maschio a dispetto del suo corpo, e dovrà reggere la ca ...Continua
Silvia...
Ha scritto il 17/02/17
Recensione completa: http://feliceconunlibro.blogspot.it/2017/02/creatura-di-sabbia-tahar-ben-jelloun.html Un libro che mi è rimasto nel cuore.. Il romanzo dovrebbe raccontare la storia di Ahmed: Ahmed è femmina, ma ha la sventura di nascere dopo set...Continua
betulle&peonie
Ha scritto il 07/04/16

Una splendida prima parte non basta a salvare il libro. Una seconda parte caotica e ridondante finisce per far smarrire il lettore nei mille rivoli di sabbia nei quali la storia si perde.
Sono delusa.

nicce
Ha scritto il 17/01/16
Il tema dell'identità e del genere incarnato in una creatura incostante e mutevole come la sabbia: Ahmed o Zahra, un uomo dal seno femminile o una donna con la barba mal rasata, l'illusione e la violenza che giustifica e privilegia qualsiasi cosa o u...Continua
dreca
Ha scritto il 09/01/16
Lo scrittore marocchino, che scrive in lingua francese, da sempre impegnato contro le forme di razzismo (religioso, sessuale, razziale) scrive questo testo onirico, favolistico, per alcuni versi impegnato, catapultandoci in un Marocco in cui in cui l...Continua
AngieInLibreria
Ha scritto il 26/11/15
Intenso, toccante e violento: eppure poetico, a tratti, quasi come un favola da mille e una notte. Una scrittura illuminata, complessa come degli arabeschi, eppure mai oscura. Quel che mi lascia perplessa sono i commenti di molta gente che ha trovat...Continua

Sale e Parole
Ha scritto il Jan 04, 2015, 21:11
“Questa storia, ai suoi tempi, fece rapidamente il giro del paese. Ci perviene oggi un po' trasformata. Non è forse il destino delle storie che circolano e scorrono fluenti con l'acqua delle sorgenti più alte? Vivono più a lungo degli uomini e rendon...Continua
darjee
Ha scritto il Oct 20, 2013, 10:44
Il mio corpo era quella pagina e quel libro. Per svegliarlo bisognava nutrirlo, avvilupparlo di immagini, riempirlo di sillabe e di emozioni, intrattenerlo nella dolcezza delle cose e regalargli dei sogni.
Pag. 86
Clo
Ha scritto il May 02, 2008, 12:54
Essere, semplicemente essere, è una sfida.
Clo
Ha scritto il May 02, 2008, 12:54
Essere donna è una menomazione naturale della quale tutti si fanno una ragione. Essere un uomo è una illusione e una violenza che giustifica e privilegia qualsiasi cosa.
Clo
Ha scritto il May 01, 2008, 10:33
"Non si ritorna mai da così lontano come da se stessi. Un diario è talvolta necessario per dire che uno ha cessato di essere".
Pag. 7

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi