Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Crime and Punishment

By Fyodor M. Dostoevsky

(47)

| Paperback | 9780679734505

Like Crime and Punishment ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

With the same suppleness, energy, and range of voices that won their translation of The Brothers Karamazov the PEN/Book-of-the-Month Club Prize, Pevear and Volokhonsky offer a brilliant translation of Dostoevsky's classic novel that presents a clear Continue

With the same suppleness, energy, and range of voices that won their translation of The Brothers Karamazov the PEN/Book-of-the-Month Club Prize, Pevear and Volokhonsky offer a brilliant translation of Dostoevsky's classic novel that presents a clear insight into this astounding psychological thriller. "The best (translation) currently available"--Washington Post Book World.

1061 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Perchè leggere i classici? Vi risponderà Calvino, se non risuona in noi stessi la risposta.
    Un viaggio travagliato attraverso l'umana coscienza, dove non appare il Giudizio e il Giudice se non quello che noi applichiamo a noi stessi. La scrittura f ...(continue)

    Perchè leggere i classici? Vi risponderà Calvino, se non risuona in noi stessi la risposta.
    Un viaggio travagliato attraverso l'umana coscienza, dove non appare il Giudizio e il Giudice se non quello che noi applichiamo a noi stessi. La scrittura finisce dove finisce la dialettica e dove inizia la vita. Alla durezza del delitto e del castigo si può sopravvivere solo tramite l'unica verità, quella umana.

    Is this helpful?

    La Malcontenta said on Sep 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Delitto e castigo

    E' molto più facile trovare le parole per recensire una lettura mediocre piuttosto che una indimenticabile come questa.
    "Delitto e castigo" è uno di quei libri per cui non è necessario parlare della trama, l'autore e quant'altro; è uno di quei libri ...(continue)

    E' molto più facile trovare le parole per recensire una lettura mediocre piuttosto che una indimenticabile come questa.
    "Delitto e castigo" è uno di quei libri per cui non è necessario parlare della trama, l'autore e quant'altro; è uno di quei libri che si lascia leggere offrendo al lettore migliaia di spunti di riflessione, infinite chiavi di lettura e la possibilità di interpretare ogni cosa a proprio modo.

    La psicologia del protagonista, Raskol'nikov, viene indagata a fondo, con la minuziosissima descrizione di ogni parola e ogni piccolo gesto, particolari insignificanti che fanno la differenza; di pagina in pagina ci si addentra nella mente di un assassino e si vivono insieme a lui l'attesa febbrile del momento di compiere il delitto, il terrore di non esserne in grado, l'arroganza di aver messo in atto ciò che agli altri non è concesso, il delirio e i sensi di colpa di un animo tormentato, il conflitto con la propria coscienza e, infine, la resa.
    In tutto questo si inserisce perfettamente una serie di personaggi, anche questi descritti in maniera più che dettagliata, che danno un contributo fondamentale alla storia e ricoprono un ruolo tutt'altro che secondario.

    Aggiungiamo un amore smisurato capace di restare solido attraverso i ripetuti colpi della vita, un amico tanto onesto da potergli affidare le sorti della propria famiglia, quel “sentirsi Napoleone” che rende tutto possibile e troviamo davvero la combinazione perfetta che rende questo un romanzo dal valore inestimabile.

    Is this helpful?

    ARIANNA said on Sep 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Nonostante il suoo improvviso desiderio di poco fa , il desiderio di un contatto con qualsiasi specie di gente, alla prima parola che gli era stata realmente rivolta aveva provato quel suo abituale, fastidioso senso d'avversione verso ogni estraneo ...(continue)

    "Nonostante il suoo improvviso desiderio di poco fa , il desiderio di un contatto con qualsiasi specie di gente, alla prima parola che gli era stata realmente rivolta aveva provato quel suo abituale, fastidioso senso d'avversione verso ogni estraneo che sfiorasse, o che avesse idea di sfiorare la sua personalità".

    Is this helpful?

    citizen erased said on Sep 9, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Quello che mi è rimasto a distanza di un anno dalla lettura

    È un libro potentissimo: la prima notte dopo averne cominciato la lettura ho avuto gl'incubi. Questo dipende soprattutto, ovviamente, dalle vicende (più interiori che esteriori, com'è noto) di Raskolnikov, alle quali mi sono tanto appassionato da ess ...(continue)

    È un libro potentissimo: la prima notte dopo averne cominciato la lettura ho avuto gl'incubi. Questo dipende soprattutto, ovviamente, dalle vicende (più interiori che esteriori, com'è noto) di Raskolnikov, alle quali mi sono tanto appassionato da essere infastidito quando s'interrompevano per far spazio a quelle degli altri personaggi, tutti comunque molto ben delineati. E già che si parla di personaggi, dico che quelli che più m'hanno colpito, oltre al protagonista, sono la di lui sorella Dunja e il giudice Petrovič. Dunja è bellissima e nel descriverla Dostoevskij rispetta quell'avvertimento codificato anni dopo da Kraus in un suo aforisma: « Le mancava un difetto per essere perfetta »; ecco, lei questo difetto ce l'ha, ed è una leggera (ma graziosa, nella mia immaginazione) sporgenza del mento, che me la rende più reale, quindi credibile, quindi adorabile. Il giudice è invece un aguzzino sadico, con tutte quelle sue compiaciute pressioni sul povero Raskolnikov e i suoi mezzucci per carpirne la confessione; è questa una maieutica socratica che ben ricorda le doglie del parto e nel leggere le pagine dove compare Petrovič ho sofferto atrocemente, tanto da dover saltare quelle dove per la seconda volta l'Autore gli concede la scena. M'è pure rimasto impresso Marmeladov, con quel suo (cito a memoria) « Un uomo ha sempre bisogno di un posto dove andare », e l'odioso Lužin, che purtroppo mi richiama alla mente un brutto figuro che ringraziando il Cielo non vedo da anni (e Dio voglia che sia sempre così). Infine, non conoscendo il russo, non posso entrare troppo nel merito, ma la traduzione del madrelingua Giorgio Kraiski scorre con gran naturalezza e piacere.

    Is this helpful?

    emmelle said on Sep 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Colpa mia

    Ci ho messo troppo.
    La prima parte l'ho divorata,poi per cause esterne,la lettura si è fatta frammentaria e discontinua. Troppo per godermelo veramente e dargli la quarta stella.
    Nonostante sia il mio primo romanzo russo, posso già affermare che i p ...(continue)

    Ci ho messo troppo.
    La prima parte l'ho divorata,poi per cause esterne,la lettura si è fatta frammentaria e discontinua. Troppo per godermelo veramente e dargli la quarta stella.
    Nonostante sia il mio primo romanzo russo, posso già affermare che i patronimi sono il male.

    Is this helpful?

    Michele Palvarini said on Sep 3, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection