Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Like Crimini italiani ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Dal Piemonte inquieto di Faletti al Nord-Est di Carlotto al Sud labirintico di Carofiglio e De Silva, "Crimini" mette in scena l'Italia. Al nuovo appuntamento con i lettori "Crimini" si conferma non come 'una' antologia ma come 'la' antologia del noi Continue

Dal Piemonte inquieto di Faletti al Nord-Est di Carlotto al Sud labirintico di Carofiglio e De Silva, "Crimini" mette in scena l'Italia. Al nuovo appuntamento con i lettori "Crimini" si conferma non come 'una' antologia ma come 'la' antologia del noir italiano d'autore. Quella che i maggiori narratori italiani scelgono per offrire al loro pubblico lunghe storie originali e inedite. Spesso con gli stessi personaggi, quelli a loro piú cari.

63 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Primo racconto, De Cataldo: banale e scritto male. Ahimé.

    Carlotto: sufficientemente onesto per lo spazio di 50 pagine concesso. Abbastanza da incuriosirmi. La prossima volta in libreria darò un'occhiata ai suoi titoli.

    Carofiglio: è sempre lui. Un ...(continue)

    Primo racconto, De Cataldo: banale e scritto male. Ahimé.

    Carlotto: sufficientemente onesto per lo spazio di 50 pagine concesso. Abbastanza da incuriosirmi. La prossima volta in libreria darò un'occhiata ai suoi titoli.

    Carofiglio: è sempre lui. Un po' fuori contesto (il racconto non è noir e l'aspetto investigativo non sembra proprio essere il tema principale), ma sufficientemente originale e ben gestito. E scritto come si deve.

    Faletti: il mio primo Faletti, ed è abbastanza illeggibile. Sono perplessa dall'accozzaglia. Trama banale con sprazzi di concretezza alternati a luoghi comuni che fanno sorridere, stile che tenta di essere originale e ogni tanto ti infila errori di sintassi, grammatica e punteggiatura che non si possono vedere.

    Dazieri: non delude. Il primo racconto compatto, coerente, davvero originale della raccolta. Poi a me il suo stile di parlato in prima persona piace: anche se non è proprio perfetto, senza dubbio è una modalità che ha imparato a usare bene e sfruttare al massimo.

    De Silva: sinceramente non l'ho capito, né il mistico colpo di scena né il senso generale, oltre al fatto che la protagonista è insopportabile. Quel "lamiere contorte" alla fine, poi, è un vero tocco da maestro.

    Simi: non male. Per l'ambientazione e l'elemento dell'amico d'infanzia mi ha ricordato Izzo.

    Macchiavelli: un po' troppo confusionario, non mi ha detto granché. Però mi ha ricordato che una volta in treno ho conosciuto un tizio che diceva di essere suo amico.

    Fois: interessante ma molto breve. In realtà mi ha incuriosito, ma può essere anche perché l'ambientazione geografica mi piace.

    Wu Ming: un bel racconto. Lo stile "segmentato" con cambio di punto di vista va di moda, ma in questo caso, usato "a ritroso", assume un senso e si fa gradire. Ogni diverso pezzetto del puzzle obbliga a ri-aggiustare la prospettiva sulla storia, le aspettative, i luoghi comuni, non per capire cosa succederà ma al contrario mettere assieme il quadro di ciò che si sa già. Visto in quest'ottica, l'inizio con l'espediente del fatto di cronaca, di per sé tipico, diventa un tocco perfetto per "concludere".

    Lucarelli: perplessità. Di per sé la storia sta anche in piedi e la scrittura è piacevole, è il senso vero e proprio di questo personaggio che mi sfugge un po', ma probabilmente non è necessario che ne abbia uno.

    Is this helpful?

    Vy said on Mar 3, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    racconti coinvolgenti e ben strutturati!

    Is this helpful?

    ilariag said on Sep 11, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L’Italia sempre più noir

    Il libro, attraverso le pagine dei racconti, cerca di dimostrare una tesi molto inquietante e purtroppo molto vera: avete presente il vecchio proverbio che recita l’occasione fa l’uomo ladro? pare che quest’affermazione sia per noi italiani drammatic ...(continue)

    Il libro, attraverso le pagine dei racconti, cerca di dimostrare una tesi molto inquietante e purtroppo molto vera: avete presente il vecchio proverbio che recita l’occasione fa l’uomo ladro? pare che quest’affermazione sia per noi italiani drammaticamente vera.

    Is this helpful?

    Alienna said on Aug 21, 2012 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Raccolta di racconti scritti dai più famosi scrittori del genere italiani. Alcuni molto belli (su tutti Lucarelli e Macchiavelli) e molti avrebbero anche potuto essere ottimi romanzi lunghi.

    Is this helpful?

    Canada said on May 10, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Noir all'italiana. Tutti i migliori scrittori del genere che si cimentano in racconti che descrivono l'Italia di inizio millennio.
    Sandrone Dazieri con il suo "Sesso sui Sassi" vale da solo il prezzo di copertina.

    Is this helpful?

    Pinellus said on Mar 29, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    sempre difficile recensire un'antologia, soprattutto se la lggi -come ho fatto io- intevallandola ad altro -libri che non vorresti finissero mai o libri che non vorresti vedere più-
    nel complesso decisamente di buon livello; nello specifico: Carofigl ...(continue)

    sempre difficile recensire un'antologia, soprattutto se la lggi -come ho fatto io- intevallandola ad altro -libri che non vorresti finissero mai o libri che non vorresti vedere più-
    nel complesso decisamente di buon livello; nello specifico: Carofiglio strepitoso, peccato lo avessi già letto; De Silva deludente, come pure WuMing, ma forse è colpa mia che mi aspettavo troppo; Simi non si capisce di chi sia parente e cosa ci faccia qui; eccezionale Dazieri, secondo me il migliore racconto, magistralmnte ideato e sceneggiato.
    Una nota a parte per Faletti, di cui pensavo (quasi) tutto il male possibile ma dopo aver letto questo ottimo racconto ho dovuto ricredermi ed ho letto il suo ultimo romanzo, al commento del quale rimando per i dovuti elogi.

    Is this helpful?

    Pizia said on Mar 19, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (671)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 533 Pages
  • ISBN-10: 8806190024
  • ISBN-13: 9788806190026
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 2008-06-01
  • Also available as: Mass Market Paperback
Improve_data of this book