Cristo si è fermato a Eboli

Voto medio di 4498
| 438 contributi totali di cui 367 recensioni , 69 citazioni , 0 immagini , 2 note , 0 video
E' la cronaca, trasfigurata in senso lirico e meditativo, di un soggiorno coatto in Lucania, cui l'autore fu costretto negli anni 1935-1936, perché militante di Giustizia e Libertà e condannato per attività antifascista.
by Ax
Ha scritto il 08/10/18
Mondi dietro Sassi
Levi ha il merito intellettuale di aver trasformato una situazione scomoda come il suo confino in un paesino della Basilicata nel 1935-1936, decretato da quel partito fascista che lui contestava, in qualcosa di utile agli occhi di molti, portando all...Continua
Suziefirth1
Ha scritto il 19/09/18

Sono rimasta colpita da questo libro che ti trasporta in un mondo antico e recente, quello contadino di 80 anni fa, che però è scomparso per sempre. La prospettiva di Levi è interessante e mi ha fatto venire voglia di visitare quei luoghi.

gis55
Ha scritto il 18/09/18
Riletto ora dopo tanti anni. Lettura molto interessante e gradevole. Sembra un saggio di antropologia o di socio-politica scritto con la passione di un'autobiografia. Notevole e illuminante. Considerazione a margine: leggendo della povertà diffusa, d...Continua
Mauro Marconi
Ha scritto il 17/09/18
Documento e romanzo insieme, il libro più noto di Carlo Levi, pubblicato nel 1945 e che allora suscitò grande interesse e polemiche sulla cosiddetta “questione meridionale”, merita una rilettura per la sua sorprendente attualità. Molte cose, è eviden...Continua
Амэж Двc
Ha scritto il 03/09/18
Bello ed emozionante
Carlo Levi, pittore, antifascista, qui nella veste di scrittore, fu condannato al confino e fu mandato nel profondo sud, nella provincia lucana di Matera, Le cronache e le riflessioni dei giorni trascorsi ad Agliano (nel libro Gagliano, in dialetto)...Continua

Antonio Di Leta
Ha scritto il Mar 18, 2018, 08:26
“Non potevo ancora precisare le mie impressioni, né penetrare ancora tutti i segreti della politica e delle passioni paesane; ma mi avevano colpito il sussiego, le maniere dei signori sulla piazza, e più ancora il tono generale di astio, disprezzo e...Continua
Darkàla92
Ha scritto il Jan 08, 2018, 13:11
Tutti i giovani di qualche valore, e quelli appena capaci di fare la propria strada, lasciano il paese. I più avventurati vanno in America, come i cafoni; gli altri a Napoli o a Roma; e in paese non tornano più. In paese ci restano invece gli scarti,...Continua
Pag. 24
Darkàla92
Ha scritto il Jan 03, 2018, 09:18
Sono passati molti anni, pieni di guerra, e di quello che si usa chiamare la Storia. Spinto qua e là alla ventura, non ho potuto finora mantenere la promessa fatta, lasciandoli, ai miei contadini, di tornare fra loro, e non so davvero se e quando pot...Continua
Pag. 3
John Cope
Ha scritto il Nov 09, 2016, 22:32
Non importano i motivi che ti hanno spinto, né la politica, né le leggi, né le illusioni della ragione. Non c'è ragione né cause ed effetti, ma soltanto un cattivo Destino, una Volontà che vuole il male, che è il potere magico delle cose. [...] La vi...Continua
Pag. 69
Jaime Andrés De...
Ha scritto il Aug 07, 2016, 11:08
La parola «legittimo» qui è una delle più usate, ma non nel senso di cosa sanzionata e codificata, ma in quello di vero, di autentico. Un uomo è legittimo se agisce bene; un vino è legittimo se non è fatturato. Una petizione firmata da tutti pareva a...Continua
Pag. 202

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Aug 24, 2016, 08:01
853.914 LEV 234 Donazione D'Alessandro, Fondo Di Tursi
Biblioteca...
Ha scritto il Nov 26, 2015, 12:42
Collocazione : NR 76 (2 copie dell'editore Einaudi e 2 copie dell'edizione Mursia )

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi