Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Crolli

Di

Editore: Einaudi (Vele, 14)

3.9
(49)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 142 | Formato: Altri

Isbn-10: 8806173456 | Isbn-13: 9788806173456 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Art, Architecture & Photography

Ti piace Crolli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nell'arco di due decenni due crolli, opposti e simmetrci, hanno segnato lastoria occidentale: la caduta del Muro di Berlino e l'abbattimento delle TwinTowers. Partendo da questi due eventi Marco Belpoliti, saggista e criticoletterario, esamina la storia culturale e simbolica degli anni Novantacercando di leggere i segni della nostra epoca attraverso la letteratura,l'arte, il cinema, la fotografia. Un libro che si confronta con le due oppostefacce dell'epoca estremistica in cui viviamo - la banalità e il terrore - einsieme esamina le teorie su questo fine secolo di Marc Augé, Paul Virilio,Susan Sontag, Jean Baudrillard, Slavoj Zizek.
Ordina per
  • 0

    una mia amica non mi sopporta
    - beh, mica ti caccerai a piangere per una cosa così?

    ma adesso gli aneddoti idioti su kafka, le monografie
    assurde su kafka, i collegamenti kafka-lenin, le cose decisive

    della mia amica a chi le racconto?
    -scrivile delle lettere senza ...continua

    una mia amica non mi sopporta
    - beh, mica ti caccerai a piangere per una cosa così?

    ma adesso gli aneddoti idioti su kafka, le monografie
    assurde su kafka, i collegamenti kafka-lenin, le cose decisive

    della mia amica a chi le racconto?
    -scrivile delle lettere senza spedirle. poi quando morirai il tuo

    cassetto sarà ricco di sorprese come quello della
    dickinson.

    ma io non mi vesto mai di bianco.
    - e sarebbe l'unica differenza questa tra te e la dickinson, eh?

    infatti, e mettiamola comunque tra due trattini.
    -
    -

    proprio così.

    ha scritto il 

  • 4

    Libri alfabetici - 11 marzo 07

    Mi è piaciuto molto. L’avevo preso pensando più ad una riflessione sull’11 settembre. E invece è una riflessione sull’arte (letteratura, architettura, cinema, e, soprattutto, arte visiva) che usa New York e Berlino ed altre “catastrofi” per dare un significato alla fine mi viene quasi di speranza ...continua

    Mi è piaciuto molto. L’avevo preso pensando più ad una riflessione sull’11 settembre. E invece è una riflessione sull’arte (letteratura, architettura, cinema, e, soprattutto, arte visiva) che usa New York e Berlino ed altre “catastrofi” per dare un significato alla fine mi viene quasi di speranza nel fatto che a partire da i crolli qualcuno costruisca un messaggio. Che in ogni caso rimane. “le opere degli artisti… ci obbligano a concepire l’assenza, a pensare che anch’essa è fatta di materia”. Ed una bellissima bibliografia ragionata finale.

    ha scritto il 

  • 4

    Belpoliti è una specie di aggregatore di motivi culturali. I suoi libri sono degli intelligentissimi compendi della contemporaneità. E' uno di quegli autori che mette poco di suo, ma che ha l'indiscutibile pregio di capire il presente e di presentarlo in forma chiara. Dal post human all'informe, ...continua

    Belpoliti è una specie di aggregatore di motivi culturali. I suoi libri sono degli intelligentissimi compendi della contemporaneità. E' uno di quegli autori che mette poco di suo, ma che ha l'indiscutibile pregio di capire il presente e di presentarlo in forma chiara. Dal post human all'informe, da DeLillo a Pripjat'. Io lo "uso" come un bigino, come una bibliografia ragionata.

    ha scritto il