Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cronaca di una morte annunciata

Di

Editore: Mondadori (Oscar bestsellers, 17)

4.0
(8230)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 126 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Olandese , Portoghese

Isbn-10: A000051204 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Dario Puccini

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Cronaca di una morte annunciata?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
I fratelli Vicario hanno deciso di uccidere Santiago Nasar. La voce ha messo in allarme l'intero paese tranne la vittima designata. La morte annunciata si compie. Perchè il delitto non è stato evitato?
Ordina per
  • 2

    Primo Marquez...

    Sarà stato il racconto sottoforma di cronaca, sarà stata la storia non particolarmente entusiasmante o forse sarà che semplicemente i personaggi a mio parere sono troppi per un numero così esiguo di pagine, ma questo primo approccio con Marquez mi ha un po' deluso. Sicuramente leggerò altro di su ...continua

    Sarà stato il racconto sottoforma di cronaca, sarà stata la storia non particolarmente entusiasmante o forse sarà che semplicemente i personaggi a mio parere sono troppi per un numero così esiguo di pagine, ma questo primo approccio con Marquez mi ha un po' deluso. Sicuramente leggerò altro di suo, ma per ora non si può dire che mi abbia colpito positivamente.

    ha scritto il 

  • 3

    Gabo è sempre Gabo, ma cronaca di una morte annunciata è quella classica opera che oscilla fra il capolavoro e l'oblio letterario. Mi spiego meglio. La costruzione della storia così sincopata e onirica, ammantano il libro di una strana nebbia, come un sottile velo e le immagini dapprima con un mo ...continua

    Gabo è sempre Gabo, ma cronaca di una morte annunciata è quella classica opera che oscilla fra il capolavoro e l'oblio letterario. Mi spiego meglio. La costruzione della storia così sincopata e onirica, ammantano il libro di una strana nebbia, come un sottile velo e le immagini dapprima con un movimento lento, diventano poi frenetiche. La parte migliore del libro è sicuramente quella finale, in cui si fa sempre più pressante l'idea della "morte annunciata"con il classico "fato" che ci mette lo zampino per fare in modo che quello che non doveva accadere poi accade davvero. Capolavoro che va riletto più avanti, perché Gabriel Garcia Marquez è un costruttore di sogni, e spesso i sogni lasciano dubbi. Se si potesse sognare spesso la stessa cosa anche i sogni potrebbero apparire più chiari, per fortuna con i libri si può fare.

    ha scritto il 

  • 4

    Scritto secondo lo stile suo proprio dal grande Garcia Marquez, questo libro rivela seppur in poche pagine una struttura narrativa tale da renderlo a mio parere un piccolo gioiello. L’atmosfera è quella tipica dei racconti di questo autore, ma le dinamiche che muovono la storia sono quelle tipich ...continua

    Scritto secondo lo stile suo proprio dal grande Garcia Marquez, questo libro rivela seppur in poche pagine una struttura narrativa tale da renderlo a mio parere un piccolo gioiello. L’atmosfera è quella tipica dei racconti di questo autore, ma le dinamiche che muovono la storia sono quelle tipiche della narrativa “gialla”, seppur rivisitata in maniera fortemente personale. Al centro dell’indagine infatti non è posto un criminale da rintracciare, bensì il movente, che spinge due uomini comuni, la cui identità è nota fin dalle prima pagine, a freddare un altrettanto noto e comune malcapitato. Inoltre, l’indagine stessa non è affidata alla mediazione di un ulteriore personaggio “detective”, ma è lo stesso scrittore con la sua penna, senza suoi mediatori, a guidare il lettore nei meandri della storia: modalità sicuramente singolare di creare coinvolgimento del lettore, senza l’immedesimazione tipica che il meccanismo della narrativa “gialla” prevede, ma abbastanza efficace. Si ha da lettori l’impressione di mettere le mani in una reale quasi pirandelliano, dove ogni attore della vicenda è custode di una sua realtà, che mai combacia con quella degli altri, e la cui sintesi con i punti di vista altrui è condizione necessaria a rendere intelligibile l’inconoscibilità da svelarsi attraverso la lettura. Assolutamente efficace, a mio parere, soprattutto perché unita alla solita efficacissima caratterizzazione sintetica, a pennellate, dei personaggi, e a una struttura della narrazione insolitamente compatta e breve.

    ha scritto il 

  • 4

    un perfetto gioco a incastri

    anche in 90 paginette scarse Gabo sa scrivere una storia bellissima e tragica a tratti grottesca. un microcosmo di vite e di storie che intrecciate tra di loro non riescono ad evitare che quanto annunciato dai gemelli vicario diventi realtà.
    Una vera e propria cronaca ma che racconta non so ...continua

    anche in 90 paginette scarse Gabo sa scrivere una storia bellissima e tragica a tratti grottesca. un microcosmo di vite e di storie che intrecciate tra di loro non riescono ad evitare che quanto annunciato dai gemelli vicario diventi realtà.
    Una vera e propria cronaca ma che racconta non solo la morte di Santiago Nasar ma la vite di un intero paese che assiste inerme al compiersi di gioco beffardo del destino

    ha scritto il 

Ordina per