Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Cronaca di una morte annunciata

Di

Editore: Mondadori (Omnibus)

4.0
(8169)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 126 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Olandese , Portoghese

Isbn-10: A000105214 | Data di pubblicazione:  | Edizione 5

Traduttore: Dario Puccini

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Cronaca di una morte annunciata?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Uccidere per salvare l'onore..

    Una volta per i delitti di onore, c'era lo sconto di pena.
    Nei tempi passati in un passato non così lontano, le ragazze del sud, il nostro profondo e misterioso sud dovevano portare la verginità come un elemento principale della dote.
    La mattina seguente la prima notte di nozze il len ...continua

    Una volta per i delitti di onore, c'era lo sconto di pena.
    Nei tempi passati in un passato non così lontano, le ragazze del sud, il nostro profondo e misterioso sud dovevano portare la verginità come un elemento principale della dote.
    La mattina seguente la prima notte di nozze il lenzuolo del letto veniva esposto alla finestra come segno tangibile delle purezza della sposa: se non era macchiato del sangue virginale, erano guai seri.
    La ragazza poteva essere ripudiata e in alcuni casi anche uccisa.
    L'uomo non sopportava l'onta di aver accolto nella sua casa una ragazza già "usurata".
    In questo libro si riporta un caso che reca il sapore acido di una vicenda di questo tipo, anche se si svolge nei Caraibi.
    Angela convola a nozze e si compiono grandi festeggiamenti.
    Ma la ragazza, svanita e distratta non risulta essere "pura", perciò lo sposo, la ripudia, rimandandola alla famiglia di origine.
    I fratelli la picchiano strappandole con la violenza la confessione di chi è colpevole di averla deflorata e quindi reo di morte.
    Quando sanno chi è stato corrono a fare giustizia.
    Il colpevole è Santiago: la sua morte verrà annunciata anche da un oracolo, ma nessuno è in grado di proteggerlo dal suo tragico destino, neanche la madre...che appare complice della fatalità che lo sovrasta, in quanto lo chiude fuori di casa.
    Santiago morirà, vittima di un incivile costume che a quell'epoca...riteneva le donne come prede incontaminate della volluttà ingiusta dei maschi.
    Il potere maschilista, ingiusto e perverso ha preteso per secoli la verginità femminile come un olocausto, mentre l'uomo scorazzava, impunito principe, nei bordelli silenziosi delle prostitute...
    Consigliato.
    Saluti.
    Ginseng666

    ha scritto il 

  • 4

    Antologia di Spoon River in prosa sudamericana

    Romanzo (o meglio racconto lungo) originale ed accattivante, mi ha ricordato il capolavoro di E.L. Masters. Un collage di voci che messe insieme raccontano non solo una storia ma soprattutto una atmosfera.

    ha scritto il 

  • 5

    Santiago Nasar, un giovane di buona famiglia araba, ha un tragico destino. Tutto il paese, tranne lui, sa che quella mattina sarebbe stato ucciso dai fratelli Vicario, eppure nessuno ha fatto niente per impedirlo o chi ci ha provato è stato ostacolato dalla terribile fatalità del destino. Bayardo ...continua

    Santiago Nasar, un giovane di buona famiglia araba, ha un tragico destino. Tutto il paese, tranne lui, sa che quella mattina sarebbe stato ucciso dai fratelli Vicario, eppure nessuno ha fatto niente per impedirlo o chi ci ha provato è stato ostacolato dalla terribile fatalità del destino. Bayardo San Romàn, un uomo elegante e affascinante, è giunto in paese l’anno precedente, nessuno sapeva cosa fosse venuto a fare in paese ma erano tutti abbagliati dalla sua ricchezza, lo servivano e adulavano.

    ha scritto il 

  • 4

    Scritto nel destino

    Splendido affresco di una morte inevitabile, tragica ma allo stesso tempo necessaria sulla base del contesto culturale e territoriale in cui è ambientata la vicenda narrata. Da brividi la cronaca accurata delle ultime ore del "condannato" prima di essere giustiziato.

    ha scritto il 

  • 4

    Incitamento all'agire

    Il titolo esprime già tutto ciò che si trova in questo romanzo: è la cronaca di un omicidio che chiunque avrebbe potuto cercare di evitare, perché tutti ne erano a conoscenza prima che fosse commesso.
    Spesso il destino, il fato o la volontà divina vengono evocati per giustificare omertà e i ...continua

    Il titolo esprime già tutto ciò che si trova in questo romanzo: è la cronaca di un omicidio che chiunque avrebbe potuto cercare di evitare, perché tutti ne erano a conoscenza prima che fosse commesso.
    Spesso il destino, il fato o la volontà divina vengono evocati per giustificare omertà e indifferenza. Alla fine del romanzo, invece, si prova una gran voglia di ribellarsi, agire senza indugi e non stare mai più - semplicemente - ad osservare passivamente gli eventi che ci passano davanti.

    ha scritto il 

  • 4

    La bravura di un autore si misura anche nel sapere usare stili diversi mantenendo immutata la propria voce, e Marquez in questo libro usa uno stile asciutto e cronachistico che ha ben poco in comune con gli altri suoi grandi capolavori, ma riesce a mantenere inalterata la sua grandezza. Protagon ...continua

    La bravura di un autore si misura anche nel sapere usare stili diversi mantenendo immutata la propria voce, e Marquez in questo libro usa uno stile asciutto e cronachistico che ha ben poco in comune con gli altri suoi grandi capolavori, ma riesce a mantenere inalterata la sua grandezza. Protagonista è la fatalità, il caso, che domina gli eventi della vita e li conduce dove vuole, soprattutto quando gli uomini sono troppo distratti o pigri per impedire la morte di Santiago Nasar. Una morte che anche i suoi carnefici non vogliono compiere, e fanno in modo che qualcuno glielo impedisca, ma che per una incredibile concatenazione di eventi dovrà essere portata a termine perchè la fatalità, quando vuole, "ci rende invisibili".

    ha scritto il 

  • 5

    Con Marquez ci son voluti due libri ma è scoppiato l'amore. Scrittura rapida, senza fronzoli e diretta. Personaggi realistici in ogni loro aspetto. Marquez ha qualcosa in più. Il secondo di tanti libri!

    ha scritto il 

  • 4

    non c'è ubriaco che....

    ... sia capace di mangiarsi la propria cacca

    e a proposito:
    aveva senza dubbio letto i classici spagnoli... e conosceva benissimo nietzsche, che era l'autore di moda tra i magistrati del suo tempo

    ha scritto il 

Ordina per