Cronache Marziane

Oscar 181 - Oscar Fantascienza 20

Di

Editore: A. Mondadori

4.2
(3800)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 332 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Chi tradizionale , Tedesco , Francese , Giapponese , Portoghese , Galego , Polacco , Svedese , Russo , Ceco

Isbn-10: A000032996 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giorgio Monicelli ; Illustrazione di copertina: Karel Thole

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy , Viaggi

Ti piace Cronache Marziane?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Questo libro di Ray Bradbury raccoglie una serie di "cronache" fantastiche che favoleggiano della conquista e della successiva colonizzazione di Marte da parte di un'umanità prevalentemente americana, tra il 1999 e il 2026: anno in cui lo scoppio di una guerra atomica richiama i terrestri sul proprio pianeta. L'antichissimo Marte resta allora nuovamente abbandonato e deserto, con le ampie e impetuose correnti dei suoi misteriosi canali millenari, coi suoi immensi mari privi di vita, sulle cui sabbie passano i grandi velieri degli ultimi marziani - creature simili a fantasmi, ombre e larve di una civiltà che i terrestri non hanno saputo né vedere né intendere. Con Cronache marziane è nato un nuovo originalissimo scrittore, per il quale la fantascienza non è che pretesto per dare sfogo all'estrosa fantasia, e, in questo caso, per una protesta contro la vita di oggi che tende, con il troppo facile materialismo e commercialismo, a distruggere l'elemento poetico e fiabesco, ideale dell'uomo e della sua storia.In copertinaillustrazione di Karel Thole

Ordina per
  • 3

    Non scorrevole ma vale la pena

    Non c'è una vera e propria trama ma solo un filo conduttore tra i capitoli che sono una serie di racconti incentrati su un tema.
    Racconti spesso scollegati.
    Sembra quasi una scusa per scrivere brevi r ...continua

    Non c'è una vera e propria trama ma solo un filo conduttore tra i capitoli che sono una serie di racconti incentrati su un tema.
    Racconti spesso scollegati.
    Sembra quasi una scusa per scrivere brevi racconti aulici sui temi degli errori umani.
    In ogni caso per me la lettura è valsa la pena.

    ha scritto il 

  • 5

    Con il pretesto della colonizzazione di Marte, Ray Bradbury parla dell'uomo e delle sue contraddizioni, delle sue difficoltà a relazionarsi con i suoi simili e con il diverso. Non c'è nessuna pretesa ...continua

    Con il pretesto della colonizzazione di Marte, Ray Bradbury parla dell'uomo e delle sue contraddizioni, delle sue difficoltà a relazionarsi con i suoi simili e con il diverso. Non c'è nessuna pretesa di realismo negli aspetti scientifici del viaggio interplanetario, ma il nuovo pianeta serve all'autore per sottolineare come l'essere umano non riesca a superare i suoi limiti e istinti, nemmeno di fronte all'occasione di un mondo nuovo.

    "Non riusciremo a rovinare Marte [...] E' troppo grande e troppo meraviglioso."
    "Lei dice che non riusciremo? Noi terrestri abbiamo il genio di rovinare le cose grandi e belle.

    ha scritto il 

  • 4

    Ciencia Ficción no tan ficticia

    Ray Bradbury refleja a lo largo de estos cuentos la naturaleza humana desde varios aspectos. Un libro lleno de una profunda reflexión y un dejo de tristeza al ver reflejada nuestra realidad como seres ...continua

    Ray Bradbury refleja a lo largo de estos cuentos la naturaleza humana desde varios aspectos. Un libro lleno de una profunda reflexión y un dejo de tristeza al ver reflejada nuestra realidad como seres humanos. Nuestras filias y fobias nos persiguen mas allá de millones de kilometros de este planeta al que llamamos hogar.

    ha scritto il 

  • 5

    Me le porto su Marte

    Se fossi costretta a imbarcarmi in fretta e furia sulla prima navetta spaziale diretta su un altro pianeta mentre la Terra sta per essere distrutta e avessi pochi minuti di tempo per scegliere una man ...continua

    Se fossi costretta a imbarcarmi in fretta e furia sulla prima navetta spaziale diretta su un altro pianeta mentre la Terra sta per essere distrutta e avessi pochi minuti di tempo per scegliere una manciata di oggetti, con tutta probabilità ci butterei dentro anche le "Cronache marziane" di Bradbury. Per ricordarmi la grandezza e la miseria degli esseri umani, per non dimenticare gli errori di una specie che si dice superiore. Per portarmi addosso e abbandonarmi a un po' di poesia. Le cronache marziane di Bradbury sono oniriche e lucidissime al tempo stesso: trascendono la letteratura di genere e entrano di diritto nella letteratura tout court. Da leggere almeno una volta nella vita.

    ha scritto il 

  • 3

    più un libro fantastico che di fantascienza, il pianeta Marte di Bradbury potrebbe trovarsi tranquillamente dentro l'armadio di Narnia. non mi è piaciuto né dispiaciuto, giudizio più infamante di qual ...continua

    più un libro fantastico che di fantascienza, il pianeta Marte di Bradbury potrebbe trovarsi tranquillamente dentro l'armadio di Narnia. non mi è piaciuto né dispiaciuto, giudizio più infamante di qualunque altro. forse me ne avevano parlato troppo bene, forse.

    ha scritto il 

  • 0

    Quando la fantascienza si unisce alla poesia

    Cronache marziane è una antologia di racconti che narrano il travagliato sbarco dei terrestri su Marte e la conseguente colonizzazione del Pianeta Rosso. Una scrittura suggestiva tratteggia personaggi ...continua

    Cronache marziane è una antologia di racconti che narrano il travagliato sbarco dei terrestri su Marte e la conseguente colonizzazione del Pianeta Rosso. Una scrittura suggestiva tratteggia personaggi surreali e poetici: il padre che riconosce nell’entità aliena il figlio morto, il sacerdote animato da zelo missionario che scopre una religiosità nuova, lo scienziato che costruisce automi in sostituzione della propria famiglia perduta. Bradbury racconta un’umanità senza speranza, incapace di imparare dai propri errori, che replica su Marte le dinamiche distruttive che hanno votato la Terra alla devastazione. La colonizzazione, però, dura solo una manciata di anni, perché un nuovo conflitto riporta i coloni a casa. Solo l’ultimo racconto, La gita di un milione di anni, getta una fioca luce di speranza sul panorama apocalittico.

    Un testo a tratti faticoso ma che ripaga ampiamente il lettore.

    Recensione su Inkroci magazine
    http://www.inkroci.it/racconti-brevi/recensioni-film-recensioni-libri-recensioni-musica/recensioni-libri/ray-bradbury-cronache-marziane.html

    ha scritto il 

  • 5

    Directo a la lista de favoritos...

    Es un libro tan maravilloso que, paradójicamente, logra humanizar a una raza no-humana. Leyéndolo tuve la sensación de ser marciana y estar leyendo las imbecilidades ...continua

    Directo a la lista de favoritos...

    Es un libro tan maravilloso que, paradójicamente, logra humanizar a una raza no-humana. Leyéndolo tuve la sensación de ser marciana y estar leyendo las imbecilidades humanas; tratando de comprenderlos con amor, pero sin comprender ESO que los hace tan mortalmente peligrosos. Perdonando todos los desastres que ocasionan en mi planeta y tomando formas que los ayuden a encontrar un hogar y encontrarse amando.

    PD: el epílogo de Jorge Luis Borges no puede ser más acertado. Un aplauso para él también.

    Toda una obra de arte; desde el inicio hasta el (sin)final.

    ha scritto il 

  • 3

    Il libro lo sappiamo è immenso.
    L'ho trascinato un poco, non perché non mi andasse ma perché logisticamente l'ho dovuto accantonare un paio di volte, e questo forse gli ha nociuto.
    *
    Alla fine, tutta ...continua

    Il libro lo sappiamo è immenso.
    L'ho trascinato un poco, non perché non mi andasse ma perché logisticamente l'ho dovuto accantonare un paio di volte, e questo forse gli ha nociuto.
    *
    Alla fine, tutta questa ombra e questa eccezionale sfiducia nell'uomo un poco mi hanno rattristato.

    ha scritto il 

  • 4

    Questa di Bradbury è una fantascienza poetica, onirica, mi viene da dire, anche, un po' sbilenca. Non c'è da aspettarsi la "hard science fiction" che ostenta diligente coerenza e fattibilità scientifi ...continua

    Questa di Bradbury è una fantascienza poetica, onirica, mi viene da dire, anche, un po' sbilenca. Non c'è da aspettarsi la "hard science fiction" che ostenta diligente coerenza e fattibilità scientifica.
    Questo libro io l'ho letto con grande piacere: mi hanno appassionato i suoi misteri, non sempre risolti, e le atmosfere. Credo anche di aver riso, qualche volta.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per