Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Cronache italiane

By Stendhal

(294)

| Paperback | 9788879833097

Like Cronache italiane ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

20 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    ...et verité romanesque

    ...gioverà ricordare le famose parole che ho sentito ripetere tante volte da lord Byron: This age of cant. [I Cenci; p. 71]

    Is this helpful?

    PrimadelleSabbie said on Nov 16, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Vanina Vanini:
    Una storia di carbonari. – Il carattere appassionato della protagonista non può che portare al disastro, e ciò la rende ancor piú affascinante...

    Vittoria Accoramboni:
    Cronaca –nera, si direbbe oggi– nell’Italia tardo ci ...(continue)

    Vanina Vanini:
    Una storia di carbonari. – Il carattere appassionato della protagonista non può che portare al disastro, e ciò la rende ancor piú affascinante...

    Vittoria Accoramboni:
    Cronaca –nera, si direbbe oggi– nell’Italia tardo cinquecentesca, narrata con asciuttezza: qui la protagonista in realtà non lo è neppure e di lei non si riesce a capir molto – sono i semplici eventi a parlare, non i personaggi...

    L’abbesse de Castro:
    Un dramma amoroso nell’Italia del Cinquecento, tra banditi e signori – ma a dominare, oltre a colpi di spada e d’archibugio, è sempre uno strano destino: tra coincidenze, errori, omissioni, menzogne, buone e cattive intenzioni &c. &c.

    Les Cenci:
    Beh, la storia è sufficientemente nota per render ogni commento piuttosto superfluo – se non per la nota introduttiva che fa di Francesco Cenci un Don Giovanni: mah, francamente avevo pensato ad altro che non al grande burlador!

    La duchesse de Palliano:
    « [O]n appelle la passion italienne [celle] qui cherche à se satisfaire, et non pas à donner au voisin une idée magnifique de notre individu. » — – Breve introduzione, a un racconto su come nel Cinquecento si regolavano le faccende d’adulterio alla corte papalina: quando ogni elezione portava a scontri familiari &c. &c.

    San Francesco a Ripa
    Un semplice episodio: come a illustrar però la differenza con cui un’italiana e un francese intendon l’amore, – e un poco anche la religione!

    Is this helpful?

    Morvan [Sunt lacrimae rerum] said on Sep 14, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Già dal '500 "italiano" non era un complimento :(

    Mensogne, inganni, principi della chiesa orribili, non si salva nessuno nelle eleganti descrizioni prive di fronzoli e di giudizi; del resto c'è poco da giudicare, è tutto là schifoso e alla berlina.

    Is this helpful?

    Tarzanzuki said on Sep 13, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nel 1833 Stendhal rinvenne nell'antico palazzo dei Caetani alcuni vecchi manoscritti italiani, violenti racconti di vicende che avevano avuto luogo nell'Italia del Rinascimento, e decise di tradurre quelle storielle "non galanti, né piccanti, ma al c ...(continue)

    Nel 1833 Stendhal rinvenne nell'antico palazzo dei Caetani alcuni vecchi manoscritti italiani, violenti racconti di vicende che avevano avuto luogo nell'Italia del Rinascimento, e decise di tradurre quelle storielle "non galanti, né piccanti, ma al contrario cupe e tragiche, perché servissero alle persone intelligenti come complemento alla storia d'Italia nei secoli XVI e XVII". Stendhal non si limitò, però, alla semplice traduzione ma riuscì ad infondere nuova vita in quelle antiche cronache, creando un mondo romanzesco popolato da personaggi forti, appassionati e dal destino tragicamente avverso.
    Le "Cronache italiane" hanno il pregio di mostrarci, nel racconto di storie di persone comuni, luci e ombre dell'Italia rinascimentale, esaltando, tra faide nobiliari, segregazioni e amori impossibili, la spontaneità delle reazioni emotive di un popolo che, da sempre, conforma le proprie azioni ai sentimenti.

    Is this helpful?

    Ismaele said on May 29, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Lettura piacevolissima, scorrevole ed interessante. "La badessa di Castro" è sicuramente il racconto più riuscito, forse perché è particolarmente romanzato. Gli altri, pur essendo scorrevoli e interessanti, si attengono più alla forma della cronaca. ...(continue)

    Lettura piacevolissima, scorrevole ed interessante. "La badessa di Castro" è sicuramente il racconto più riuscito, forse perché è particolarmente romanzato. Gli altri, pur essendo scorrevoli e interessanti, si attengono più alla forma della cronaca.
    In ogni caso si tratta di un bello spaccato del periodo, da leggere senza fretta e godendosi la fresca scrittura di Stendhal.

    Is this helpful?

    Daniele said on Sep 7, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Leggere queste Cronache è un po' come guardare un'edizione di Studio Aperto: inutile. Un po' come se fra 500 anni un Bruno Vespa della situazione riproponesse il plastico del delitto di Cogne: sarà, ma ho i miei dubbi che a qualcuno pot ...(continue)

    Leggere queste Cronache è un po' come guardare un'edizione di Studio Aperto: inutile. Un po' come se fra 500 anni un Bruno Vespa della situazione riproponesse il plastico del delitto di Cogne: sarà, ma ho i miei dubbi che a qualcuno potrebbe importare qualcosa.

    Is this helpful?

    Meon said on Jul 12, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book