Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Cryoburn

By Lois McMaster Bujold

(27)

| Others | 9781439133941

Like Cryoburn ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

And Miles is in the middle--of trouble!"Fresh, intriguing, and, as always with LoisMcMaster Bujold, superb.

15 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Poco più che discreto questo romanzo, non mi ha preso molto, probabilmente non avendo letto i capitoli precedenti (a parte "l'apprendista" , che non sono riuscito a finire perchè secondo me scarso) mi sono perso qualcosa dell'insieme, ma questo è qu ...(continue)

    Poco più che discreto questo romanzo, non mi ha preso molto, probabilmente non avendo letto i capitoli precedenti (a parte "l'apprendista" , che non sono riuscito a finire perchè secondo me scarso) mi sono perso qualcosa dell'insieme, ma questo è quanto.

    Is this helpful?

    Alberto5808 said on Dec 3, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Non il suo libro più riuscito, ammetto, ma comunque validissimo. E la fine...eh, la fine. Un po', diciamolo, me lo aspettavo. È bastato un commento su goodreads (l'ultima frase è un calcio nei denti) e una conversazione tra Miles e Mark perché mi fos ...(continue)

    Non il suo libro più riuscito, ammetto, ma comunque validissimo. E la fine...eh, la fine. Un po', diciamolo, me lo aspettavo. È bastato un commento su goodreads (l'ultima frase è un calcio nei denti) e una conversazione tra Miles e Mark perché mi fossi già fatta un'idea di cosa mi aspettava, però è incredibile quanto ci sia rimasta male lo stesso. Strano come la morte di qualcuno di carta e inchiostro ti possa far venire il magone.
    So Long, Aral. Ti ho voluto bene.

    Is this helpful?

    Elaine said on Mar 11, 2013 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Da:

    http://www.webalice.it/michele.castellano/SF_Fantasy/me…

    E' una sorpresa piacevole ritrovare, dopo tanti anni, un nuovo romanzo di Miles Vorkosigan, ed è una sorpresa ancora maggiore scoprire che non è poi nemmeno ta ...(continue)

    Da:

    http://www.webalice.it/michele.castellano/SF_Fantasy/me…

    E' una sorpresa piacevole ritrovare, dopo tanti anni, un nuovo romanzo di Miles Vorkosigan, ed è una sorpresa ancora maggiore scoprire che non è poi nemmeno tanto male. Il timore che ormai tutto quello che si poteva spremere da questa ambientazione fosse stata ormai spremuta era molto forte, e gli ultimi romanzi apparsi ormai da tempo sembravano mostrare i limiti che il doversi mantenere coerenti con una vicenda diventata molto lunga venivano posti alla fantasia dell'autice, forse anche un poco stanca di questa vicenda. Diciamo che ci si poteva aspettare un romanzo "obbligato", dalle richieste degli affezionati, dal non voler lasciare cadere nel nulla la saga che ti ha reso famosa, dalle richieste degli editor, e quindi anche un romanzo molto "minore". Non sono in grado di negare che molte di queste ragioni possano essere effettivamente dietro alla scrittura di questo romanzo, ma posso dire che il risultato non è affatto "minore". Non è un capolavoro, e nell'insieme della saga credo occupi uno degli ultimi posti in fatto di qualità, ma per me è stata comunque una sorpresa positiva.
    Dal punto di vista narrativo ha anche molti difetti, ma non molto di più dei suoi predecessori, solo che questa volta sono decisamente più evidenti, non mascherati da una trama spumeggiante, da una serie quasi infinita di trovate, come eravamo abituati in precedenza. Questa volta Miles sembra quasi una persona normale, anche se è in grado di trovare il bandolo della matassa ancora una volta. Ma non è chiaro perchè ci riesca, e la presenza del suo "alter ego" che gioca un ruolo essenziale è poco giustificata, sembra quasi un'escamotage per risolvere la situazione, mentre invece si possono intravvedere ragioni complesse che però non vengono mai chiaramente evidenziate.
    Il tema di fondo che viene discusso, cioè la possibilità di evitare la morte definitiva attraverso un sistema di criogenia conservativa, gioca sì un ruolo essenziale, ma è forse meno "sentito" del solito, come se fosse una costruzione forzata, fatta per trovare una motivazione di base per poter imbastire la storia. E' possibile che sia solo la mia lettura a vedere questi problemi, forse proprio perchè temevo un prodotto di bassa qualità, ma onestamente questa è stata la mia sensazione.
    Tutto sommato, come ho detto prima, ne ho tratto una lettura soddisfacente, una sorpresa positiva perchè inaspettata, ma credo che se la Bujold vuole continuare la storia di Miles Vorkosigan deve fare uno sforzo di fantasia maggiore.
    Il finale è in ogni caso di un livello emotivo superiore. Non dico che possa compensare i tanti difetti del romanzo, ma mi ha lasciato alla fine della lettura con una sensazione positiva, di soddisfazione e di rammarico. Ho letto che qualcuno ritiene questo finale come l'apertura di una fase completamente nuova nella vita di Miles Vorkosigan, e quindi di nuovi bei romanzi. Speriamo.

    Is this helpful?

    Mikecas said on Oct 7, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Gradevole, come quasi sempre.

    Is this helpful?

    lino said on Sep 26, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un Miles Vorkosigan un po' appannato

    Sarà l'età, sarà forse l'esaurirsi di una vena, ma le vicende del nostro eroe segnano un po' il passo. Quando poi si prendono come coprotagonisti degli adolescenti, si rischia di spostare il target su lettori meno smaliziati. L'impressione è quella d ...(continue)

    Sarà l'età, sarà forse l'esaurirsi di una vena, ma le vicende del nostro eroe segnano un po' il passo. Quando poi si prendono come coprotagonisti degli adolescenti, si rischia di spostare il target su lettori meno smaliziati. L'impressione è quella della lettura di un romanzetto per ragazzi come se ne scrivevano 20 anni fa.
    Lettura comunque divertente a tratti.

    Is this helpful?

    Kluge said on Sep 1, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection