Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Crypto

Di

Editore: Arnoldo Mondadori (Ed. speciale allegata a periodici Mondadori)

3.4
(9324)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 427 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Portoghese , Spagnolo , Danese , Catalano , Tedesco , Francese , Svedese , Olandese , Sloveno , Russo , Rumeno , Norvegese , Polacco , Ceco , Ungherese

Isbn-10: A000082989 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Crypto?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A Washington è sabato pomeriggio quando Susan Fletcher, una delle più brillanti menti matematiche degli Stati Uniti, responsabile della divisione di crittologia della National Security Agency, viene convocata con urgenza nell'ufficio del comandante Stathmore. Qualcuno ha messo a punto un programma capace di ingannare Fortezza Digitale, il più sofisticato strumento informatico di spionaggio al mondo, un supercomputer che può decodificare qualunque testo cifrato a una velocità strabiliante. Il suo creatore è il genio dell'informatica giapponese Ensei Tankado, handicappato dalla nascita per i perduranti effetti del disastro atomico di Hiroshima, che dopo essere stato chiamato a lavorare negli Stati Uniti ha sbattuto la porta in faccia ai suoi capi quando si è accorto che il supercomputer rischiava di trasformarsi in un nuovo Grande Fratello. E' lui il sabotatore? In un crescendo di tensione, Susan si trova a combattere per difendere la nazione e gli scopi dell'Agenzia nella quale crede. Ma dovrà destreggiarsi fra menzogne e tradimenti, mettendo a repentaglio la propria vita e quella dell'uomo che ama.
Ordina per
  • 1

    1,5/10

    Come Il codice Da Vinci, altro romanzo scritto con il minimo impegno possibile e mirato a una ben precisa fascia di pubblico, la stessa che si sciroppa le porcherie di Clive Cussler senza fare una pie ...continua

    Come Il codice Da Vinci, altro romanzo scritto con il minimo impegno possibile e mirato a una ben precisa fascia di pubblico, la stessa che si sciroppa le porcherie di Clive Cussler senza fare una piega. Brown crea di Gary Stue di se stesso smaccato come neanche i fanwriter quindicenni, lo piazza al centro di un intrigo rocambolesco e raffazzonato che tira dentro di tutto e di più nel patetico tentativo di avvincere il lettore, con qualche riferimento "scientifico" (virgolette d'obbligo) che dà una patina di autorevolezza al tutto, e condisce con una bella figliola, quintessenza della sua donna ideale, che dovrà venire salvata dalle grinfie di un pretendente che al nostro eroe non è degno neanche di allacciare le scarpe. Notevoli le somiglianze con il romanzo precedente dell'autore, a partire dal cast (un misterioso assassino dal nome bizzarro che agisce per conto dei kattivi vi dice niente?); raccapricciante il finale, con una proposta di matrimonio che neanche Inga Lindstrom durante una serata alcolica avrebbe potuto concepire.

    ha scritto il 

  • 4

    "Tutto è possibile; l'impossibile richiede solo più tempo."

    Dopo anni dalla lettura di “Angeli e Demoni" e "Il codice Da Vinci" eccomi alle prese con Crypto, primo romanzo di Dan Brown. Lo stile non è affatto acerbo, la lettura è interessante e godibile, ci so ...continua

    Dopo anni dalla lettura di “Angeli e Demoni" e "Il codice Da Vinci" eccomi alle prese con Crypto, primo romanzo di Dan Brown. Lo stile non è affatto acerbo, la lettura è interessante e godibile, ci sono un mucchio di informazioni tecnico-scentifico-tecnologiche ma non risultano noiose. Come le abbia prese e cosa si sia inventato di sana pianta per me, che di spionaggio informatico e i metodi di decriptazione dei codici non ne so niente è un bel mistero. In questo romanzo in cui la trama è un bluff ben organizzato è difficile capire chi in realtà siano i buoni e i cattivi. E in un mondo come il nostro in cui la tecnologia è invasiva e la privacy sta diventando sempre più un optional sorge spontaneo il quesito di Giovenale riportato da Dan Brown… “Quis custodiet ipsos custodes?” “chi sorveglierà i sorveglianti?”.
    Avrei dato volentieri 5 stelle ma i personaggi non sono proprio simpaticissimi e il finale è abbozzato, in più caro Dan, ma ci sei mai stato in Spagna? Qui sembra che descrivi un paese del terzo mondo!

    "Non puoi mirare in alto se ti fanno male i piedi e quando arrivi dove vuoi, meglio presentarsi in modo impeccabile."

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Ma Dan Brown ce la farà mai a scrivere un romanzo in cui i buoni e i cattivi rimangono tali? E a smetterla di ficcare nella narrazione digressioni e informazioni varie assolutamente superflue? Cioè da ...continua

    Ma Dan Brown ce la farà mai a scrivere un romanzo in cui i buoni e i cattivi rimangono tali? E a smetterla di ficcare nella narrazione digressioni e informazioni varie assolutamente superflue? Cioè davvero, mancano tipo tre minuti alla catastrofe totale e Susan si mette a disquisire sui templi di Kyoto? Dan, abbiamo capito che ne sai di storia dell'arte, mobbasta. Poco simpatico poi tutto il senso di superiorità nei confronti della Spagna, a tratti davvero fastidioso e inopportuno.
    Di positivo c'è che la storia è abbastanza interessante (anche se prevedibile) e si lascia leggere facilmente.

    ha scritto il 

  • 4

    Senza dubbio non è il miglior libro dell'autore, che quando vuole riesce a far rimanere a bocca aperta il lettore per lo stupore. Carino, è un thriller che si scosta dal solito filone di Robert langdo ...continua

    Senza dubbio non è il miglior libro dell'autore, che quando vuole riesce a far rimanere a bocca aperta il lettore per lo stupore. Carino, è un thriller che si scosta dal solito filone di Robert langdon, avendo altri personaggi principali. Se si è amanti del Codice a Vinci, questo lascerà l'amaro in bocca. Solita tiritera del mondo virtuale che nega la libertà personale, ma raccontata e scritta con la mente di un enigmatico come Dan Brown.

    ha scritto il 

  • 2

    Sembra fantasia ... e lo è!

    E' notevole che questo romanzo imperniato sulla NSA, scritto nel 2009, sia rimasto tanto attuale ed anzi lo sia diventato ancor di più dopo il 2013, anno dello scandalo Datagate.
    Tuttavia, proprio le ...continua

    E' notevole che questo romanzo imperniato sulla NSA, scritto nel 2009, sia rimasto tanto attuale ed anzi lo sia diventato ancor di più dopo il 2013, anno dello scandalo Datagate.
    Tuttavia, proprio le rivelazioni di Edward Snowden sull'agenzia, su cosa può fare e cosa non può fare, ribadiscono che questo è un romanzo di fantasia.
    Spesso, troppo spesso, Dan Brown ammanta di verità le sue vicende e si rischia di prenderle quasi come realtà.
    In realtà non c'è alcun indizio (anzi, ci sono forti indizi contrari) che esista ad oggi un super-elaboratore della NSA in grado di decrittare OGNI file crittografato ed OGNI trasmissione crittografata che esista al mondo.
    Chi prendesse quindi questo romanzo come l'indicazione che ciò è possibile o plausible, prenderebbe un granchio.
    E va detto che gli errori in "Crypto" (errori sui quali Brown appoggia alcuni aspetti della vicenda) non mancano di certo, a tutti i livelli. La bomba che distrusse Nagasaki non era (a differenza di ciò che ostinatamente dice l'autore) all'uranio ma effettivamente al plutonio, in Spagna la prostituzione non è illegale ecc.
    Perciò, per favore, nessuno prenda questo romanzo come realistico o peggio come un "Bignami" sulla crittografia!

    Ciò detto, e detto che Brown non prende posizione chiara sull'annosa questione "NSA: eroi contro il male o pericolosi spioni?", il romanzo si lascia leggere, ma con almeno un aspetto irritante: la classica, già vista e poco accettabile superficialità e senso di superiorità yankee nei confronti dell'Europa "latina", in questo caso la Spagna.
    Spagna descritta, al di là del lecito, come un paese arretrato, casinista, super-cattolico, disorganizzato, dove una ferita al polmone, che "in paesi più evoluti sarebbe curabile", sarebbe certamente mortale.
    Mi ricorda quando una mia conoscente romana ospitò un'americana a casa sua, nella Città Eterna, e si sentì chiedere se l'acqua del rubinetto era potabile!
    Anche per questo fondo continuo di razzismo superficiale, non riesco a dare un voto alto a questo romanzo. E pure in termini letterari Dan Brown ha fatto di molto meglio (vedi soprattutto "La verità del ghiaccio").

    ha scritto il 

  • 3

    QUASI un libro da programmatori informatici?

    Crypto è un ramo della famosa National Security Agency americana.
    La sua specialità è la decodificazione di codici segreti ritenuti minaccia per gli Stati Uniti e per il mondo intero.
    A capo della squ ...continua

    Crypto è un ramo della famosa National Security Agency americana.
    La sua specialità è la decodificazione di codici segreti ritenuti minaccia per gli Stati Uniti e per il mondo intero.
    A capo della squadra di scienziati di questa agenzia c’è la giovane ed attraente Susan Fletcher una matematica di fama.
    Susan, un giorno fa una terribile scoperta: TRANSLTR, il supercomputer della Crypto usato per la decrittazione in tempo reale dei codici più complessi, va letteralmente in stallo.
    Dopo le prime verifiche, i tecnici hanno la certezza che non si tratta di un guasto, né di un atto di terrorismo informatico. Semplicemente TRANSLTR è alle prese con un algoritmo mai incontrato prima e che non riesce a decifrare.
    Ben presto questo codice misterioso avrà un nome: “Digital Fortress” ossia fortezza digitale.
    La chiave per la risoluzione di questa operazione matematica è alle dita del suo creatore perché è stata incisa sul retro di un anello.
    Però Ensei Tankado, l’ideatore di questo misterioso algoritmo ed ex matematico della NSA, è morto in un attacco cardiaco molto sospetto e l’anello è inspiegabilmente sparito. Comincia da quel momento una caccia per impadronirsi della chiave che dà l’accesso al codice inespugnabile.
    Susan ed il suo fidanzato Dave Becker, scopriranno che tra coloro che cercano l’accesso alla Fortezza Digitale per gli scopi più oscuri, c’è più di un insospettato.

    Lettura piacevole e leggera, anche se devo ammettere che la storia è più o meno sempre la stessa.
    Tutto sommato però, mi ha appassionato molto anche se il finale ha lasciato un po’ a desiderare.

    ha scritto il 

  • 4

    un libro da leggere! ti tiene con il fiato sospeso fino alla fine! Ti incuriosisce con i suoi crittogrammi , ed inoltre non mancano i soliti colpi di scena. Poi,come in ogni libro,Dan Brown riesce a c ...continua

    un libro da leggere! ti tiene con il fiato sospeso fino alla fine! Ti incuriosisce con i suoi crittogrammi , ed inoltre non mancano i soliti colpi di scena. Poi,come in ogni libro,Dan Brown riesce a coinvolgere il lettore in maniera incredibile!

    ha scritto il 

Ordina per