Cuore di cane

Di

Editore: A. Mondadori (Oscar classici moderni)

3.9
(4979)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 143 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Russo , Chi tradizionale , Tedesco

Isbn-10: 8804492643 | Isbn-13: 9788804492641 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Nadia Cicognini ; Postfazione: Giovanna Spendel

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Politica , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Cuore di cane?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il racconto grottesco e satirico insieme "Cuore di cane" narra la storia del cane Pallino, trasformato in uomo per uno strano esperimento scientifico da parte di un medico con la paranoia del Dio. Strappato dal proprio mondo si trova costretto ad adattarsi alla nuova distorta e difficile condizione di vita in una Mosca alquanto complessa. Il romanzo fu considerato poco nazionalista e contrario alle idee del partito, tanto che venne pubblicato completo e privo di censura solo nel 1987.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Il romanzo esprime il pensiero dell'A. che con una storia satirica e fantascientifica raccoglie tutti i sentimenti da lui provati in quel particolare momento storico di grandi cambiamenti. Mai spinger ...continua

    Il romanzo esprime il pensiero dell'A. che con una storia satirica e fantascientifica raccoglie tutti i sentimenti da lui provati in quel particolare momento storico di grandi cambiamenti. Mai spingersi oltre i limiti imposti dalla natura è il messaggio, un'accusa nei confronti della scienza, ormai senza più limiti e libera di sperimentare qualsiasi mostruosità. Attraverso la storia di "Pallino", un cane, l'A., con toni di metafora, critica la società e il modo d'essere della vita comune degli uomini russi nel dopo rivoluzione. Nella vicenda il cane viene trasformato in uomo, ma non potrà mai essere un uomo normale e il dottore e l'assistente che hanno effettuato questo strano esperimento alla fine si sentono frustrati perché hanno realizzato qualcosa di nuovo che però non potrà mai dirsi una buona scoperta scientifica. Resta così un senso di impotenza e di stupore per quello che è accaduto. E' quindi una chicca nel vasto laboratorio sovietico di quegli anni, di una satira arguta, vivida, a tratti molto cruda, stilisticamente non paragonabile all'opera maggiore che diede fama all'A., ma pur sempre un buon romanzo che lascia il sorriso e al contempo fa riflettere sulla natura umana.

    ha scritto il 

  • 5

    Bulgakov non mi delude mai.
    Ironico, divertente, tagliente e amaro. Riesce a creare un racconto surreale e interessante, usandolo come metafora per una forte critica alla società russa bolscevica.
    Bre ...continua

    Bulgakov non mi delude mai.
    Ironico, divertente, tagliente e amaro. Riesce a creare un racconto surreale e interessante, usandolo come metafora per una forte critica alla società russa bolscevica.
    Breve, si legge di gusto in nemmeno un'ora.

    ha scritto il 

  • 4

    Pagina 99

    «Si vede come vi siete evoluto dopo Kautsky!» strillò Filipp Filippovič, facendosi livido. E pigiò rabbioso il bottone sulla parete. «L'episodio di oggi non potrebbe essere più esemplare! Zina!»
    «Zina ...continua

    «Si vede come vi siete evoluto dopo Kautsky!» strillò Filipp Filippovič, facendosi livido. E pigiò rabbioso il bottone sulla parete. «L'episodio di oggi non potrebbe essere più esemplare! Zina!»
    «Zina!» gridava Bormental'.
    «Zina!» strillava Pallinov spaventato.
    Zina accorse, pallida in volto.
    «Zina! Di là nella sala d'aspetto... È di là nella sala d'aspetto?»
    «Sì,» rispose Pallinov ubbidiente «è verderame.»
    «Un libriccino verde...»
    «E adesso lo farete bruciare...» esclamò Pallinov, in preda alla disperazione. «Ma è dello Stato, della biblioteca!!»
    «Com'è che s'intitola?... Che carteggio è?... Di Engels con quell'altro... come diavolo... Subito nel forno!»

    ha scritto il 

  • 3

    Cuore...

    Libro al quanto bizzarro.
    Tema molto affascinante, quanti di noi si sono domandati come sarebbe il proprio cane se fosse umano?
    Beh secondo l'autore forse è meglio che le cose rimangano come sono stat ...continua

    Libro al quanto bizzarro.
    Tema molto affascinante, quanti di noi si sono domandati come sarebbe il proprio cane se fosse umano?
    Beh secondo l'autore forse è meglio che le cose rimangano come sono state create, visto gli episodi disdicevoli che il Cane, trasformato in umano dal padrone, ha causato.
    Un libro molto carino, fantasioso, a tratti divertente e riflessivo.
    .:Weird:.

    ha scritto il 

  • 4

    Brillante e divertentissimo, ma io amo Bulgakov, e si sa...
    Poi vogliamo pensare alla genialità moderna della trama superficiale e al coraggio dell'irriverenza satirica contro un regime rigido e serio ...continua

    Brillante e divertentissimo, ma io amo Bulgakov, e si sa...
    Poi vogliamo pensare alla genialità moderna della trama superficiale e al coraggio dell'irriverenza satirica contro un regime rigido e serioso (penso anche al film Ninotchka che ho visto di recente), nel suo significato più profondo? No, cerco che no. A me basta dire che chiamerò il prossimo micio che avrò nella mia vita "Poligraf Poligrafovic"

    ha scritto il 

  • 4

    «Dovete capire, invece, che il vero disastro è che lui non ha più un cuore di cane ma di un uomo. E dell'uomo più abbietto che ci si possa immaginare. »

    Quando ti avvicini ad un genere e ad uno scritt ...continua

    «Dovete capire, invece, che il vero disastro è che lui non ha più un cuore di cane ma di un uomo. E dell'uomo più abbietto che ci si possa immaginare. »

    Quando ti avvicini ad un genere e ad uno scrittore totalmente diverso dai tuoi soliti canoni e finisci per apprezzarlo in pieno, è una grande conquista, una fonte per ampliare la tua conoscenza e allargare i tuoi orizzonti.
    Merito di questo piccolo libricino.
    Scritto nel 1925, "Cuore di cane", rimase inedito per decenni poiché sequestrato dalla polizia segreta sovietica.
    Venne ritrovato negli archivi del KGB e solo nel 1987 finalmente pubblicato in Russia.
    Storia di un grottesco esperimento del Dottor Filip Filipovič che tenta di trasformare il cane randagio Pallino in un essere umano.
    Ma cosa succede se al risveglio il suo comportamento si tramuta in nefandezze?
    La bestialità del cane ha intaccato l'animo umano, o sono le brutture di quest'ultimo che hanno influenzato la personalità canina?
    Romanzo fantascientifico - grottesco, è la parodia della metamorfosi della società russa subito dopo la guerra civile.
    Bulgakov, non risparmia nessuna delle categorie dell'epoca: né i nuovi ricchi borghesi, né i rappresentanti dell'Ancient Régime che sfilano uno ad uno nello studio del Dottor Filipovič alla ricerca di un mezzo per ringiovanire ed adeguarsi alla nuova società.
    Né tanto meno la Scienza, colpevole dell'eccessivo superamento dei limiti della Natura:

    «Ecco, dottore, cosa si ottiene quando un ricercatore, invece di procedere in armonia con la natura, forza le cose e solleva il velo...»

    Grazie all'affascinante linguaggio criptico ed onirico, la narrazione è meravigliosamente scenografica: la bufera che agita uno striscione con su scritto: È POSSIBILE RINGIOVANIRE? lascia dietro di se mille interrogativi cosi fortemente accomunati con l'era moderna.

    ha scritto il 

  • 4

    [...] Pensate che ormai, orribile a dirsi, il suo cuore non è più canino, ma umano, proprio umano. Ed è uno dei cuori più obrobriosi tra quanti ne esistono in natura"

    Gran bel libro, così leggero e scorrevole da leggere, ma con una sua profondità e morale.
    L'immagine che da del proletariato e quella che da dell'alta borghesia non sono per niente favorevoli, e la su ...continua

    Gran bel libro, così leggero e scorrevole da leggere, ma con una sua profondità e morale.
    L'immagine che da del proletariato e quella che da dell'alta borghesia non sono per niente favorevoli, e la sua ironia e comicità nel mostrare gli antipodi della società in una società malata per volgere una critica non solo a queste tre categorie, ma anche alla scienza che supera i propri confini, sono così ben incastonate che la novella passa sotto gli occhi di un lettore NoN attento (come fui io alla mia prima lettura) non nota neanche.

    Interessante il titolo del libro "Cuore di cane" e la frase che, per concludere un discorso, Filip Filipovič Preobraženskij, l'egregio chirurgo del libro, dice a pagina 148 della mia edizione (Pillole Bur) "[...] Pensate che ormai, orribile a dirsi, il suo cuore non è più canino, ma umano, proprio umano. Ed è uno dei cuori più obrobriosi tra quanti ne esistono in natura"
    Strano che la maggior parte dei lettori non abbia notato cio'.

    ha scritto il 

  • 5

    ottimo libro

    Simpatico e divertente nella prima parte, nella seconda diventa un po' più impegnato. Si legge comunque in poco tempo. Nel complesso molto piacevole.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per