D'acer

Premi Campiello-Opera Prima

Per

Editor: Edicions 62

3.3
(6422)

Language: Català | Number of Pàgines: 344 | Format: Mass Market Paperback | En altres llengües: (altres llengües) Italian , French , Spanish , Dutch , Swedish

Isbn-10: 8429768378 | Isbn-13: 9788429768374 | Data publicació:  | Edition 1

Translator: Josep Julià Ballbè

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like D'acer ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
Novel·la social, novel·la generacional, novel·la de formació, D’acer ha estat guardonada amb el premi Campiello Opera Prima i ha estat finalista de l’Strega. En uns temps en què es diu que la classe obrera ja no existeix, Silvia Avallone dóna veu a tot un món que viu a la deriva.

Text de contraportada

Des dels blocs de pisos de via Stalingrad, un barri obrer de Piombino, es veu el Mediterrani, la llum, la platja i, allà lluny, l’illa d’Elba. Però no és un lloc de vacances. En aquesta terra les fàbriques i els blocs de formigó ho envaeixen tot.

A Piombino tenir catorze anys és difícil. I si el teu pare no és ningú o es trenca l’esquena a les fàbriques d’acer que donen pa i desesperació a mitja ciutat, encara ho és més. Tot això ho saben bé, l’Anna i la Francesca, amigues inseparables. I també saben que en una barriada com aquesta, quan el cos adolescent comença a canviar, només hi ha dues alternatives: o t’amagues i restes exclosa del grup o exposes descaradament la teva bellesa i la utilitzes per ser algú. Elles intenten amb totes les seves forces ser algú.

«D’acer és un cos a cos amb la matèria, amb l’acer de les fàbriques que es fon però també amb el cos adolescent que es transforma i canvia.» Silvia Avallone

Sorting by
  • 1

    Se volete farvi del male o perdere tempo nel peggiore dei modi

    Prosa insulsa, aneddoti inutili, descrizioni elementari e ignobili. Più andavo avanti e più pensavo: "Ma come è possibile che questa autrice sia stata pubblicata ?",davvero non mi spiego il motivo del ...continua

    Prosa insulsa, aneddoti inutili, descrizioni elementari e ignobili. Più andavo avanti e più pensavo: "Ma come è possibile che questa autrice sia stata pubblicata ?",davvero non mi spiego il motivo del grande successo di questo testo, da cui poi hanno tratto anche un film (altrettanto indegno - visto su youtube). Credo che l'unico modo per definire questo libro sia: semplicemente brutto. E nulla più.

    dit a 

  • 2

    Ma davvero....

    ...questo libro ha vinto dei premi ed ha avuto così tanto successo??? Con questo stile piatto e questa storia prevedibile? Sono basito. Oddio, non è una brutta storia, ma è una storia già letta e rile ...continua

    ...questo libro ha vinto dei premi ed ha avuto così tanto successo??? Con questo stile piatto e questa storia prevedibile? Sono basito. Oddio, non è una brutta storia, ma è una storia già letta e riletta. Però è piaciuto e ci han fatto pure un film per cui la bestia sarò io. Da ombrellone o da vacanza senza pensieri.

    dit a 

  • 3

    Un buon romanzo in potenza

    Mah, non mi ha convinto fino in fondo: a tratti un buon romanzo, a tratti quasi un libro di Moccia. Personaggi inconclusi, alcune storie inverosimili e stile narrativo costellato di periodi brevissimi ...continua

    Mah, non mi ha convinto fino in fondo: a tratti un buon romanzo, a tratti quasi un libro di Moccia. Personaggi inconclusi, alcune storie inverosimili e stile narrativo costellato di periodi brevissimi (troppi punti!). Peccato.

    dit a 

  • 5

    En esta historia tenemos a dos adolescentes como protagonistas: Anna y Francesca. Viven en un pueblo italiano, al más puro estilo "Elena Ferrante" con su barrio, tan humilde de familias trabajadoras q ...continua

    En esta historia tenemos a dos adolescentes como protagonistas: Anna y Francesca. Viven en un pueblo italiano, al más puro estilo "Elena Ferrante" con su barrio, tan humilde de familias trabajadoras que tiran para adelante como pueden y soportan el día a día.
    Estas dos adolescentes rebosan carisma, estrógenos, erotismo y muchas ganas de crecer y salir de su pueblo natal como si de una cárcel se tratara para ellas. Cada una tiene su historia, su vida tras las puertas de su casa, su trágica existencia y su dolor interior, pero siempre se tienen la una a la otra, su dependencia emocional adquirida a lo largo de años y su adoración por el peligro y el morbo y por supuesto, la libertad.
    Es una clarísima historia de feminismo, muy auténtica y llena de poder. Esta escritora tan poco conocida, por desgracia, nos nos deja indiferente con este estilo de narración tan poderosa, tan fulminante y profunda y tan infalible para retratar a personajes femeninos ya sean poderosos o frágiles. Me ha parecido una novela imprescindible, muy reflexiva y con esa manera tan poco habitual de describir a mujeres y sus sentimientos tan profundos de la que estamos acostumbrados. Lo mejor es que es una novela de mujeres pero no única y exclusivamente para ellas, así que se la recomendaría sobre todo a fans de Ferrante.

    dit a 

  • 2

    Meglio della media, ma che noia.

    Se non fosse stato per le infinite lungaggini presenti in ogni capitolo avrei dato tre stelle, perlomeno per differenziarlo dal nulla che offre il panorama italiano contemporaneo. Però mi aspettavo pe ...continua

    Se non fosse stato per le infinite lungaggini presenti in ogni capitolo avrei dato tre stelle, perlomeno per differenziarlo dal nulla che offre il panorama italiano contemporaneo. Però mi aspettavo peggio date le critiche che avevo letto in giro. Il difetto maggiore comunque sia è nella mancanza di una trama valida: non succede quasi niente e ci si annoia molto. Inoltre lo sbalzo temporale nella terza parte è troppo affrettato e il finale è altrettanto improvviso e poco sviluppato. Lo stile, invece, l'ho trovato abbastanza interessante e moderno (anche se a tratti non curato) e i personaggi ben caratterizzati.
    Insomma sono d'accordo sul fatto che non merita il successo che ha avuto, ma non è neanche pessimo come dice qualcuno. E' un esordio discreto, con tutti i suoi limiti.

    dit a 

  • *** Aquest comentari conté spoilers! ***

    4

    Col fiato sospeso

    Uno di quei libri che vale la pena leggere.
    La storia d'amicizia di due ragazze adolescenziali che vivono in un quartiere disadattato.
    I sogni, l'amore e l'approccio all'età adulta. ...continua

    Uno di quei libri che vale la pena leggere.
    La storia d'amicizia di due ragazze adolescenziali che vivono in un quartiere disadattato.
    I sogni, l'amore e l'approccio all'età adulta.

    dit a 

  • 2

    Se da un lato mettiamo un pessimo libro come Bianca come il latte.. e dall'altra un buon libro come Ruggine, Acciaio si posiziona nel mezzo.
    UN mediocre romanzo giovanile con le amiche mezzo lesbiche ...continua

    Se da un lato mettiamo un pessimo libro come Bianca come il latte.. e dall'altra un buon libro come Ruggine, Acciaio si posiziona nel mezzo.
    UN mediocre romanzo giovanile con le amiche mezzo lesbiche e mezze troie, l'acciaieria, i genitori stereotipati, la droga, la periferia e l'amica cessa che vuol far la scrittrice e raccontare una storia su amiche mezzo lesbiche e mezze troie, l'acciaieria, i genitori stereotipati, la droga e la periferia

    dit a 

  • 1

    Anna e Francesca sono amiche inseparabili che condividono ogni cosa,persino lo stesso palazzo a Piombino,dove vivono con le rispettive famiglie,che però non le fanno vivere tranquille soprattutto quel ...continua

    Anna e Francesca sono amiche inseparabili che condividono ogni cosa,persino lo stesso palazzo a Piombino,dove vivono con le rispettive famiglie,che però non le fanno vivere tranquille soprattutto quella di Francesca,con un padre irascibile e violento.Questo libro,questa storia,o si ama o si odia,non ci sono mezze misure.Ed io purtroppo non l'ho amato.L' ho trovato volgare,sporco e triste.Io amo la vita e le cose belle che ogni giorno il mondo ci dà.Ma in questo racconto della Avallone tutto sembra brutto e sporco,eppure a raccontarlo sono quasi tutti giovani,è possibile vedere tutto mostruosamente negativo?Alla fine questa storia non mi ha lasciato altro che tristezza,nulla di più.

    dit a 

  • 2

    Di cosa stiamo parlando?

    Le adolescenti Francesca e Anna sono amiche inseparabili da quando sono piccole. Abitano a Piombino, in un quartiere degradato, descritto in maniera così negativa che ho pensato che l’autrice in realt ...continua

    Le adolescenti Francesca e Anna sono amiche inseparabili da quando sono piccole. Abitano a Piombino, in un quartiere degradato, descritto in maniera così negativa che ho pensato che l’autrice in realtà stesse parlando di un’altra città! Non conosco la città, ma ho trovato alcune descrizioni troppo marcate: bambini che fanno pipì per le scale, ragazzine che si denudano con il balcone aperto per farsi guardare dai vecchietti, sesso, droga (rock’n'roll no, perché i protagonisti sono tutti tamarri), furti e chi più ne ha più ne metta! Pensate che ad un certo punto mi son detta “Cavolo! Non pensavo che Piombino potesse essere così!”.
    Personalmente non amo questo genere di storie, troppa carne a cuocere!
    Insomma, l’intero romanzo ruota attorno all’amiciza di queste due ragazze e delle loro famiglie: da un lato abbiamo un padre padrone e una madre sottomessa, dall’altro un padre fannulone/imbroglione e una madre che si fa il mazzo tanto per arrivare a fine mese.

    Acciaio è più banalmente la storia di queste due ragazze che da inseparabili amiche si allontano quando scoprono l’amore e poi si riavvicinano. Davvero nulla di che! Forse la trama giusta per un telefilm/film all’italiana. Mi chiedo come mai ancora debbano produrre un film da questo libro!

    Consigliato sì o no? Assolutamente no!! Va bene che si legge in poco tempo, ma a me non ha trasmesso alcuna emozione. Ero sempre lì a chiedermi quando iniziasse il libro!! Assurdo! E ,come volevasi dimostrare, io e il “mercato” non andiamo d’accordo!

    dit a 

Sorting by
Sorting by
Sorting by