Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

DIVINA COMÈDIA

Per

Editor: Proa

4.5
(3709)

Language:Català | Number of Pàgines: 1280 | Format: Hardcover | En altres llengües: (altres llengües) English , Portuguese , Italian , Spanish , German , French , Chi traditional , Russian

Isbn-10: 848437002X | Isbn-13: 9788484370024 | Data publicació:  | Edition 1

Translator: Joan Francesc Mira

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Religion & Spirituality

Do you like DIVINA COMÈDIA ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
La figura de DANTE ALIGHIERI (1265-1321) ocupa un lloc de privilegi en el panorama de la literatura universal, i la seva obra mestra, la Divina Comèdia, ha esdevingut al llarg dels segles un dels tresors més preuats de la cultura occidental i un títol mític de la història de la literatura. A la Comèdia, que Boccaccio va qualificar de Divina immediatament després de la seva aparició, el Dant hi modula un llenguatge nou i estructura una obra excepcional capaç didentificar història i filosofia, mite i ciència, a través del discurs dun viatge i duna ficció literària. La Divina Comèdia es presenta com una narració que inclou tots els sentits de la vida, de la història i del conjunt dels coneixements del seu temps. El seu propòsit era mostrar el camí de la felicitat, que passava per dos estadis previs a lentrada al Paradís. En aquest camí, lhome ha de ser acompanyat per la raó humana, representada per Virgili, i per la revelació, que personifica Beatriu.
Sorting by
  • 5

    Al liceo ho avuto ottimi insegnanti per lo meno di greco, latino e matematica, ma non sempre mi andò benissimo con italiano; in particolare, il III-IV anno subimmo una serie di supplenti una più inqui ...continua

    Al liceo ho avuto ottimi insegnanti per lo meno di greco, latino e matematica, ma non sempre mi andò benissimo con italiano; in particolare, il III-IV anno subimmo una serie di supplenti una più inquietante dell’altra...

    Continua qua: https://cheremone.wordpress.com/2015/07/12/comincia-la-seconda-parte-overo-cantica/

    dit a 

  • 3

    Giunti a questo punto, la Commedia dantesca mi sembra sempre più un manifesto politico in cui l'autore mescola filosofia a teologia.
    Da un lato la pretesa tutta cristiana di avere la verità rivelata, ...continua

    Giunti a questo punto, la Commedia dantesca mi sembra sempre più un manifesto politico in cui l'autore mescola filosofia a teologia.
    Da un lato la pretesa tutta cristiana di avere la verità rivelata, e dunque chiunque altro è in errore è condannato al limbo o all'espiazione di un peccato originale o derivante dalla propria condotta, dall'altra la filosofia di Dante, illuminata forse da un buon senso che spesso mancava ai ministri di Dio.
    Per il resto il cristianesimo è un calderone di idee vecchie come l'uomo stesso. A partire dall'idea del Paradiso Terrestre, dove Dio voleva tenere il suo giocattolo più prezioso all'oscuro della consapevolezza di esistere, ma anche innocente e dunque puro (ben venga in questo caso l'arroganza di Ulisse). A Dante va il merito di una filosofia di vita più illuminata, che accomuna gran parte delle filosofie religiose; nella moderazione delle virtù si può leggere un insegnamento buddhista o taoista, ad esempio.
    Trovo sempre grottesco che a Virgilio sia interdetto l'accesso al Paradiso perché non battezzato e dunque non ammesso in vita nella comunità cristiana allargata, come mi fa sorridere che Beatrice sia posta in Paradiso e Dante si arrovelli al pensiero di aver cercato altre signore non rinnegando la propria natura umana.
    Ah, che belli i tempi romani, quando il sesso era considerato semplicemente un dono di Venere.

    dit a 

  • 5

    Il Purgatorio è azzurro, del dolce colore d'oriental zaffiro, e dolcemente malinconico, pervaso di nostalgia - non di ciò che si è lasciato sulla terra, ma del Paradiso a cui si tende. Il Purgatorio s ...continua

    Il Purgatorio è azzurro, del dolce colore d'oriental zaffiro, e dolcemente malinconico, pervaso di nostalgia - non di ciò che si è lasciato sulla terra, ma del Paradiso a cui si tende. Il Purgatorio si inarca verso Dio, come all'Inferno i dannati sono bloccati per l'eternità nel momento che ha deciso il loro destino, e per l'eternità sono immobilizzati nella potente sintesi della loro dannazione, privati di futuro e di speranza.

    Ho mantenuto nella lettura l'atteggiamento rilassato che mi ero ripromessa, senza preoccuparmi di studiare. Così mi sono goduta la poesia, ma adesso provo il bisogno di rileggere da capo tutta la cantica, perché ho in mente l'eco di decine di versi che non so più collocare. Temo che non potrò mai liberarmi di Dante, non potrò mai darlo per definitivamente letto e acquisito. Che bello, posso già cominciare a pregustare la prossima rilettura. In pratica, la mia vita è un continuo Purgatorio...

    dit a 

  • 4

    È una cantica molto umana, delicata, in molti punti commovente (mi sono piaciuti moltissimo i superbi e l'incontro con Forese Donati, poi ho amato tantissimo Virgilio). Confesso che inizialmente, rico ...continua

    È una cantica molto umana, delicata, in molti punti commovente (mi sono piaciuti moltissimo i superbi e l'incontro con Forese Donati, poi ho amato tantissimo Virgilio). Confesso che inizialmente, ricordando l'Inferno e aspettandomi qualcosa di simile, non mi era piaciuto molto. E invece poi ho capito che il Purgatorio è semplicemente bello in una maniera diversa.
    Però l'Inferno mi piace comunque di più.

    dit a 

  • 4

    Más allá del significado político, moral o religioso de la Divina Comedia, hay que alabar la imaginación tan portentosa de Dante Alighieri, para concebir y desarrollar una obra de ficción como esta.

    A ...continua

    Más allá del significado político, moral o religioso de la Divina Comedia, hay que alabar la imaginación tan portentosa de Dante Alighieri, para concebir y desarrollar una obra de ficción como esta.

    Ante todo nos encontramos frente a un gran clásico de la literatura medieval. Un producto, no solo del fervor religioso que impregnaba aquellos tiempos el mundo occidental, si no también de lo conflictos nacionales y locales que afectaron tanto a Dante, como a su nación, Italia. Al contar con tantas y variadas influencias, la Divina comedia, resulta muy compleja y está abierto a múltiples interpretaciones, lo que dificulta su lectura.

    Para empezar, hay que decir que consta de 3 cantigas; Infierno, purgatorio y paraíso, maravillosamente escritas en verso. De las tres, la más entretenida e impactante es el infierno, donde el autor, nos muestra los castigos que sufren los pecadores. Esta parte es tan famosa y universal, que en los siglos posteriores, siempre que se habla de infierno, se tiene esta visión "dantesca" en la mente. El purgatorio, aunque menos imaginativo, también es agradable de leer, aunque más difícil. Pero el paraíso, última cantiga, es un tormento, horriblemente complejo para todos los que somos profanos en materia de teología.

    Mención especial tengo que hacer de la edición, que consta de una maravillosa introducción sobre el poeta, su vida y el proceso de creación de la Divina comedia. También consta de numerosas notas, que a lo largo de los distintos cantos, ayudan a esclarecer el poema y dan información sobre personajes, hechos históricos y cuestiones teológicas no conocidas por todos.

    Poco más tengo que añadir, salvo que ha sido una aventura y un reto leerse esta gran obra de la literatura, que aunque pesada a veces, te permite aprender un poco sobre mitología y ayuda a comprender mejor la doctrina católica de aquellos años.

    dit a 

  • 5

    Era già l'ora che volge il disio
    ai navicanti e 'ntenerisce il core
    lo dì c'han detto ai dolci amici addio;
    e che lo novo peregrin d'amore
    punge, se ode squilla di lontano
    che paia il giorno pianger c
    ...continua

    Era già l'ora che volge il disio
    ai navicanti e 'ntenerisce il core
    lo dì c'han detto ai dolci amici addio;
    e che lo novo peregrin d'amore
    punge, se ode squilla di lontano
    che paia il giorno pianger che si more;
    quand' io incominciai
    ...

    dit a 

  • 4

    Splendido capolavoro. A scuola non rende giustizia ma ripreso ad un altro livello all'università, ho finalmente potuto apprezzarlo appieno. Inutile dire che la mia parte preferita era e resta tutt'ora ...continua

    Splendido capolavoro. A scuola non rende giustizia ma ripreso ad un altro livello all'università, ho finalmente potuto apprezzarlo appieno. Inutile dire che la mia parte preferita era e resta tutt'ora l'Inferno.

    dit a 

  • 5

    IL capolavoro assoluto

    Faccio mia l'opinione dello scrittore argentino Jorge Luis Borges, secondo il quale si tratta dell'opera letteraria più grande della storia dell'umanità.
    E lo dice uno che - tanto per far capire che t ...continua

    Faccio mia l'opinione dello scrittore argentino Jorge Luis Borges, secondo il quale si tratta dell'opera letteraria più grande della storia dell'umanità.
    E lo dice uno che - tanto per far capire che tipo fosse - si era imparato appositamente l'islandese antico per poter leggere in originale le saghe di quel remoto paese!

    dit a 

  • 5

    che dire di questo classico mi posso solo avventurare ad affermare che Sermonti per me è tra i più grandi commentatori di classici ha la prerogativa di farti conoscere questi tomi con la facilità di b ...continua

    che dire di questo classico mi posso solo avventurare ad affermare che Sermonti per me è tra i più grandi commentatori di classici ha la prerogativa di farti conoscere questi tomi con la facilità di bere un bicchiere d'acqua

    dit a