Da dove viene il vento

Di

Editore: Einaudi (I coralli)

3.1
(91)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 242 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806191047 | Isbn-13: 9788806191047 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace Da dove viene il vento?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Un uomo sospeso nello spazio, un altro che non sa dove sta andando, due amanti e un clandestino: una storia tanto vasta da abbracciare persone vissute in tempi e luoghi diversi, attraverso sentimenti identici.Le loro vicende, i loro desideri, i loro pensieri s'inseguono mentre chi li racconta cerca di riannodare i fili della propria vita.L'autrice di Mille anni che sto qui (Premio Campiello 2007) torna ai suoi grandi temi: il tempo, la passione amorosa e civile, i destini degli uomini che s'intrecciano e si modificano seguendo vie misteriose.La ricerca di un'impossibile appartenenza, un inno alla forza della vita e della scrittura.
Ordina per
  • 2

    Premessa: io i libri tendo a finirli, se proprio proprio raramente li abbandono. Per questo ho approfittato dei diritti del lettore enunciati da Pennac e ho saltato dei pezzi.
    Purtroppo, se uno non ha ...continua

    Premessa: io i libri tendo a finirli, se proprio proprio raramente li abbandono. Per questo ho approfittato dei diritti del lettore enunciati da Pennac e ho saltato dei pezzi.
    Purtroppo, se uno non ha una storia, non basta aggiungere elucubrazioni intelletualistiche, che anzi appesantiscono e generano noia.

    ha scritto il 

  • 2

    L'idea sarebbe anche stata buona, ma il risultato narrativo mi è sembrato piuttosto pasticciato e velleitario. E' bello quando le storie anziché essere narrate "emergono" da sole dagli eventi e dai pe ...continua

    L'idea sarebbe anche stata buona, ma il risultato narrativo mi è sembrato piuttosto pasticciato e velleitario. E' bello quando le storie anziché essere narrate "emergono" da sole dagli eventi e dai personaggi, ma in questo caso, in alcuni momenti di questo libro, la presenza di una voce narrante sarebbe stata a mio parere opportuna per dipanare e rendere maggiormente fruibili gli avvenimenti e i pensieri.

    ha scritto il 

  • 4

    una storia sola

    C'è una narratrice che vive in una città che non le appartiene, in cui si sente estranea; immagina e racconta a se stessa storie di altre persone che vivono per un motivo o per l'altro una condizione ...continua

    C'è una narratrice che vive in una città che non le appartiene, in cui si sente estranea; immagina e racconta a se stessa storie di altre persone che vivono per un motivo o per l'altro una condizione di isolamento; è attraverso queste storie che "prende corpo" e si definisce anche la sua condizione d'essere.
    Il titolo è dato da una favola berbera in cui due innamorati, cercandosi e superando prove, perdono il proprio corpo ma non la voce...

    ha scritto il 

  • 1

    Non ce la posso fare

    Ora qualcuno mi spiegherà come sia possibile che l'autrice di un libro niente male come Mille anni che sto qui sia la stessa che ha concepito questo libello illeggibile, in cui storie senza filo si as ...continua

    Ora qualcuno mi spiegherà come sia possibile che l'autrice di un libro niente male come Mille anni che sto qui sia la stessa che ha concepito questo libello illeggibile, in cui storie senza filo si assiepano in un continuo narrativo scritto davvero male. A questo si aggiunga che dei 4 personaggi non ce n'è uno che si salvi per approfondimento psicologico o quanto meno simpatia.

    ha scritto il 

  • 2

    ???

    Ingarbugliato e caotico. C'è una bella vena intellettuale e poetica, ma è troppo criptico, a tratti incomprensibile, non vale il prezzo di copertina (per fortuna io l'ho comprato in offerta) e siamo s ...continua

    Ingarbugliato e caotico. C'è una bella vena intellettuale e poetica, ma è troppo criptico, a tratti incomprensibile, non vale il prezzo di copertina (per fortuna io l'ho comprato in offerta) e siamo sempre li...se io avessi scritto un libro così non lo avrebbero pubblicato MAI!!!!!

    ha scritto il 

  • 4

    Personale - Romanzo contemporaneo ed italiano - Da dove viene il vento

    Da dove viene il vento
    Le vite di Dora e Salvatore, si rincontrano dopo anni di lontananza a Padova. Entrambi hanno ideali politici anche se diversi; molte contraddizioni hanno toccato particolari dei ...continua

    Da dove viene il vento
    Le vite di Dora e Salvatore, si rincontrano dopo anni di lontananza a Padova. Entrambi hanno ideali politici anche se diversi; molte contraddizioni hanno toccato particolari dei loro animi.
    Sono Passati vent’anni, in una Padova brutta e grigia. Non sono più giovani e sono cambiati, ma nonostante Salvatore abbia già una famiglia, la passione rinasce. Non si può più sognare perché ora entrambe sono adulti.
    Un romanzo che tocca anche l'esistenza della migrazione nel nostro paese.
    Devo dire che la conclusione fa riflettere perché tutto può accadere!

    ha scritto il 

  • 0

    Inutilità

    Certe volte il vento dovrebbe soffiare talmente forte ma talmente forte da far disperdere nell'aria tutte ma proprio tutte le pagine dei manoscritti. Prima che vangano dati agli editori. Prima che ven ...continua

    Certe volte il vento dovrebbe soffiare talmente forte ma talmente forte da far disperdere nell'aria tutte ma proprio tutte le pagine dei manoscritti. Prima che vangano dati agli editori. Prima che vengano stampati. Prima, soprattutto, che vangano comprati.
    Purtroppo in questo caso il vento stava in vacanza.

    ha scritto il 

  • 4

    E' impossibile dire da dove viene il vento, da quale angolo del mondo si origina. E' allo stesso tempo impossibile dire da dove nascono i sentimenti, i destini delle nostre vite. E in questo vortice d ...continua

    E' impossibile dire da dove viene il vento, da quale angolo del mondo si origina. E' allo stesso tempo impossibile dire da dove nascono i sentimenti, i destini delle nostre vite. E in questo vortice di risposte impossibili ci si perde lasciando che il vento stesso ci sfiori la pelle e trasporti una parte di noi verso altri luoghi, alla ricerca di alte domande...
    E' un libro ermetico, labirintico, affollato ma allo stesso tempo trasmette un forte senso di solitudine e di pace, così...."vivo distrattamente, intrappolata nell'inerzia e senza desideri. Allora l'unica via d'uscita è immergermi nelle storie degli altri. Cercare lì dentro, i fili spezzati della mia. Raggiungerti. Attraversare il confine. Quello fra me e te".

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per