Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dal verde chiaro al verde scuro

Le conseguenze dell'Irlanda

Di

Editore: Edizioni Miele

3.2
(10)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 240 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8863321272 | Isbn-13: 9788863321272 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature , Travel

Ti piace Dal verde chiaro al verde scuro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Sarà perché l'itinerario descritto e i luoghi visitati sono quasi identici ai miei, sarà perché vorrei tornare in Irlanda, per mille cose e nessuna ho adorato questo diario di viaggio, scritto da qual ...continua

    Sarà perché l'itinerario descritto e i luoghi visitati sono quasi identici ai miei, sarà perché vorrei tornare in Irlanda, per mille cose e nessuna ho adorato questo diario di viaggio, scritto da qualcuno che ama l'isola di smeraldo nella sua interezza e il suo amore traspare in ogni singola descrizione.

    ha scritto il 

  • 4

    Sono una amante dell'Irlanda da sempre, da quando ancora internet non era di così facile accessibilità e io cercavo notizie su enciclopedie cartacee o individuavo libri da leggere consultando le bibli ...continua

    Sono una amante dell'Irlanda da sempre, da quando ancora internet non era di così facile accessibilità e io cercavo notizie su enciclopedie cartacee o individuavo libri da leggere consultando le bibliografie di altri libri. Poi in Irlanda ci sono andata, più volte, realizzando il mio sogno, e mi è rimasta nel cuore. Questo libro mi ha riportata là, ai miei viaggi, leggendo visualizzavo esattamente quello che il protagonista raccontava, Temple Bar, Eyre Square, Galway, le strade che si perdono nel verde, è stato come immergersi in una scatola del tempo e dello spazio. Quindi complimenti a Francesco, per aver scritto un libro a mio avviso con un potere evocativo molto forte, che ti rapisce e ti porta con se.

    ha scritto il 

  • 1

    Le conseguenze della birra?

    Come si può leggere nella quarta di copertina, questo libro narra le avventure di quattro ragazzi stanchi della solita routine, che decidono di punto in bianco di partire in vacanza per l’Irlanda.
    È u ...continua

    Come si può leggere nella quarta di copertina, questo libro narra le avventure di quattro ragazzi stanchi della solita routine, che decidono di punto in bianco di partire in vacanza per l’Irlanda.
    È un diario di viaggio ed al suo interno l’autore ha inserito alcune foto scattate mentre faceva questo interessante viaggio ed inoltre ha introdotto alcuni “post-it” dove specifica il significato di alcune parole.
    Ora veniamo alle parole, il libro sarebbe anche interessante nel suo complesso, le descrizioni dei paesaggi sono molto belle, ma spesso l’autore ha il brutto vizio di utilizzare parolacce o termini “poco fini”.
    Devo dire la verità che mi ha lasciato un po’ perplessa, questo testo a mio parere poteva essere molto più interessante se il gergo utilizzato fosse stato più appropriato.
    Troppe volte l’autore ci ricorda le fattezze delle ragazze e non lo fa sicuramente da gentiluomo.
    Ora io sono giovane, conosco il linguaggio dei miei coetanei e capisco benissimo che talvolta possiamo essere scurrili, ma pubblicare certe cose in un libro io lo avrei proprio evitato.
    Voglio mettere in chiaro una cosa, il voto che ho dato al contenuto sarebbe da suddividere in due parti:
    - per la parte in cui l’autore descrive i paesaggi o i posti che ha visitato meriterebbe quattro stelline su cinque;
    - per la parte volgare zero stelline su cinque.
    Sarò io bacchettona su queste cose, ma le parolacce nei libri non le gradisco proprio!

    Che altro posso dire?
    Ho tanto atteso questo testo, ma purtroppo ha molto deluso le mie aspettative.
    Mi dispiace per l’autore che me l’ha spedito, ma non mi sento di consigliarlo.

    ha scritto il 

  • 4

    Sono pronta a tornare in Irlanda anche domani!!!

    Quando ho detto alla mia migliore amica, e compagna di avventura nel mio primo viaggio in Irlanda, che avevo acquistato questo libro, la sua risposta è stata: "Brava! Rigira il dito nella piaga da sol ...continua

    Quando ho detto alla mia migliore amica, e compagna di avventura nel mio primo viaggio in Irlanda, che avevo acquistato questo libro, la sua risposta è stata: "Brava! Rigira il dito nella piaga da sola!!! :D"
    In effetti aveva ragione, più andavo avanti nella lettura e più mi tornavano alla mente luoghi, sensazioni, pensieri. Ho rivissuto molti luoghi e molte esperienze: prima tra tutte l'andare in auto contromano. Per non parlare del perdersi e del farsi capire.
    Bello "ritornare" a Kilkenny con il ricordo di quel "Cas'sle", incomprensibile ai più, della guida.
    Prossimo obiettivo: tornare in Irlanda e questa volta fare anche la costa ovest!!!

    ha scritto il 

  • 5

    Pronti, zaino in spalla e via! E' questo lo spirito che Francesco Memoli racchiude nel suo scritto edito da Edizioni Miele, al centro del quale si trovano le conseguenze che un viaggio nella terra del ...continua

    Pronti, zaino in spalla e via! E' questo lo spirito che Francesco Memoli racchiude nel suo scritto edito da Edizioni Miele, al centro del quale si trovano le conseguenze che un viaggio nella terra del verde (e della pioggia) lascia indelebilmente impresse nell'animo dei compagni di avventura in questo magico viaggio.
    Il diario di viaggio di Memoli, seppur partendo da una forma letteraria ampiamente sfruttata è ben lungi dall'essere un semplice resoconto delle ferie di un gruppo di amici. C'è leggerezza ed ironia, passione e ricerca di avventure esotiche in terre sconosciute e da amare. Tutto poi è amalgamato con la cultura salernitana da cui l'autore proviene, dando all'Opera una melodia festosa.
    E' un viaggio “on the road”, quasi a ricordare la mitica Route 66 di Kerouac, rivisitata in chiave moderna e italianissima.
    Il volume, vincitore del premio letterario “Narra il saggio” 2011 e disponibile in libreria da metà aprile è poi impreziosito dagli interventi di alcuni illustri personaggi quali Massimo Giuntini, maestro di cornamusa irlandese che ha firmato la prefazione, Alessandro Finaz, autore dell'introduzione e vincitore nel 2010 del Trofeo Insound come miglior chitarrista acustico italiano ed Enrico “Erriquez” Greppi del gruppo folk rock “Bandabardò”.

    ha scritto il 

Ordina per