Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dall'altra parte

Di ,,

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

4.1
(116)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 249 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8817009423 | Isbn-13: 9788817009423 | Data di pubblicazione: 

Genere: Biography , Health, Mind & Body , Non-fiction

Ti piace Dall'altra parte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Tre clinici raccontano la loro doppia esperienza di medici e di malati.L'insorgenza improvvisa del male sconvolge la loro vita professionale e illoro status professionale. Ora, la malattia non è più da curare, ma anche davivere, in prima persona. Dopo aver vissuto da medici le diagnosi piùinfauste, le terapie più devastanti, ma anche la paura, l'angoscia di morte elo smarrimento di tutti gli ammalati gravi, essi raccontano il tragico e ilgrottesco della loro esperienza, anche con sferzate al mondo dei colleghisani, ignari di cosa significhi essere un ammalato in Italia. E, soprattutto,mettono nero su bianco in un "Decalogo per una Medicina diversa" le loroproposte perché la Sanità possa funzionare meglio.
Ordina per
  • 3

    Un'esperienza esemplare. Ma che resta comunque in una sfera di ambiguità: perché il vero dramma del rapporto paziente-medico è il potere della conoscenza che i nostri eroi pur nella nuova condizione continuano a condividere

    ha scritto il 

  • 2

    Tralasciando l'introduzione del giornalista, totalmente inadeguata, stucchevole, infarcita di facile retorica e in una parola, inutile, il libro merita due stelle e mezzo.


    Delle tre, la narrazione che sicuramente vale di più è quella di Bartoccioni, che non a caso apre il libro. Il profess ...continua

    Tralasciando l'introduzione del giornalista, totalmente inadeguata, stucchevole, infarcita di facile retorica e in una parola, inutile, il libro merita due stelle e mezzo.

    Delle tre, la narrazione che sicuramente vale di più è quella di Bartoccioni, che non a caso apre il libro. Il professore, unendo ad una visione professionale, medica ed accademica, la più profonda e personale visione umana, permette davvero la sottile comprensione delle problematiche relative al rapporto col malato, e non solo. Argomento fondamentale per ogni studente che voglia diventare un medico, se non buono, almeno coscienzioso (sempre che i due termini, nella gran parte dei casi, non siano perfettamente coincidenti). Proprio questa completa, semplice confessione di sé e dei problemi anche non materiali del malato mette in mostra se non l'inadeguatezza, almeno l'ingenuità delle proposte finali del libro. Lasciando stare la quasi utopica visione di un sistema sanitario italiano che possa funzionare in tal modo (tale utopia è fondamentale per far sì che almeno un decimo delle cose, prima o poi, possa cambiare davvero), ciò non basta e non basterà mai, sarà sempre essenziale un fattore non controllabile, non insegnabile, non valutabile oggettivamente, ovvero l'umanità di chi ci troveremo di fronte nel momento del bisogno.

    ha scritto il 

  • 5

    Da futuro medico, non posso che notare con amarezza quanta verità ci sia in queste pagine..se non volete chiudere sempre gli occhi di fronte alle cose che non vanno, come purtroppo ci capita troppo spesso, allora affrontate questo libro..

    ha scritto il 

  • 5

    Il pensiero comune è quello di vedere i medici come robot indistruttibili, ma non è così: anche loro si ammalano e pure seriamente. Questo libro raccoglie le storie di tre medici che si sono trovati di fronte a ciò contro cui hanno combattuto: la malattia. Stilisticamente parlando, ma non umaname ...continua

    Il pensiero comune è quello di vedere i medici come robot indistruttibili, ma non è così: anche loro si ammalano e pure seriamente. Questo libro raccoglie le storie di tre medici che si sono trovati di fronte a ciò contro cui hanno combattuto: la malattia. Stilisticamente parlando, ma non umanamente, la migliore è la prima, quella di Sandro Bartoccioni, che manifesta anche una spigliata ironia: ci sono molte cose da imparare dal suo testo, mai banale o di autocompatimento.

    ha scritto il 

  • 4

    un libro molto interessante e toccante.
    tre esperienze di vita. tre medici famosi che si ammalano diventando così pazienti.
    ovviamente pazienti di un certo riguardo, con molte possibilità in più di un malato normale ma forse anche con paure più grandi perchè conoscono meglio cosa li aspetta.
    come ...continua

    un libro molto interessante e toccante. tre esperienze di vita. tre medici famosi che si ammalano diventando così pazienti. ovviamente pazienti di un certo riguardo, con molte possibilità in più di un malato normale ma forse anche con paure più grandi perchè conoscono meglio cosa li aspetta. come già detto da molti consigliabile sopprattutto a che lavora nel mondo medico. leggerlo però fa bene a tutti

    ha scritto il