Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Dall'altra parte

By Sandro Bartoccioni,Francesco Sartori,Gianni Bonadonna

(206)

| Paperback | 9788817009423

Like Dall'altra parte ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Tre clinici raccontano la loro doppia esperienza di medici e di malati.L'insorgenza improvvisa del male sconvolge la loro vita professionale e illoro status professionale. Ora, la malattia non è più da curare, ma anche davivere, in prim Continue

Tre clinici raccontano la loro doppia esperienza di medici e di malati.L'insorgenza improvvisa del male sconvolge la loro vita professionale e illoro status professionale. Ora, la malattia non è più da curare, ma anche davivere, in prima persona. Dopo aver vissuto da medici le diagnosi piùinfauste, le terapie più devastanti, ma anche la paura, l'angoscia di morte elo smarrimento di tutti gli ammalati gravi, essi raccontano il tragico e ilgrottesco della loro esperienza, anche con sferzate al mondo dei colleghisani, ignari di cosa significhi essere un ammalato in Italia. E, soprattutto,mettono nero su bianco in un "Decalogo per una Medicina diversa" le loroproposte perché la Sanità possa funzionare meglio.

26 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un'esperienza esemplare. Ma che resta comunque in una sfera di ambiguità: perché il vero dramma del rapporto paziente-medico è il potere della conoscenza che i nostri eroi pur nella nuova condizione continuano a condividere

    Is this helpful?

    Ugo Maria Tassinari said on Aug 4, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il medico "professionista sicuro e distante" quando sperimenta la malattia e la conseguente fragilità scopre l'importanza del calore umano nella professione.

    Is this helpful?

    Giovanna D'Ari said on May 20, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    A ispirare questo libro, fu una puntata della trasmissione di Minoli "la storia siamo noi" andata in onda nel 2005. In quell'occasione, si raccolsero le toccanti testimonianze di un cardiochirurgo, di un oncologo e di un chirurgo toracico che ad un c ...(continue)

    A ispirare questo libro, fu una puntata della trasmissione di Minoli "la storia siamo noi" andata in onda nel 2005. In quell'occasione, si raccolsero le toccanti testimonianze di un cardiochirurgo, di un oncologo e di un chirurgo toracico che ad un certo punto della loro vita si sono trovati "dall'altra parte": non più medici, bensì pazienti. Fosse per me, farei entrare questo libro nel curriculum studiorum di ciascun aspirante medico. E ne raccomanderei lo studio attento anche a tutti i politici, che a qualsiasi titolo, debbano occuparsi di sanità. Per tutti gli altri, leggere questo libro significa fermarsi a riflettere su cosa significhi la vita, la battaglia quotidiana per difenderla, cosa è lecito chiedere a chi ha in mano le sorti delle nostre esistenze o di quelle dei nostri cari. Perché tutti, medici compresi, potremmo un giorno essere "dall'altra parte"...

    Is this helpful?

    La Merlettaia said on Sep 28, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tralasciando l'introduzione del giornalista, totalmente inadeguata, stucchevole, infarcita di facile retorica e in una parola, inutile, il libro merita due stelle e mezzo.

    Delle tre, la narrazione che sicuramente vale di più è quella di Bartoccioni, ...(continue)

    Tralasciando l'introduzione del giornalista, totalmente inadeguata, stucchevole, infarcita di facile retorica e in una parola, inutile, il libro merita due stelle e mezzo.

    Delle tre, la narrazione che sicuramente vale di più è quella di Bartoccioni, che non a caso apre il libro. Il professore, unendo ad una visione professionale, medica ed accademica, la più profonda e personale visione umana, permette davvero la sottile comprensione delle problematiche relative al rapporto col malato, e non solo. Argomento fondamentale per ogni studente che voglia diventare un medico, se non buono, almeno coscienzioso (sempre che i due termini, nella gran parte dei casi, non siano perfettamente coincidenti).
    Proprio questa completa, semplice confessione di sé e dei problemi anche non materiali del malato mette in mostra se non l'inadeguatezza, almeno l'ingenuità delle proposte finali del libro. Lasciando stare la quasi utopica visione di un sistema sanitario italiano che possa funzionare in tal modo (tale utopia è fondamentale per far sì che almeno un decimo delle cose, prima o poi, possa cambiare davvero), ciò non basta e non basterà mai, sarà sempre essenziale un fattore non controllabile, non insegnabile, non valutabile oggettivamente, ovvero l'umanità di chi ci troveremo di fronte nel momento del bisogno.

    Is this helpful?

    ebrune said on Apr 22, 2011 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Da futuro medico, non posso che notare con amarezza quanta verità ci sia in queste pagine..se non volete chiudere sempre gli occhi di fronte alle cose che non vanno, come purtroppo ci capita troppo spesso, allora affrontate questo libro..

    Is this helpful?

    Firulip said on Sep 27, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (206)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 249 Pages
  • ISBN-10: 8817009423
  • ISBN-13: 9788817009423
  • Publisher: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  • Publish date: 2006-01-01
Improve_data of this book