Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Dampyr vol.116

Pioggia di demoni

Di

Editore: Sergio Bonelli Editore

3.9
(28)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 98 | Formato: Paperback

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Illustratore o Matitista: Luca Rossi ; Illustrazione di copertina: Enea Riboldi

Genere: Comics & Graphic Novels , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Dampyr vol.116?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dampyr n. 116, mensile<br />Pioggia di demoni<br />Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli<br />Disegni: Luca Rossi<br />Copertina: Enea Riboldi<br />In mezzo alle grandi pianure dell’Illinois sorge, abbandonata da decenni, la “Grand Central School”. Negli anni Cinquanta, era un collegio statale riservato ai ragazzi che, secondo i criteri di quei tempi, erano subnormali e “deboli di mente”, in gran parte orfani e disadattati. La scuola fu chiusa in seguito a uno scandalo poi soffocato. Ora, pare che un “figliol prodigo”, forse un ex-allievo, sia tornato alla vecchia scuola e abbia posto sul tetto un parafulmine. Infatti, c’è un misterioso individuo che gira per le fattorie isolate della zona vendendo parafulmini scolpiti con figure inquietanti che, a suo dire, proteggono dal Male. In Illinois ci sono anche Harlan, l’amesha Anyel e la veggente Ann Jurging, che hanno percepito il prepararsi di un’invasione infernale. Intanto, il tempo sta volgendo al peggio, si avvicina un tornado e qualcuno, o qualcosa, vaga in cerca di vendetta nei corridoi polverosi e bui della “Grand Central”...
Ordina per
  • 4

    Lode ad Alan Milland

    In realtà questo albo è la storia di Alan Milland, e Dampyr ci entra solo di striscio, per poche, sparutissime pagine. Il che si rivela una scelta vincente. Boselli architetta una storia più adatta a Dylan Dog che a Dampyr, ma lo fa con grande maestria e adiuvato, ai pennelli, dallo straordinario ...continua

    In realtà questo albo è la storia di Alan Milland, e Dampyr ci entra solo di striscio, per poche, sparutissime pagine. Il che si rivela una scelta vincente. Boselli architetta una storia più adatta a Dylan Dog che a Dampyr, ma lo fa con grande maestria e adiuvato, ai pennelli, dallo straordinario Luca Rossi, finendo per confezionare uno degli albi più belli e convincenti degli ultimi anni.

    ha scritto il 

  • 5

    Storia che mi è paiciuta tantissimo, il vero eroe della vicenda è il giovane venditore di parafulmini. La parte migliore dell'albo sono i flashback che raccontano il passato del ragazzo nella tenebrosa Grand Central School....ottimo lavoro di Rossi ai disegni.

    ha scritto il 

  • 4

    Grandioso. Una storia agghiacciante e terribile.
    Come sempre il male colpisce prima i più deboli, quindi i bambini. Senza Kurjak e Tesla, ma in compagnia di altri personaggi indimenticabili.
    << Un istinto sovversivo e ribelle è di per sé anormale. Mi piacerebbe poter sezionare il ...continua

    Grandioso. Una storia agghiacciante e terribile.
    Come sempre il male colpisce prima i più deboli, quindi i bambini. Senza Kurjak e Tesla, ma in compagnia di altri personaggi indimenticabili.
    << Un istinto sovversivo e ribelle è di per sé anormale. Mi piacerebbe poter sezionare il suo cervello...>>

    ha scritto il 

  • 4

    La storia delle State School, dove venivano cresciuti i bambini americani considerati "deboli di mente", è davvero terribile, sono stata tentata di interrompere la lettura almeno un paio di volte.
    Pioggia di demoni non è un racconto tipicamente dampyriano, sembra più un albo di Dylan ...continua

    La storia delle State School, dove venivano cresciuti i bambini americani considerati "deboli di mente", è davvero terribile, sono stata tentata di interrompere la lettura almeno un paio di volte.
    Pioggia di demoni non è un racconto tipicamente dampyriano, sembra più un albo di Dylan Dog, e la fine è un po' tirata via, ma vale la pena anche solo per l'argomento trattato.

    ha scritto il