Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Dança, Dança, Dança

By Haruki Murakami

(4)

| Softcover | 9789724617510

Like Dança, Dança, Dança ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

888 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    un passo dopo l'altro

    Il giudizio favorevole di un lettore speciale mi ha fatto incontrare la scrittura di Murakami e per me è stata una piacevole scoperta. I motivi sono due: lo stile diretto, senza fronzoli, senza ricercatezze virtuosistiche e la capacità introspettiva ...(continue)

    Il giudizio favorevole di un lettore speciale mi ha fatto incontrare la scrittura di Murakami e per me è stata una piacevole scoperta. I motivi sono due: lo stile diretto, senza fronzoli, senza ricercatezze virtuosistiche e la capacità introspettiva dell'autore. Mi è sembrato di seguire il protagonista nel suo viaggio alla ricerca ossessiva di Kiki, una squillo con la quale lui ha avuto una relazione prima che la donna scomparisse nel nulla.
    È un viaggio che procede a passi lenti come una danza orientale per ritrovare più che altro se stessi...

    "anch'io, come te, sento che mi manca qualcosa. Perciò non riesco a vivere una vita normale. Danzo. Siccome mi ricordo i passi, continuo a danzare."

    Mi riservo una stelletta solo perché non sono stata sempre coinvolta o non sono stata attenta nel seguire tutti " i passi di danza".

    Is this helpful?

    Dorica said on Aug 25, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una compagnia piacevolissima

    Cinquecento pagine senza mai avvertire stanchezza o cali d'attenzione, grazie ad una prosa fresca e scorrevole, una molteplicità d'ambienti e personaggi, un protagonista solitario - mai asociale - con il quale scatta una complicità ed empatia immedia ...(continue)

    Cinquecento pagine senza mai avvertire stanchezza o cali d'attenzione, grazie ad una prosa fresca e scorrevole, una molteplicità d'ambienti e personaggi, un protagonista solitario - mai asociale - con il quale scatta una complicità ed empatia immediata. L'epilogo può lasciare un po' perplessi, ma, come si suol dire, spesso conta più il viaggio della destinazione. Sul piano tematico prevalgono le contraddizioni della contemporaneità e la ricerca di uno scopo che dia un senso al vivere. Non manca nulla. Musica, viaggi, amicizia, strade, solitudine, cibo, luci, alberghi, polizia, tenerezza, automobili, rumori, neon, sogni, amore, ristoranti, silenzio, passioni, buio, esotismo, morte, tradizione, incubo, mare, neve, arte, condivisione. Non un capolavoro letterario, bensì una compagnia davvero piacevolissima. (p.s. Non è necessario leggere "Nel segno della pecora" - di cui "Dance dance dance" è considerato un sequel - per comprendere i fatti narrati)

    Is this helpful?

    the Passenger said on Aug 24, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    raccontare il dolore del proprio vissuto attraverso delle lettere indirizzate ad una bambina

    Is this helpful?

    Barbara Bagnini said on Aug 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Classico romanzo alla Murakami.
    Oltretutto, la descrizione del libro non lo indica, ma è la continuazione di "Nel segno della pecora".
    Apprezzato, strambo e onirico come al solito, ma godibile e intrigante.
    Ma dove prenda poi certe idee... ancora non ...(continue)

    Classico romanzo alla Murakami.
    Oltretutto, la descrizione del libro non lo indica, ma è la continuazione di "Nel segno della pecora".
    Apprezzato, strambo e onirico come al solito, ma godibile e intrigante.
    Ma dove prenda poi certe idee... ancora non me lo spiego :)

    Is this helpful?

    AngieLibreria said on Aug 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    in meno di dieci secondi si riesce a capire se quello che si sta guardando è un film francese, lo stesso dicasi per i romanzi giapponesi.
    Onirico, emotivo, prolisso a tratti, ricco di personaggi "strambi". giapponese insomma. Però non mi è dispiaciut ...(continue)

    in meno di dieci secondi si riesce a capire se quello che si sta guardando è un film francese, lo stesso dicasi per i romanzi giapponesi.
    Onirico, emotivo, prolisso a tratti, ricco di personaggi "strambi". giapponese insomma. Però non mi è dispiaciuto affatto.

    Is this helpful?

    Iltiro said on Aug 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Che dire? L' uomo pecora, già presente ne Il segno della pecora di Murakami, torna a ossessionare il protagonista. Stavolta però, quando fa ritorno al Dolphin hotel, lo trova cambiato e ultramoderno.Non è possibile raccontare la trama del romanzo vi ...(continue)

    Che dire? L' uomo pecora, già presente ne Il segno della pecora di Murakami, torna a ossessionare il protagonista. Stavolta però, quando fa ritorno al Dolphin hotel, lo trova cambiato e ultramoderno.Non è possibile raccontare la trama del romanzo visto che è fatta di incontri singolari, di sensazioni più che eventi.Ne risulta un flusso di riflessioni più o meno profonde che mettono il lettore a dura prova per la mancanza di un filo logico

    Is this helpful?

    Alessandra Tonelli said on Aug 17, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book