Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Daniel Deronda

By George Eliot

(58)

| Audio Cassette | 9780140863840

Like Daniel Deronda ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In this remarkable work, George Eliot explores unconventional ground. Through her hero, Daniel Deronda, she focuses on the lives of English Hews, a society-within-a-society of which her contemporaries were largely oblivious or openly disdainful. Thro Continue

In this remarkable work, George Eliot explores unconventional ground. Through her hero, Daniel Deronda, she focuses on the lives of English Hews, a society-within-a-society of which her contemporaries were largely oblivious or openly disdainful. Through her heroine, Gwendolen Harleth, who marries for power rather than love, Eliot explores a vein of human relations that leads only to despair.

7 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Come tenere assieme il tutto in un affondo di bellezza, cioé: la Letteratura che ti apre in tante parti se tu appena la schiudi: per quanto tu voglia guardarci dentro, sarà sempre lei a eplorarti dentro mille volte tanto.

    Ne sento la mancanza. La mancanza delle bizze e delle isterie e della ribellione senza guida di Gwendolen. Voglio ascoltare altre parole pragmatiche di Gascogne e non riuscire mai a decidere s'è più rispetto dei suoi limiti o disprezzo per le sue mir ...(continue)

    Ne sento la mancanza. La mancanza delle bizze e delle isterie e della ribellione senza guida di Gwendolen. Voglio ascoltare altre parole pragmatiche di Gascogne e non riuscire mai a decidere s'è più rispetto dei suoi limiti o disprezzo per le sue mire, quello che mi fa provare. Voglio rivedere il volto ingiallito di Mardocheo e sperare di assomigliare almeno un pochetto al miraggio del suo prossimo che aspetta sullo sfondo d'oro luminoso al tramonto s'un fiume. Voglio vincere la seduzione del male assieme a Daniel, e diventare buono ignorando il pericolo costante di diventare ridicolo. Mi manca l'irriverenza di Hans, la meschinità del padre di Mirah, il giudizio severo di Klasmer. Voglio rivedere gli occhi neri di Lydia Glasher, il fascino ripugnante di Grandcourt, odiare e ammirare e temere e condividere la maternità rinnegata della principessa Halm.

    Me ne faccio un punto d'onore, di tenere separata la lettura e l'esperienza. Purtroppo, siccome la Eliot è letteratura massima, la vera esperienza l'ho fatta leggendo lei, nelle ultime due settimane, non mentre facevo cose tipo litigare sul voto elettorale, passare la serata al bar con tre amici, dormire almeno sei ore per notte e consegnare il lavoro in tempo con il rischio di farti menare dai clienti. Perché la letteratura è tale quando accentua, e accenta, la vita, la maledetta!, l'intrusa; e quindi qualcosa è cambiato, nel mio amare la donna che amo, nel mio confrontarmi con gli amici e con gli altri tutti, nel mio pensare a cosa vorrei pensare di me e di quello che voglio fare da qui a quando poi per me non ci sarà più nessun qui dove far qualcosa.
    È sempre una sconfitta, per me, dover ammettere che un romanzo m'ha dato una sonora lezione, perché io detesto tutti i maestri e specie quelli buoni, che sono crudeli come quelli cattivi potranno solo sperare di essere dicendo grossolanità mica colpendoti a lividi e sangue con le verità che gli sono capitate per mano diventando scrittura.

    Muovermi su carrozze e navi nell'Europa di fine secolo, in una Inghilterra che guarda con ammirazione alle vicende dell'Italia che lotta per la sua unità, nell'Inghilterra all'interno della quale brucia la questione ebraica: per la difesa della propria identità non può che muovere all'attacco. E tremare dentro, sapendo cosa aspetta gli ebrei nel continente, leggendo tutto il romanzo con la consapevolezza che rende tremenda una tragedia greca.

    La scrittirce George Eliot ha scritto uno dei romanzi più vigorosi senza per questo dover essere brutali che abbia mai avuto l'avventatezza di leggere. Da un romanzo così se ne esce cambiati. Dico meglio: da un romanzo così non se ne esce.

    Is this helpful?

    Coda said on Feb 25, 2013 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Daniel Deronda

    Questo è il quinto libro di G Eliot che leggo; la vicenda è interessante, ma ho trovato le metafore, le citazioni e il sustrato filosofico troppo cerebrale e molto difficile da seguire. Decisamente un romanzo non facile e molto diverso dai suoi altri ...(continue)

    Questo è il quinto libro di G Eliot che leggo; la vicenda è interessante, ma ho trovato le metafore, le citazioni e il sustrato filosofico troppo cerebrale e molto difficile da seguire. Decisamente un romanzo non facile e molto diverso dai suoi altri romanzi

    Is this helpful?

    VeneziAnna said on Aug 31, 2012 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    E' impegnativo per linguaggio - che non è sempre scorrevole - e temi trattati (l'ebraismo, la condizione della donna, i falsi privilegi..). Ma è molto bello. E la Eliot non smette di stupirmi per la modernità del suo pensiero. Era talmente tanto più ...(continue)

    E' impegnativo per linguaggio - che non è sempre scorrevole - e temi trattati (l'ebraismo, la condizione della donna, i falsi privilegi..). Ma è molto bello. E la Eliot non smette di stupirmi per la modernità del suo pensiero. Era talmente tanto più avanti dei suoi contemporanei! Che donna! Che pensatrice! Che scrittrice!

    Is this helpful?

    frustrated greedy reader said on Feb 26, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Lo más interesante de la novela es el profundo (y en algunos casos, extremadamente denso) retrato psicológico de los personajes. La autora se toma una gran molestia en que las acciones de los mismos queden perfectamente justificadas y sean comprensib ...(continue)

    Lo más interesante de la novela es el profundo (y en algunos casos, extremadamente denso) retrato psicológico de los personajes. La autora se toma una gran molestia en que las acciones de los mismos queden perfectamente justificadas y sean comprensibles para el lector, tanto como si éste fuera un amigo íntimo. De este modo, el triángulo protagonista alcanza una gran intensidad: las dudas y los anhelos de los personajes no son caprichosos, sino que están sentados sobre una base que la autora se ha ocupado de dejar patente. De este modo, se entiende perfectamente la atracción de Deronda por Gwendolen, del mismo modo que se entiende su atracción por Mirah. Son dos afectos distintos, y que parten de motivos distintos (quizás de un mismo motivo, pero de diferentes interpretaciones del mismo); y sin embargo los dos son igualmente fuerte y –al menos para mí- comprensibles. También resulta lógica la relación de Daniel con Mardoqueo, o el cambio de actitud de la caprichosa Gwendolen.

    El tema del judaísmo es también un plato fuerte, ya que ahonda en él ofreciendo distintas perspectivas y dando una panorámica de la situación que los judíos podían encontrarse en el Londres del siglo XIX. En algunos puntos me ha parecido una narración algo idealizada (igual que la exagerada bondad de Mirah), pero por lo general me ha resultado muy interesante, excepto cuando se mueve quizás demasiado hacia el fanatismo, algo que –se traten de ideas religiosas o no-, me suele causar rechazo; y que culmina con la misión del propio Deronda de conseguir la fundación de un moderno estado de Israel (proyecto que se hizo realidad poco menos de un siglo después de la publicación de la novela). Respecto al tratamiento de esta religión y cultura en la novela, resulta muy interesante el planteamiento que ofrece Eliot, comenzando por el rechazo del protagonista, que de ahí se mueve hacía la curiosidad para terminar abrazándola sinreservas. De todos modos, de este tema lo que más me ha interesado ha sido la -desaprovechada- historia de la princesa Halm-Eberstein, aunque el personaje no haya salido muy bien parada.

    Esto también supone un inconveniente, porque la autora gasta tanta energía en retratar a los personajes psicológicamente que este retrato se puede volver, como sigo al principio, denso e incluso repetitivo, pues suele volver sobre algunos puntos con insistencia. Esto puede lastrar un poco la lectura, ya que la narración se frena durante páginas de párrafos interminables sobre este tema. En cualquier caso, la historia es lo suficientemente atractiva e interesante para que esto sólo resulte un mal menor.

    Is this helpful?

    María said on Aug 30, 2011 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Fidanzamenti, matrimoni, eredità.....

    Come sempre nei romanzi di Elliot donne che attendono di fidanzarsi con uomini benestanti, testamenti capestro, eredità contese: ma questa volta anche un personaggio nuovo. Egoista.
    Non solo: anche la ricerca delle radici ebraiche di Deronda è tema ...(continue)

    Come sempre nei romanzi di Elliot donne che attendono di fidanzarsi con uomini benestanti, testamenti capestro, eredità contese: ma questa volta anche un personaggio nuovo. Egoista.
    Non solo: anche la ricerca delle radici ebraiche di Deronda è tema piuttosto nuovo per l'epoca e molto ben raccontato con buoni colpi di scena. Un buon libro.

    Is this helpful?

    Nicola Lecca (www.nicolalecca.it) said on Apr 15, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi piace molto l'autrice ma effettivamente arrivare alla fine del libro è un traguardo. Sono a pagina 376!!!!

    Is this helpful?

    marimonti said on Feb 18, 2010 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book